Il millennio

134 il millennio

Il millennio è il periodo descritto nel libro dell'Apocalisse in cui i martiri cristiani regneranno con Gesù Cristo. Dopo il Millennio, quando Cristo avrà sconfitto tutti i nemici e soggiogato ogni cosa, consegnerà il regno a Dio Padre, e il cielo e la terra saranno fatti di nuovo. Alcune tradizioni cristiane interpretano letteralmente il millennio come mille anni che precedono o seguono la venuta di Cristo; altri vedono più un'interpretazione figurativa nel contesto della Scrittura: un periodo di tempo indefinito che inizia con la risurrezione di Gesù e termina con la sua seconda venuta. (Apocalisse 20,1:15-2; 1,1.5; Atti degli Apostoli 3,19-21; Epifania 11,15; 1. Corinzi 15,24-25)

Due visioni sul millennio

Per molti cristiani, il millennio è una dottrina molto importante, meravigliosamente una buona notizia. Ma non sottolineiamo il millennio. Perché? Perché basiamo i nostri insegnamenti sulla Bibbia e la Bibbia non rilascia dichiarazioni così chiare come alcuni pensano sull'argomento. Ad esempio, quanto durerà il millennio? Alcuni dicono che ci vorranno esattamente 1000 anni. Apocalisse 20 dice mille anni. La parola "millennio" significa mille anni. Perché qualcuno dovrebbe dubitare di questo?

Primo, perché il libro dell'Apocalisse è pieno di simboli: animali, corna, colori, numeri simbolici, non letterali. Nella Sacra Scrittura, il numero 1000 viene spesso usato come numero tondo, non come conteggio esatto. Dio significa gli animali nelle montagne a migliaia, si dice, senza che questo significhi un numero esatto. Detiene la sua alleanza per mille sessi senza aver significato esattamente gli anni 40.000. In tali scritture, mille significa un numero infinito.

Quindi “mille anni” in Apocalisse è letterale o deve essere compreso simbolicamente? Il numero di migliaia in questo libro di simboli, che spesso non sono letteralmente intesi, può essere compreso esattamente? Dalla Scrittura non possiamo dimostrare che i mille anni possano essere compresi esattamente. Pertanto, non possiamo dire che il millennio dura esattamente mille anni. Tuttavia, possiamo dire che "il millennio è il periodo di tempo descritto nell'Apocalisse ..."

Altre domande

Possiamo anche dire che il millennio è "il periodo di tempo durante il quale il martire cristiano governa con Gesù Cristo". La rivelazione ci dice che coloro che sono decapitati per Cristo regneranno con lui e ci dice che regneremo con Cristo per mille anni.

Ma quando cominciano a governare questi santi? Con questa domanda entriamo in alcune domande molto dibattute sul millennio. Ci sono due, tre o quattro punti di vista sul millennio.

Alcuni di questi punti di vista sono più letterali nel loro approccio alla Scrittura e in alcuni casi in senso figurato. Ma nessuno rifiuta le affermazioni della Scrittura - le interpretano solo in modo diverso. Tutti sostengono di basare le loro opinioni sulla Scrittura. È per la maggior parte una questione di interpretazione.

Qui descriviamo le due opinioni più comuni sul Millennio con i loro punti di forza e di debolezza, e poi torneremo a quello che possiamo dire con la massima fiducia.

  • Secondo la visione pre-millenaria, Cristo torna prima del millennio.
  • Dopo vista amillennialen Cristo ritorna dopo il Millennio, ma sarà amillennial o no millenaria chiamata perché si dice che non c'è Millennium specifico, che differisce da quello in cui siamo già. Questo punto di vista dice che siamo già nel periodo di tempo che la rivelazione 20 descrive.

Questo può sembrare assurdo credere che la regola millenaria sia un momento di pace che è possibile solo dopo il ritorno di Cristo. Può sembrare che "queste persone non credano nella Bibbia", ma affermano di credere nella Bibbia. Nell'interesse dell'amore cristiano, dovremmo cercare di capire perché credono che la Bibbia lo dica.

Il punto di vista premillenario

Iniziamo spiegando la posizione premillenaria.

Antico Testamento Primo, molte profezie dell'Antico Testamento predicono un'età dell'oro in cui le persone avranno una giusta relazione con Dio. “Il leone e l'agnello giaceranno insieme e un bambino li guiderà. Non ci sarà peccato da nessuna parte sul mio monte santo, dice il Signore».

