La Sacra Scrittura

107 la sacra scrittura

La Scrittura è la parola ispirata di Dio, la fedele testimonianza del Vangelo e la riproduzione vera e accurata della rivelazione di Dio all'uomo. In questo senso, le Sacre Scritture sono infallibili e fondamentali per la Chiesa in tutte le questioni dottrinali e di vita. Come facciamo a sapere chi è Gesù e cosa ha insegnato Gesù? Come facciamo a sapere se un vangelo è vero o falso? Qual è la base autorevole dell'insegnamento e della vita? La Bibbia è la fonte ispirata e infallibile di ciò che la volontà di Dio è che noi conosciamo e facciamo. (2. Timoteo 3,15-17; 2. Petrus 1,20-21; Giovanni 17,17)

Testimonianza a Gesù

Potresti aver visto le notizie dei giornali sul "Seminario di Gesù", un gruppo di studiosi che affermano che Gesù non ha detto la maggior parte delle cose che ha detto dopo la Bibbia. Oppure potresti aver sentito parlare di altri studiosi che sostengono che la Bibbia è una raccolta di contraddizioni e miti.

Molte persone istruite rifiutano la Bibbia. Altri, ugualmente istruiti, li considerano una cronaca credibile di ciò che Dio ha fatto e detto. Se non possiamo fidarci di ciò che la Bibbia dice di Gesù, allora non abbiamo quasi più nulla da sapere su di Lui.

Il "Seminario di Gesù" è iniziato con un'idea preconcetta di ciò che Gesù avrebbe insegnato. Hanno accettato solo dichiarazioni che si adattano a questa immagine e hanno respinto quelle che non lo hanno fatto. Questo praticamente ha creato un Gesù a tua immagine. Ciò è altamente discutibile da un punto di vista scientifico e persino molti scienziati liberali non sono d'accordo con il "Seminario di Gesù".

Abbiamo buone ragioni per credere che i resoconti biblici di Gesù siano credibili? Sì, sono stati scritti nello spazio di alcuni decenni dopo la morte di Gesù, quando i testimoni oculari erano ancora vivi. I discepoli ebrei spesso memorizzavano le parole dei loro insegnanti; quindi è molto probabile che i discepoli di Gesù abbiano trasmesso gli insegnamenti del loro Maestro con sufficiente accuratezza. Non abbiamo prove che abbiano inventato parole per risolvere problemi nella chiesa primitiva, come la questione della circoncisione. Ciò suggerisce che i loro resoconti riflettono fedelmente ciò che Gesù ha insegnato.

Si può anche ipotizzare un alto livello di attendibilità nella trasmissione delle fonti testuali. Abbiamo manoscritti del IV secolo e parti minori del II. (Il più antico manoscritto di Virgilio sopravvissuto fu scritto 350 anni dopo la morte del poeta; Platone 1300 anni dopo.) Un confronto tra i manoscritti mostra che la Bibbia è stata accuratamente copiata e che abbiamo un testo altamente affidabile.

Gesù: il principale testimone della Scrittura

In molte domande, Gesù era pronto a litigare con i farisei, ma in uno, a quanto pare, non in riconoscimento della natura rivelatrice della Scrittura. Spesso ha avuto opinioni diverse su interpretazioni e tradizioni, ma a quanto pare ha concordato con i sacerdoti ebrei che la Scrittura è stata la base autorevole per la fede e l'azione.

Gesù si aspettava che ogni parola della Scrittura si adempisse (Matteo 5,17-18; Segna 14,49). Ha citato le scritture per supportare le sue stesse affermazioni2,29; 26,24; 26,31; John 10,34); Rimproverava le persone per non aver letto attentamente le Scritture2,29; Luca 24,25; John 5,39). Ha parlato di persone ed eventi dell'Antico Testamento senza il minimo accenno che potrebbero non essere esistiti.

Dietro le scritture c'era l'autorità di Dio. Gesù si oppose alle tentazioni di Satana: "Sta scritto" (Matteo 4,4-10). Il fatto stesso che qualcosa fosse nelle scritture lo rendeva indiscutibilmente autorevole per Gesù. Le parole di Davide sono state ispirate dallo Spirito Santo (Mc 12,36); una profezia era stata data "attraverso" Daniele (Matteo 24,15) perché Dio era la loro vera origine.

In Matteo 19,4-5 dice che Gesù il Creatore parla in 1. Mose 2,24: "Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si aggrapperà a sua moglie, ei due saranno una sola carne". Tuttavia, la storia della creazione non attribuisce questa parola a Dio. Gesù poteva attribuirlo a Dio semplicemente perché era nelle scritture. Assunzione di base: il vero autore delle scritture è Dio.

