santificazione

Santificazione 121

La santificazione è un atto di grazia attraverso il quale Dio attribuisce la giustizia e la santità di Gesù Cristo al credente e lo include in essa. La santificazione si sperimenta mediante la fede in Gesù Cristo e si realizza mediante la presenza dello Spirito Santo nelle persone. (Romani 6,11; 1. Johannes 1,8-9; romani 6,22; 2. Tessalonicesi 2,13; Galati 5, 22-23)

santificazione

Secondo il Concise Oxford Dictionary, santo significa "sistemare o mantenere qualcosa di santo" o "purificare o liberare dal peccato".1 Queste definizioni riflettono il fatto che la Bibbia usa la parola "santo" in due modi: 1) uno status speciale, cioè essere individuato per l'uso di Dio, e 2) comportamento morale - pensieri e azioni commisurati a uno stato santo, Pensieri e azioni che sono in armonia con la via di Dio.2

È Dio che santifica il suo popolo. È colui che lo sceglie per il suo scopo ed è colui che è capace di santa condotta. C'è poca polemica sul primo punto che Dio separa le persone per il Suo scopo. Ma c'è una controversia sull'interazione tra Dio e l'uomo nella santificazione del comportamento.

Le domande includono: quale ruolo attivo dovrebbero giocare i cristiani nella santificazione? In che misura i cristiani dovrebbero aspettarsi di riuscire ad allineare i loro pensieri e le loro azioni allo standard divino? Come dovrebbe la chiesa ammonire i suoi membri?

Presenteremo i seguenti punti:

  • La santificazione è resa possibile dalla grazia di Dio.
  • I cristiani dovrebbero cercare di riconciliare i loro pensieri e azioni con la volontà di Dio, come rivelato nella Bibbia.
  • La santificazione è una crescita progressiva, in risposta alla volontà di Dio. Parliamo di come inizia la santificazione.

Santificazione iniziale

Le persone sono moralmente corrotte e non possono scegliere Dio di propria iniziativa. La riconciliazione deve essere iniziata da Dio. L'intervento misericordioso di Dio è necessario prima che una persona possa avere fede e rivolgersi a Dio. Se questa grazia sia irresistibile è discutibile, ma l'Ortodossia concorda sul fatto che è Dio che fa la scelta. Seleziona le persone per il suo scopo e quindi le santifica o le distingue per gli altri. Nei tempi antichi, Dio ha santificato il popolo d'Israele, e all'interno di questo popolo ha continuato a santificare i Leviti (ad es. 3. Mosè 20,26:2; 1,6; 5 lun. 7,6). Li ha scelti per il suo scopo.3

I cristiani, invece, sono distinti in modo diverso: "I santificati in Cristo Gesù" (1. Corinzi 1,2). "Siamo stati santificati una volta per tutte mediante il sacrificio del corpo di Gesù Cristo" (Ebrei 10,10).4 I cristiani sono santificati dal sangue di Gesù (Ebrei 10,29; 12,12). Sono stati dichiarati sacri (1. Petrus 2,5. 9) e sono chiamati "santi" in tutto il Nuovo Testamento. Questo è il loro stato. Questa prima santificazione è come giustificazione (1. Corinzi 6,11). "Dio vi ha scelti prima per la salvezza nella santificazione mediante lo Spirito" (2. Tessalonicesi 2,13).

Ma il proposito di Dio per il suo popolo va oltre la semplice dichiarazione di un nuovo status: è una messa da parte per il suo uso, e il suo uso implica una trasformazione morale nel suo popolo. Le persone sono "scelte... per obbedire a Gesù Cristo" (1. Petrus 1,2). Devono essere trasformati nell'immagine di Gesù Cristo (2. Corinzi 3,18). Non solo dovrebbero essere dichiarati santi e giusti, ma sono anche rinati. Comincia a svilupparsi una nuova vita, una vita che deve comportarsi in modo santo e retto. Così la santificazione iniziale porta alla santificazione della condotta.

Santificazione del comportamento

Anche nell'Antico Testamento, Dio disse al Suo popolo che il loro status sacro includeva un cambiamento nel comportamento. Gli israeliti dovrebbero evitare l'impurità cerimoniale perché Dio li aveva scelti4,21). Il loro status sacro dipendeva dalla loro obbedienza8,9). I sacerdoti devono perdonare certi peccati perché erano santi (3. Mosè 21,6-7). I devoti hanno dovuto cambiare il loro comportamento mentre venivano individuati (4. Mose 6,5).