A volte sembra che questo futuro sarà drasticamente diverso dal mondo presente; a volte sembra essere simile. A volte sembra perfetto ea volte è mescolato al peccato. In un passo come Isaia 2, per esempio, molti diranno: “Venite, saliamo sul monte del Signore, alla casa del Dio di Giacobbe, perché ci insegni le sue vie e possiamo camminare le sue strade! Poiché da Sion uscirà l'istruzione, da Gerusalemme la parola del Signore» (Isaia) 2,3).

Tuttavia, ci saranno popoli da rimproverare. Le persone avranno bisogno di aratri perché devono mangiare perché sono mortali. Ci sono elementi ideali e ci sono elementi normali. Ci saranno piccoli bambini, ci sarà il matrimonio e ci sarà la morte.

Daniele ci dice che il Messia costruirà un regno che riempirà la terra e sostituirà tutti i regni precedenti. Ci sono dozzine di queste profezie nell'Antico Testamento, ma non sono fondamentali per la nostra specifica domanda.

Gli ebrei hanno compreso queste profezie come un'indicazione di un'era futura sulla terra. Si aspettavano che il Messia venisse, governasse e portasse queste benedizioni. La letteratura ebraica prima e dopo Gesù si aspetta un regno di Dio sulla terra. I discepoli di Gesù sembrano essersi aspettati la stessa cosa. Quindi quando Gesù predicava il vangelo del regno di Dio, non possiamo pretendere che le profezie dell'Antico Testamento non esistessero. Ha predicato a un popolo che si aspettava un'età d'oro governata dal Messia. Quando parlava del "Regno di Dio", quello era nella sua mente.

I discepoli: Gesù annunciò che il regno era vicino. Poi la lasciò e disse che sarebbe tornato. Non sarebbe stato difficile per questi seguaci dedurre che quando Gesù fosse tornato, Gesù avrebbe portato l'età dell'oro. I discepoli chiesero a Gesù quando avrebbe restaurato il regno d'Israele (Atti 1,6). Hanno usato una parola greca simile per riferirsi al tempo della restaurazione di tutte le cose quando Cristo ritorna in Atti 3,21: "Il cielo lo deve accogliere fino al tempo in cui tutto sarà ricondotto, di cui Dio ha parlato fin dal principio per bocca dei suoi santi profeti".

I discepoli si aspettavano che le profezie dell'Antico Testamento si adempissero in un'età futura dopo il ritorno di Cristo. I discepoli non predicavano molto su questa età dell'oro perché i loro ascoltatori ebrei avevano già familiarità con questo concetto. Avevano bisogno di sapere chi era il Messia, quindi questo era il punto centrale del sermone apostolico.

Secondo i premillenialisti, la predicazione apostolica si concentrava sulle nuove cose che Dio aveva fatto attraverso il Messia. Concentrandosi su come era possibile la salvezza attraverso il Messia, non doveva dire molto sul futuro regno di Dio, ed è difficile per noi oggi sapere esattamente ciò che credevano e quanto ne sapevano. Tuttavia, vediamo una prima occhiata alla prima lettera di Paolo ai Corinzi.

Paolo: In 1. Corinzi 15, Paolo dettaglia la sua fede nella risurrezione, e in quel contesto dice qualcosa sul regno di Dio che alcuni credono indichi un regno millenario dopo il ritorno di Cristo.

“Poiché come tutti muoiono in Adamo, così in Cristo saranno tutti vivificati. Ma ciascuno nel proprio ordine: Cristo come primizia; poi, quando verrà, quelli che appartengono a Cristo» (1. Corinzi 15,22-23). Paolo spiega che la risurrezione avviene in sequenza: prima Cristo, poi i credenti. Paolo usa la parola "dopo" nel versetto 23 per indicare un intervallo di tempo di circa 2000 anni. Usa la parola "dopo" nel versetto 24 per indicare un altro passo nella sequenza:

«Poi la fine, quando sarà consegnato il regno a Dio Padre, dopo che avrà distrutto ogni dominio e ogni potenza e violenza. Perché deve governare finché Dio non metterà tutti i nemici sotto i suoi piedi. L'ultimo nemico ad essere distrutto è la morte” (vv. 24-26).

È così che Cristo deve governare finché non ha messo tutti i suoi nemici sotto i suoi piedi. Questo non è un evento occasionale - è un periodo di tempo. Cristo governa un periodo temporale in cui distrugge tutti i nemici, anche i nemici della morte. E dopo tutto quello che arriva alla fine.

