Festeggia la risurrezione di Gesù

La resurrezione 177 celebra Gesù

Ogni anno, la domenica di Pasqua, i cristiani si radunano in tutto il mondo per celebrare la risurrezione di Gesù. Alcune persone si salutano con un saluto tradizionale. Questo detto recita: "È risorto!" In risposta, la risposta è: "È veramente risorto!" Adoro celebrare la buona notizia in questo modo, ma la nostra risposta a questo saluto può sembrare un po 'superficiale. È quasi come avere un "E allora?" aggiungerei. Questo mi ha fatto pensare.

Molti anni fa, quando mi sono posto la domanda di prendere la resurrezione di Gesù Cristo in modo troppo superficiale, ho aperto la Bibbia per trovare una risposta. Mentre leggevo, ho notato che la storia non è finita come fa questo saluto.

I discepoli e i seguaci si rallegrarono quando si resero conto che la pietra veniva rotolata da parte, la tomba era vuota e Gesù risuscitò dai morti. Si può facilmente dimenticare che Gesù apparve ai suoi seguaci 40 giorni dopo la sua risurrezione e diede loro grande gioia.

Una delle mie storie di Pasqua preferite è avvenuta sulla strada per Emmaus. Due uomini hanno dovuto fare una passeggiata estremamente stressante. Ma fu più che il lungo viaggio a scoraggiarli. I suoi cuori e le menti erano agitati. Vedete, questi due erano seguaci di Cristo e, pochi giorni prima, l'uomo che chiamarono Salvatore fu crocifisso. Mentre camminavano, uno sconosciuto inaspettatamente si avvicinò a loro, camminò per la strada con loro, e iniziò la conversazione, riprendendo dove erano. Le ha insegnato cose meravigliose; a partire dai profeti e proseguendo attraverso tutta la Scrittura. Aprì gli occhi sul significato della vita e della morte della sua amata insegnante. Questo sconosciuto l'ha trovata triste e l'ha portata a sperare mentre camminavano e parlavano.

Alla fine arrivarono a destinazione. Naturalmente, gli uomini hanno chiesto allo straniero saggio di rimanere e mangiare con loro. Non è stato fino a quando lo straniero ha benedetto e rotto il pane che è apparso su di loro e lo hanno riconosciuto come quello che era - ma poi se ne andò. Il loro Signore, Gesù Cristo, apparve loro nella carne come Risorto. Non si poteva negare; Era davvero risorto.

Durante il ministero di tre anni di Gesù, ha fatto cose incredibili:
Ha dato da mangiare a 5.000 persone con pane e pesce; guarì lo zoppo e il cieco; scacciò demoni e portò in vita i morti; camminava sull'acqua e aiutava uno dei suoi discepoli a fare lo stesso! Dopo la sua morte e risurrezione, Gesù ha svolto il suo ministero in modo diverso. Nei suoi 40 giorni prima dell'Ascensione, Gesù ci ha mostrato come la Chiesa dovrebbe vivere la buona notizia. E che aspetto aveva? Faceva colazione con i suoi discepoli, insegnava e incoraggiava tutti quelli che incontrava sulla sua strada. Aiutò anche coloro che dubitavano. E poi, prima di andare in paradiso, Gesù istruì i suoi discepoli a fare lo stesso. L'esempio di Gesù Cristo mi ricorda ciò che apprezzo della nostra comunità di fede. Non vogliamo stare dietro le porte della nostra chiesa, vogliamo raggiungere fuori da ciò che abbiamo ricevuto e mostrare amore alle persone.

Attribuiamo grande importanza a raggiungere tutto il bene, la grazia e ad aiutare le persone dove le possiamo trovare. Questo può significare semplicemente condividere un pasto con qualcuno, come fece Gesù in Emmaus. O forse questo aiuto si esprime nell'offrire un passaggio o nell'offerta di fare shopping per gli anziani o nel dare a un amico scoraggiato una parola di incoraggiamento. Gesù ci ricorda come, attraverso il suo modo semplice, si è messo in contatto con le persone, come sulla strada per Emmaus e quanto sia importante la carità. È importante che siamo consapevoli della nostra risurrezione spirituale nel battesimo. Ogni credente in Cristo, maschio o femmina, è una nuova creatura - un figlio di Dio. Lo Spirito Santo ci dà nuova vita - la vita di Dio in noi. Come nuova creatura, lo Spirito Santo ci cambia per diventare sempre più coinvolti nel perfetto amore di Cristo per Dio e per l'uomo. Se la nostra vita è in Cristo, allora abbiamo una parte nella sua vita, sia nella gioia che nell'amore longanime. Siamo partecipi delle sue sofferenze, della sua morte, della sua giustizia, della sua risurrezione, della sua ascensione e infine della sua glorificazione. Come figli di Dio, siamo coeredi di Cristo, che sono inclusi nella sua relazione perfetta con suo Padre. A questo proposito, siamo benedetti con tutto ciò che Cristo ha fatto per noi in modo da poter diventare amati figli di Dio, uniti a Lui - sempre nella gloria!

Questo è ciò che la Chiesa di Dio nel mondo è (WKG) crea una comunità speciale. Ci impegniamo a essere le mani e i piedi di Gesù Cristo a tutti i livelli della nostra organizzazione dove sono maggiormente necessari. Vogliamo amare le altre persone, proprio come Gesù Cristo ci ama, essendo lì per gli scoraggiati, offrendo speranza ai bisognosi e mostrando l'amore di Dio in piccole e grandi cose. Nel momento in cui celebriamo la risurrezione di Gesù e la nostra nuova vita in lui, non dimentichiamo che Gesù Cristo continua a lavorare. Siamo tutti coinvolti in questo ministero, sia che siamo su un sentiero polveroso o seduti a un tavolo da pranzo. Vi ringrazio per il vostro sostegno benevolo, per la vostra partecipazione, per il servizio vitale per la nostra comunità locale, nazionale e globale.

Celebriamo la risurrezione,

Joseph Tkach

presidente
GRACE COMMUNION INTERNATIONAL