La nostra elezione in Cristo ha implicazioni etiche. Da quando il Santo ci ha chiamati, i cristiani sono esortati "ad essere santi in tutto il vostro cammino" (1. Petrus 1,15-16). Come popolo eletto e santo di Dio, dovremmo mostrare sincera compassione, gentilezza, umiltà, mansuetudine e pazienza (Colossesi 3,12).

Il peccato e l'impurità non appartengono al popolo di Dio (Efesini 5,3; 2. Tessalonicesi 4,3). Quando le persone si purificano da piani vergognosi, sono "santificate" (2. Timoteo 2,21). Dovremmo controllare il nostro corpo in modo sacro (2. Tessalonicesi 4,4). "Santo" è spesso associato a "senza colpa" (Efesini 1,4; 5,27; 2. Tessalonicesi 2,10; 3,13; 5,23; Tito 1,8). I cristiani sono "chiamati ad essere santi" (1. Corinzi 1,2), "Per condurre un santo cammino" (2. Tessalonicesi 4,7; 2. Timoteo 1,9; 2. Petrus 3,11). Siamo diretti a “perseguire la santificazione” (Ebrei 12,14). Siamo incoraggiati ad essere santi (Romani 1 Cor2,1), ci viene detto che siamo "fatti santi" (Ebrei 2,11; 10,14), e siamo incoraggiati a continuare ad essere santi (Apocalisse 2 dic.2,11). Siamo santificati dall'opera di Cristo e dalla presenza dello Spirito Santo in noi. Ci cambia dall'interno.

Questo breve studio della parola mostra che santità e santificazione hanno qualcosa a che fare con il comportamento. Dio distingue le persone come "sante" allo scopo di condurre vite sante seguendo Cristo. Siamo salvati per produrre buone opere e buoni frutti (Efesini 2,8-10; Galati 5,22-23). Le buone opere non sono la causa della salvezza, ma una conseguenza di essa.

Le buone opere sono la prova che la fede di una persona è reale (James 2,18). Paolo parla di "obbedienza della fede" e dice che la fede si esprime attraverso l'amore (Romani 1,5; Galati 5,6).

Crescita permanente

Quando le persone arrivano a credere in Cristo, non sono perfette nella fede, nell'amore, nelle opere o nel comportamento. Paolo chiama i santi e fratelli di Corinto, ma hanno molti peccati nelle loro vite. Le numerose ammonizioni nel Nuovo Testamento indicano che i lettori hanno bisogno non solo dell'istruzione dottrinale, ma anche di un'ammonizione sul comportamento. Lo Spirito Santo ci cambia, ma non opprime la volontà umana; una vita santa non scorre automaticamente dalla fede. Ogni Cristo deve prendere decisioni, se vuole fare il bene o il male, anche se Cristo lavora in noi per cambiare i nostri desideri.

Il "vecchio me" può essere morto, ma anche i cristiani devono liberarsene (Romani 6,6-7; Efesini 4,22). Dobbiamo continuare a uccidere le opere della carne, i resti del vecchio io (Romani 8,13; Colossesi 3,5). Anche se siamo morti per il peccato, il peccato rimane dentro di noi e non dovremmo lasciarlo governare (Romani 6,11-13). Pensieri, emozioni e decisioni devono essere modellati consapevolmente secondo il modello divino. La santità è qualcosa da perseguire (Ebrei 12,14).

Ci viene chiesto di essere perfetti e di amare Dio con tutto il nostro cuore (Matteo 5,48;
22,37). A causa delle limitazioni della carne e dei resti del vecchio sé, non siamo in grado di essere così perfetti. Persino Wesley, che parlava audacemente di "perfezione", dichiarò che non intendeva la completa assenza di imperfezione.5 La crescita è sempre possibile e ordinata. Se una persona ha un amore cristiano, lui o lei si sforzerà di imparare come esprimerlo in un modo migliore, con meno errori.

L'apostolo Paolo ebbe il coraggio di dire che la sua condotta era "santa, giusta e irreprensibile" (2. Tessalonicesi 2,10). Ma non pretendeva di essere perfetto. Piuttosto, ha raggiunto questo obiettivo e ha ammonito gli altri a non pensare di aver raggiunto il loro obiettivo 3,12-15). Tutti i cristiani hanno bisogno del perdono (Matteo 6,12; 1. Johannes 1,8-9) e deve crescere nella grazia e nella conoscenza (2. Petrus 3,18). La santificazione dovrebbe aumentare per tutta la vita.