Sebbene Paul non registri questi passaggi in una particolare cronologia, il suo uso della parola "dopo" mostra vari passaggi del piano. Prima la risurrezione di Cristo. Il secondo passo è la risurrezione dei credenti e quindi Cristo governerà. Secondo questa visione, il terzo passo sarà quello di consegnare tutto a Dio Padre.

Rivelazione 20: L'Antico Testamento prevede un'età d'oro di pace e prosperità sotto il dominio di Dio, e Paolo ci dice che il piano di Dio progredisce gradualmente. Ma il vero fondamento della visione pre-millenaria è il Libro dell'Apocalisse. Questo è il libro in cui molti credono che rivela come tutto si concilia. Abbiamo bisogno di passare un po 'di tempo nel capitolo 20 per vedere cosa dice.

Iniziamo osservando che il ritorno di Cristo è descritto in Rivelazione 19. Descrive la cena nuziale dell'agnello. C'era un cavallo bianco, e il cavaliere è la parola di Dio, re dei re e signore dei signori. Guida gli eserciti dal cielo e lui
governa le nazioni. Supera la bestia, il falso profeta e i suoi eserciti. Questo capitolo descrive il ritorno di Cristo.

Quindi arriviamo ad Apocalisse 20,1: "E vidi un angelo discendere dal cielo ..." Nel flusso letterario del Libro dell'Apocalisse, questo è un evento che si svolge dopo il ritorno di Cristo. Che cosa ha fatto questo angelo? «... aveva la chiave dell'abisso e una grossa catena in mano. E prese il drago, il vecchio serpente, cioè il diavolo e Satana, e lo legò per mille anni. " La catena non è letterale: rappresenta qualcosa che un essere spirituale può mantenere al suo posto. Ma il diavolo è domato.

I lettori della Rivelazione originale perseguitati dagli ebrei e dai romani penserebbero che Satana fosse già stato legato? Nel capitolo 12 apprendiamo che il diavolo seduce il mondo intero e fa la guerra contro la Chiesa. Non sembra che il diavolo sia trattenuto. Non sarà trattenuto fino a quando l'animale e il falso profeta non saranno sconfitti. Verso 3: "... e lo gettò nell'abisso e lo sigillò e vi mise un sigillo affinché non seducesse più la gente fino a quando i mille anni non fossero stati completati. Successivamente deve essere rilasciato per un po '. » John vede il diavolo addomesticato per un po '. Nel capitolo 12 leggiamo che il diavolo seduce il mondo intero. Qui gli è impedito di sedurre il mondo per mille anni. Non è solo legato, è chiuso e sigillato. L'immagine che ci viene fornita mostra una completa restrizione, la totale incapacità di sedurre, nessuna influenza.

Resurrezione e dominio: Cosa succede in questi mille anni? Giovanni lo spiega nel versetto 4: "E ho visto i troni e si sono seduti su di loro e il giudizio è stato dato a loro". Questo è un giudizio che ha luogo dopo il ritorno di Cristo. Il verso 4 continua quindi:

"E vidi le anime di coloro che furono decapitati per la testimonianza di Gesù e per la Parola di Dio, e che non avevano adorato la bestia e la sua immagine e quelli che non avevano accettato il suo segno sulla fronte e sulle mani; questi vennero alla vita e regnarono con Cristo per mille anni. »

Qui Johannes vede martiri che regnano con Cristo. Il versetto dice che sono quelli che sono stati decapitati, ma è improbabile che sia destinato a scegliere questa specifica forma di martirio come se i cristiani uccisi dai leoni non ricevessero la stessa ricompensa. Piuttosto, l'espressione "che sono stati decapitati" sembra essere un'espressione che rappresenta tutti coloro che hanno dato la vita per Cristo. Ciò potrebbe significare tutti i cristiani. Altrove in Apocalisse leggiamo che tutti i credenti in Cristo regneranno con lui. Quindi governa con Cristo per alcune migliaia di anni, mentre Satana è legato e non può più sedurre il popolo.

Il verso 5 inserisce quindi un pensiero casuale: "(Gli altri morti non sono tornati in vita fino al completamento dei mille anni)". Quindi ci sarà una risurrezione alla fine dei mille anni. Gli ebrei prima del tempo di Cristo credevano solo in una risurrezione. Credevano solo nell'aspetto del Messia. Il Nuovo Testamento ci dice che le cose sono più complesse. Il Messia viene in momenti diversi per scopi diversi. Il piano sta procedendo.