Tutti i vangeli mostrano che Gesù considerava le scritture affidabili e degne di fiducia. Ha ribattuto alle persone che volevano lapidarlo: "Le Scritture non possono essere infrante" (Giovanni 10:35). Gesù li considerava pienamente validi; ha anche difeso la validità dei comandamenti del vecchio patto mentre il vecchio patto era ancora in vigore (Matteo 8,4; 23,23).

La testimonianza degli apostoli

Come il loro maestro, gli apostoli credevano che le scritture fossero autorevoli. Li citavano spesso, spesso per sostenere un punto di vista. Le parole della Scrittura sono trattate come parole di Dio. La Scrittura è persino personalizzata come il Dio che parlò parola per parola ad Abramo e al Faraone (Romani 9,17; Galati 3,8). Ciò che scrivono Davide e Isaia e Geremia è in realtà detto da Dio e quindi certo (Atti degli Apostoli 1,16; 4,25; 13,35; 28,25; Ebrei 1,6-10; 10,15). Si presume che la legge di Mosè rifletta la mente di Dio (1. Corinzi 9,9). Il vero autore delle scritture è Dio (1. Corinzi 6,16; romani 9,25).

Paolo lo chiama "ciò che Dio ha detto" (Romani 3,2). Secondo Pietro, i profeti non parlavano "per volontà umana", "ma invece, spinti dallo Spirito Santo, gli uomini parlavano in nome di Dio" (2. Petrus 1,21). I profeti non l'hanno inventato da soli: Dio l'ha dato loro, è lui il vero autore delle parole. Scrivono spesso: "E la parola del Signore uscì ..." oppure: "Così dice il Signore ..."

Paolo scrisse a Timoteo: "Tutta la Scrittura è ispirata da Dio ed è utile per insegnare, per convincere, per correggere, per educare alla giustizia..." (2. Timoteo 3,16, Bibbia di Elberfeld). Tuttavia, non dobbiamo leggere in esso le nostre idee moderne su cosa significhi "Ispirata da Dio". Dobbiamo ricordare che Paolo si riferiva alla traduzione dei Settanta, la traduzione greca delle scritture ebraiche (che erano le scritture che Timoteo conosceva dall'infanzia - versetto 15). Paolo usò questa traduzione come parola di Dio senza voler dire che fosse un testo perfetto.

Nonostante le discrepanze traslazionali, essa è ispirata da Dio e utile "per l'educazione alla giustizia" e può far sì che "l'uomo di Dio sia perfetto, inviato a ogni opera buona" (vv. 16-17).

problemi di comunicazione

La Parola di Dio originale è perfetta e Dio può assicurarsi che le persone usino le parole giuste, che la conservino correttamente e (per completare la comunicazione) che la comprendano correttamente. Ma Dio non lo ha fatto completamente e senza interruzioni. Le nostre copie hanno errori grammaticali e di trascrizione e, cosa più importante, ci sono errori nella ricezione del messaggio. In una certa misura, i "rumori di sottofondo" ci impediscono di ascoltare correttamente la parola che ha inserito. Eppure Dio usa la Scrittura per parlarci oggi.

Nonostante il "rumore", nonostante gli errori umani che scivolano tra noi e Dio, la Scrittura adempie al suo scopo: parlarci della salvezza e del giusto comportamento. Dio raggiunge ciò che vuole con la Scrittura: ci dà la Sua Parola con sufficiente chiarezza che possiamo ottenere la salvezza e che possiamo sperimentare ciò che Egli richiede da noi.

La sceneggiatura soddisfa questo scopo, anche in forma tradotta. Tuttavia, abbiamo fallito, ci aspettavamo di più da lei che non lo scopo di Dio. Non è un manuale di astronomia e scienza. I numeri del carattere non sono sempre matematicamente esatti secondo gli standard odierni. Dobbiamo perseguire il grande proposito delle Scritture e non aggrapparci alle sciocchezze.

Un esempio: in Atti 21,11 Agabo è dato dire che i Giudei avrebbero legato Paolo e lo avrebbero consegnato ai Gentili. Alcuni potrebbero presumere che Agabo abbia specificato chi avrebbe legato Paolo e cosa avrebbero fatto con lui. Ma come risultò, Paolo fu salvato dai Gentili e legato dai Gentili (v. 30-33).

È una contraddizione? Tecnicamente sì. La profezia era vera in linea di principio, ma non nei dettagli. Naturalmente, quando ha scritto questo, Luke potrebbe facilmente aver simulato la profezia per adattarsi al risultato, ma non ha cercato di nascondere le differenze. Non si aspettava che i lettori si aspettassero precisione in questi dettagli. Questo dovrebbe metterci in guardia contro l'accuratezza in ogni dettaglio della Scrittura.

Dobbiamo concentrarci sul punto principale del messaggio. Allo stesso modo, Paolo commise un errore quando lo fece 1. Corinzi 1,14 ha scritto - un errore che ha corretto nel versetto 16. Le scritture ispirate contengono sia l'errore che la correzione.