Ma la nostra santificazione non sarà completata in questa vita. Grudem spiega: “Quando comprendiamo che la santificazione include tutta la persona, compreso il nostro corpo (2. Corinzi 7,1; 2. Tessalonicesi 5,23), allora ci rendiamo conto che la santificazione non sarà pienamente completata finché il Signore non ritornerà e non avremo ricevuto nuovi corpi di risurrezione».6 Solo allora saremo liberati da ogni peccato e ci sarà dato un corpo glorificato come quello di Cristo (Filippesi 3,21; 1. Johannes 3,2). Per questa speranza cresciamo nella santificazione purificandoci (1. Johannes 3,3).

Ammonizione biblica alla santificazione

Wesely vide un bisogno pastorale di esortare i fedeli all'obbedienza pratica che deriva dall'amore. Il Nuovo Testamento contiene molte tali ammonizioni, ed è giusto predicare loro. È giusto ancorare il comportamento nel motivo dell'amore e infine dentro
la nostra unità con Cristo attraverso lo Spirito Santo, che è la fonte dell'amore.

Sebbene diamo gloria a Dio e comprendiamo che la grazia deve iniziare tutto il nostro comportamento, concludiamo anche che tale grazia è presente nei cuori di tutti i credenti e li esortiamo a rispondere a questa grazia.

McQuilken offre un approccio pratico piuttosto che un approccio dogmatico 7 Non insiste sul fatto che tutti i credenti nella santificazione debbano avere esperienze simili. Promuove alti ideali, ma senza presupporre la perfezione. La sua esortazione a servire come risultato finale della santificazione è buona. Sottolinea gli avvertimenti scritti sull'apostasia, piuttosto che limitarsi a conclusioni teologiche sulla perseveranza dei santi.

La sua enfasi sulla fede è utile perché la fede è il fondamento di ogni cristianesimo, e la fede ha conseguenze pratiche nelle nostre vite. I mezzi di crescita sono pratici: la preghiera, le Scritture, l'amicizia e un approccio sicuro alle prove. Robertson esorta i cristiani a una maggiore crescita e testimonianza senza esagerare le richieste e le aspettative.

I cristiani sono esortati a diventare ciò che sono già, secondo la dichiarazione di Dio; l'imperativo segue l'indicativo. I cristiani dovrebbero vivere una vita santa perché Dio li ha dichiarati sacri, destinati al loro uso.

Michael Morrison


1 RE Allen, a cura di The Concise Oxford Dictionary of Current English, 8th Edition, (Oxford, 1990), p. 1067.

2 Nell'Antico Testamento (OT) Dio è santo, il suo nome è santo ed è il santo (ricorre più di 100 volte in totale). Nel Nuovo Testamento (NT) "santo" è applicato più spesso a Gesù che al Padre (14 volte contro tre volte), ma molto più spesso allo Spirito (novanta volte). L'AT si riferisce alle persone sante (persone consacrate, sacerdoti e popolo) circa 36 volte, di solito in termini di status; il NT si riferisce alle persone sante circa 50 volte. L'AT si riferisce a luoghi santi circa 110 volte; il NT solo 17 volte. L'AT si riferisce a cose sacre circa 70 volte; il NT solo tre volte come immagine di un popolo santo. L'AT si riferisce ai tempi santi in 19 versi; il NT non descrive mai il tempo come sacro. In termini di luoghi, cose e tempo, la santità si riferisce a uno status designato, non a un comportamento morale. In entrambe le volontà, Dio è santo e la santità viene da lui, ma il modo in cui la santità colpisce le persone è diverso. L'enfasi del Nuovo Testamento sulla santità si riferisce alle persone e al loro comportamento, non a uno status specifico per cose, luoghi e tempi.

3 Specialmente in OT, la santificazione non significa salvezza. Questo è evidente perché anche le cose, i luoghi ei tempi sono stati santificati, e questi si applicano al popolo d'Israele. Un uso della parola "santificazione" che non si riferisce alla salvezza si trova anche in 1. Corinzi 7,4 trovare - un non credente era stato inserito in una categoria speciale per l'uso di Dio in un certo modo. Ebrei 9,13 usa il termine "santo" per riferirsi a uno status cerimoniale sotto il vecchio patto.

4 Grudem nota che in diversi passaggi in Ebrei la parola "santificato" è approssimativamente equivalente alla parola "giustificato" nel vocabolario di Paolo (W. Grudem, Systematic Theology, Zondervan 1994, p. 748, nota 3).

5 John Wesley, "A Plain Account of Christian Perfection", in Millard J. Erickson, ed. Readings in Christian Theology, Volume 3, The New Life (Baker, 1979), 159.

6 Grudem, P. 749.

7 J. Robertson McQuilken, "The Keswick Perspective", Five Views of Sanctification (Zondervan, 1987), pp. 149-183.


pdfsantificazione