Gran parte del Nuovo Testamento descrive solo una risurrezione alla fine dei tempi. Ma il Libro dell'Apocalisse rivela anche che è graduale. Proprio come c'è più di un "Giorno del Signore", c'è più di una risurrezione. La pergamena si apre per rivelare ulteriori dettagli su come il piano di Dio è realizzato.

Alla fine del commento inserito sugli altri morti, i versetti 5-6 ritornano al periodo del millennio: «Questa è la prima risurrezione. Beato e santo è colui che partecipa alla prima risurrezione. La seconda morte non ha potere su di loro; ma saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui per mille anni ».

La visione indica che ci sarà più di una risurrezione: una all'inizio del millennio e un'altra alla fine. Il popolo sarà sacerdote e re nel regno di Cristo quando le nazioni non saranno più sedotte da Satana.

Versi 7-10 descrivere qualcosa alla fine del millennio, Satana sarà liberato, egli ingannerà di nuovo le nazioni, che attaccheranno il popolo di Dio ei nemici vengono sconfitti ancora una volta ed essere gettato nel lago di fuoco.

Questo è uno schema della visione premillenaria. Satana ora sta seducendo i popoli e perseguitando la chiesa. Ma la buona notizia è che i persecutori della chiesa saranno sconfitti, l'influenza di Satana sarà fermata, i santi saranno elevati e regneranno con Cristo per mille anni. poi
Satana verrà rilasciato per un breve periodo e poi gettato nella piscina infuocata. Poi ci sarà una risurrezione di non cristiani.

Questo sembra essere il punto di vista che la maggior parte delle prime chiese credeva, specialmente in Asia Minore. Se il Libro della Rivelazione intendeva dare una qualsiasi altra prospettiva, non è riuscito a fare una grande impressione sui primi lettori. Apparentemente credevano che al suo ritorno sarebbe seguito un regno millenario di Cristo.

Argomenti per l'Amillenarismo

Se il premillennialismo è così ovvio, perché così tanti cristiani credenti nella Bibbia credono diversamente? Non affronterai alcuna persecuzione o scherno su questo tema. Non hanno pressioni esterne evidenti per credere in qualcos'altro, ma lo fanno comunque. Affermano di credere alla Bibbia, ma affermano che il millennio biblico finirà invece di iniziare con il ritorno di Cristo. Chi parla per primo sembra aver ragione finché non parla il secondo8,17). Non possiamo rispondere alla domanda finché non abbiamo sentito entrambe le parti.

Il tempo di Revelation 20

Per quanto riguarda la visione amillenaria, vorremmo iniziare con questa domanda: Cosa succede se Revelation 20 non è soddisfatta cronologicamente in base al Capitolo 19? John ha visto la visione del capitolo 20 dopo aver visto la visione nel capitolo 19, ma cosa accadrebbe se le visioni non venissero nell'ordine in cui sono effettivamente soddisfatte? Cosa succede se Revelation 20 ci porta in un momento diverso rispetto alla fine del capitolo 19?

Ecco un esempio di questa libertà di andare avanti o indietro nel tempo: il capitolo 11 termina con la settima tromba. Il capitolo 12 ci riporta poi a una donna che dà alla luce un figlio maschio, e dove la donna viene protetta per giorni su 1260. Questo è solitamente inteso come un'indicazione della nascita di Gesù Cristo e della persecuzione della Chiesa. Ma questo segue nel flusso letterario dopo la settima tromba. La visione di John lo ha portato indietro nel tempo per delineare un altro aspetto della storia.

Quindi la domanda è: sta succedendo in Revelation 20? Ci riporta indietro nel tempo? Più specificamente, ci sono prove nella Bibbia che questa è una migliore interpretazione di ciò che Dio rivela?

Sì, dice la visione amillenaria. Ci sono prove nelle Scritture che il regno di Dio è iniziato, che Satana è stato legato, che ci sarà solo una risurrezione, che il ritorno di Cristo porterà un nuovo cielo e una nuova terra, senza alcuna fase intermedia. È un errore ermeneutico porre il Libro della Rivelazione, con tutti i suoi simboli e difficoltà di interpretazione, in conflitto con il resto della Scrittura. Abbiamo bisogno di usare scritture chiare per interpretare ciò che è poco chiaro invece del contrario. In questo caso, il Libro dell'Apocalisse è il materiale non chiaro e controverso, e gli altri versetti del Nuovo Testamento sono chiari in questa materia.