Alcune persone paragonano la Scrittura con Gesù. Uno è la Parola di Dio nella lingua umana; l'altro è il Verbo di Dio incarnato. Gesù era perfetto nel senso che era senza peccato, ma ciò non significa che non ha mai commesso errori. Da bambino, anche da adulto, avrebbe potuto commettere errori grammaticali e falegnami, ma tali errori non erano peccati. Non hanno impedito a Gesù di adempiere al suo scopo di essere un sacrificio senza peccato per i nostri peccati. Allo stesso modo, gli errori grammaticali e altre banalità non sono dannosi per il significato della Bibbia: per condurci alla salvezza di Cristo.

Prove per la Bibbia

Nessuno può dimostrare che l'intero contenuto della Bibbia è vero. Potresti essere in grado di dimostrare che una certa profezia è arrivata, ma non puoi provare che l'intera Bibbia abbia la stessa validità. È più una questione di fede. Vediamo le prove storiche che Gesù e gli apostoli consideravano l'Antico Testamento come la Parola di Dio. Il Gesù biblico è l'unico che abbiamo; altre idee si basano su ipotesi, non su nuove prove. Accettiamo l'insegnamento di Gesù che lo Spirito Santo condurrà i discepoli a una nuova verità. Accettiamo la pretesa di Paolo di scrivere con autorità divina. Accettiamo che la Bibbia ci rivela chi è Dio e come possiamo avere comunione con lui.

Accettiamo la testimonianza della storia della chiesa che attraverso i secoli i cristiani hanno trovato la Bibbia utile per la fede e la vita. Questo libro ci dice chi è Dio, cosa ha fatto per noi e come dovremmo rispondere. La tradizione ci dice anche quali libri appartengono al canone biblico. Ci affidiamo a Dio per dirigere il processo di canonizzazione in modo che il risultato fosse la sua volontà.

La nostra esperienza parla per la verità della Scrittura. Questo libro non usa mezzi termini e ci mostra il nostro peccato; ma ci offre anche la grazia e una coscienza purificata. Non ci dà il potere morale attraverso le regole e gli ordini, ma in modo inaspettato - attraverso la grazia e attraverso la morte ignominiosa del nostro Signore.

La Bibbia testimonia l'amore, la gioia e la pace che possiamo avere attraverso la fede, sentimenti che, proprio come dice la Bibbia, trascendono la nostra capacità di verbalizzarli. Questo libro ci dà significato e scopo nella vita, raccontandoci della creazione divina e della salvezza. Questi aspetti dell'autorità biblica non possono essere dimostrati agli scettici, ma aiutano a convalidare la Scrittura, che ci dice delle cose che sperimentiamo.

La Bibbia non abbellisce i suoi eroi; Questo ci aiuta anche ad accettarli come affidabili. Racconta delle debolezze umane di Abramo, Mosè, Davide, il popolo di Israele, i discepoli. La Bibbia è una parola che testimonia una Parola più autorevole, il Verbo incarnato e la buona novella della grazia di Dio.

La Bibbia non è semplicistica; lei non lo rende facile. Da una parte, il Nuovo Testamento continua la vecchia alleanza e dall'altra parte si rompe con essa. Sarebbe più facile fare a meno dell'uno o dell'altro, ma è più difficile avere entrambi. Allo stesso modo, Gesù è raffigurato come un uomo e un dio allo stesso tempo, una combinazione che non vuole adattarsi bene al pensiero ebraico, greco o moderno. Questa complessità non è stata creata dall'ignoranza di problemi filosofici, ma sfidandoli.

La Bibbia è un libro stimolante, difficilmente può essere stato scritto da ignoranti abitanti del deserto che volevano fare un falso o dare senso alle allucinazioni. La risurrezione di Gesù aggiunge peso al libro che annuncia un evento così fenomenale. Dà un peso aggiunto alla testimonianza dei discepoli su chi fosse Gesù - e alla logica inaspettata della vittoria sulla morte attraverso la morte del Figlio di Dio.

La Bibbia mette ripetutamente in discussione il nostro modo di pensare a Dio, a noi stessi, alla vita, a ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Richiede rispetto perché ci dà verità che non possiamo raggiungere da nessun'altra parte. Oltre a tutte le considerazioni teoriche, la Bibbia "giustifica" se stessa soprattutto nella sua applicazione alle nostre vite.

La testimonianza di Scrittura, Tradizione, Esperienza personale e Ragione in generale sostiene l'autorità della Bibbia. Il fatto che lei parli oltre i confini culturali, che affronti situazioni che non esistevano al momento della scrittura - anche questo testimonia la sua autorità. La migliore prova biblica per il credente, tuttavia, è che lo Spirito Santo, con il loro aiuto, può determinare un cambiamento di cuore e cambiare radicalmente la vita.

Michael Morrison


pdfLa Sacra Scrittura