Separare il grano dalla paglia

609 separano il grano dalla paglia La pula è il guscio all'esterno del grano, che deve essere separato in modo che il grano possa essere utilizzato. Di solito è considerato un prodotto di scarto. Il grano viene trebbiato per rimuovere le bucce. Nei giorni precedenti la meccanizzazione, i grani con la pula venivano separati l'uno dall'altro gettandoli ripetutamente in aria fino a quando il vento non soffiava via la pula.

La pula è anche usata come metafora di cose inutili e che devono essere rimosse. L'Antico Testamento mette in guardia confrontando il godless con la pula che viene spazzata via. "Ma i malvagi non sono così, ma come pula sparsa dal vento" (Salmo 1,4).

«Ti battezzo con acqua all'autobus; ma questo viene dopo di me (Gesù) è più forte di me e non vale la pena indossare le sue scarpe; ti battezzerà con lo Spirito Santo e con il fuoco. Ha la pala in mano e separerà il grano dalla paglia e raccoglierà il grano nella stalla; ma brucerà la paglia con fuoco indelebile » (Matteo 3,11-12).

Giovanni Battista conferma che Gesù è il giudice che ha il potere di separare il grano dalla paglia. Ci sarà un tempo di giudizio in cui le persone si metteranno davanti al trono di Dio. Metterà il bene nel suo fienile, il male sarà bruciato come paglia.

Questa affermazione ti spaventa o è un sollievo? Al tempo in cui Gesù viveva sulla terra, tutti coloro che respingevano Gesù dovevano essere considerati come pula. Al momento del giudizio, ci saranno persone che scelgono di non accettare Gesù come loro Salvatore.

Se lo guardiamo dal punto di vista di un cristiano, apprezzerai sicuramente questa affermazione. Abbiamo ricevuto grazia in Gesù. In lui siamo i figli di Dio adottati e non abbiamo paura di essere respinti. Non siamo più senza Dio perché appariamo in Cristo davanti a nostro Padre e siamo purificati dai nostri peccati. Lo spirito ci sta attualmente facendo rimuovere la nostra pula, la buccia dei nostri vecchi modi di pensare e di agire. Ora stiamo ridisegnando. In questa vita, tuttavia, non avremo mai la completa libertà dal nostro "vecchio". Quando siamo davanti al nostro Salvatore, è il momento in cui siamo liberi da tutto ciò che è in noi che contraddice Dio. Dio finirà il lavoro che ha iniziato in ognuno di noi. Siamo perfettamente in piedi davanti al suo trono. Fai già parte del grano che si trova nel suo fienile!

da Hilary Buck