Un nuovo cuore

587 un nuovo cuore Il fruttivendolo 53enne Louis Washkansky è stata la prima persona al mondo a vivere con uno strano cuore nel petto. È stato operato per diverse ore da Christiaan Barnard e il team chirurgico di 30 persone. La sera del 2 dicembre 1967, la 25enne impiegata bancaria Denise Ann Darvall fu portata in clinica. Aveva subito ferite mortali al cervello dopo un grave incidente stradale. Suo padre approvò la donazione del cuore e Louis Washkansky fu portato in sala operatoria per il primo trapianto di cuore al mondo. Barnard e il suo team hanno piantato il nuovo organo per lui. Dopo una scossa elettrica, il cuore della giovane donna cominciò a battere nel suo petto. Alle 6.13 l'operazione era finita e la sensazione era perfetta.

Questa fantastica storia mi ha ricordato il mio trapianto di cuore. Sebbene non abbia subito un "trapianto di cuore fisico", tutti noi che seguiamo Cristo abbiamo sperimentato una versione spirituale di questo processo. La crudele realtà della nostra natura peccaminosa è che può finire solo con la morte spirituale. Il profeta Geremia lo dice chiaramente: «Il cuore è una cosa ribelle e scoraggiante; chi lo sa? » (Geremia 17,9).

Data la realtà del nostro "stato spirituale del cuore", può essere difficile avere speranza. Da soli, la possibilità di sopravvivere è zero. Sorprendentemente, Gesù ci offre l'unica possibilità possibile di una vita spirituale.

«Voglio darti un nuovo cuore e un nuovo spirito dentro di te e voglio togliere il cuore di pietra dalla tua carne e darti un cuore pieno di carne» (Ezechiele 36,26).

Un trapianto di cuore? Sorge sempre la domanda: chi dona il suo cuore? Il nuovo cuore che Dio vuole piantare in noi non proviene da una vittima di un incidente. È il cuore di suo figlio Gesù Cristo. L'apostolo Paolo descrive questo dono volontario di Cristo come il rinnovamento della nostra natura umana, la trasformazione del nostro spirito e la liberazione della nostra volontà. Questa redenzione onnicomprensiva ci offre la meravigliosa opportunità di scambiare il nostro vecchio cuore morto con il suo nuovo cuore sano. Un cuore pieno del suo amore e della sua vita eterna. Paolo spiega: «Sappiamo che il nostro vecchio fu crocifisso con lui in modo che il corpo del peccato fosse distrutto in modo da non servire più il peccato. Perché chiunque è morto è stato liberato dal peccato. Ma se morissimo con Cristo, crediamo che vivremo anche con lui » (Romani 6,6-8).

Dio ha avuto uno scambio meraviglioso in Gesù in modo che tu possa vivere una nuova vita in lui, avere amicizia con lui e partecipare alla comunione con il Padre nello Spirito Santo.

Dio implora il tuo nuovo cuore e ti respira con l'altro, nuovo spirito di suo figlio. Hai vita solo attraverso la grazia e la misericordia del Salvatore e del Redentore Gesù Cristo!

di Joseph Tkach