Le profezie sono simboliche

Luks 3,3Ad esempio, -6 ci mostra come comprendere le profezie dell'Antico Testamento: «E Giovanni Battista venne tutt'intorno al Giordano e predicò il battesimo di penitenza per il perdono dei peccati, come è scritto nel Libro dei Discorsi del profeta Isaia: È la voce di un predicatore nel deserto: preparate la via del Signore e appianate il suo cammino! Tutte le valli devono essere aumentate e tutte le montagne e le colline devono essere abbassate; e ciò che è storto dovrebbe diventare diritto, e ciò che è irregolare dovrebbe diventare un sentiero piano. E tutti vedranno il Salvatore di Dio".

In altre parole, quando Isaia parlava di montagne, strade e deserti, parlava in modo molto pittorico. Le profezie dell'Antico Testamento furono date in un linguaggio simbolico per rappresentare gli eventi della salvezza attraverso Cristo.

Come disse Gesù sulla via di Emmaus, i profeti dell'Antico Testamento si riferivano a lui. Se vediamo la loro enfasi principale in un periodo futuro, non vediamo queste profezie alla luce di Gesù Cristo. Cambia il modo in cui leggiamo tutte le profezie. Lui è il focus. È il vero tempio, è il vero David, è il vero Israele, il suo regno è il vero regno.

Vediamo la stessa cosa con Peter. Peter ha detto che una profezia su Joel si è adempiuta ai suoi tempi. Notiamo gli Atti degli Apostoli 2,1621: “Ma questo è ciò che fu detto per mezzo del profeta Gioele: E avverrà negli ultimi giorni, dice Dio, allora io spanderò il mio spirito su ogni carne; ei vostri figli e le vostre figlie profetizzeranno, ei vostri giovani avranno visioni, ei vostri anziani avranno sogni; e in quei giorni spanderò il mio spirito sui miei servi e sulle mie serve, ed esse profetizzeranno. E farò prodigi lassù nei cieli e segni quaggiù sulla terra, sangue, fuoco e fumo; il sole deve essere trasformato in tenebre e la luna in sangue prima che venga il grande giorno della rivelazione del Signore. E avverrà che chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato».

In effetti, molte delle profezie dell'Antico Testamento riguardano in realtà l'era della Chiesa, l'epoca in cui ci troviamo ora. Se c'è un'età millenaria ancora da venire, allora non siamo negli ultimi giorni. Non ci possono essere due serie di ultimi giorni. Quando i profeti hanno parlato di miracoli nel cielo e strani segni nel sole, nella luna, tali profezie possono essere soddisfatte in modi inaspettati simbolici - come inaspettati come l'effusione dello Spirito Santo sulla popolo di Dio, e il parlare in lingue.

Non dovremmo rifiutare automaticamente l'interpretazione simbolica delle profezie dell'Antico Testamento perché il Nuovo Testamento ci mostra che possiamo comprendere simbolicamente le profezie dell'Antico Testamento. Le profezie dell'Antico Testamento possono essere adempiute mediante adempimenti simbolici nell'era della chiesa, o in un modo ancora migliore nel nuovo cielo e terra dopo il ritorno di Cristo. Tutto ciò che i profeti promettono che abbiamo di meglio in Gesù Cristo, ora o nel nuovo cielo e terra. I profeti dell'Antico Testamento descrissero un regno che non finirà mai, un regno eterno, un'età eterna. Non hanno parlato di un "periodo d'oro" limitato dopo il quale la terra verrà distrutta e ricostruita.

Il Nuovo Testamento non spiega ogni profezia dell'Antico Testamento. C'è semplicemente un esempio di realizzazione che mostra che le Scritture originali sono state scritte in linguaggio simbolico. Questo non prova la visione amillenaria, ma rimuove un ostacolo. Nel Nuovo Testamento troviamo più prove che portano molti cristiani a credere nella concezione amillenaria.

Daniel

Per prima cosa, diamo una rapida occhiata a Daniel 2. Non supporta il premillenialismo, nonostante i presupposti che alcuni vi leggono. «Ma al tempo di questi re il Dio del cielo stabilirà un regno che non sarà mai distrutto; e il suo regno non verrà a nessun altro popolo. Schiaccerà e distruggerà tutti questi regni; ma essa stessa rimarrà per sempre» (Daniele 2,44).

Daniele dice che il regno di Dio eliminerà tutti i regni umani e rimarrà per sempre. V'è in questo verso alcuna indicazione che il Regno di Dio in fasi di un epoca della chiesa, che è quasi distrutta da un grande tribolazione, e poi mille anni di età, che è quasi distrutta dal rilascio di Satana, e, infine, una nuova Gerusalemme segue, vieni è. No, questo versetto dice semplicemente che il regno di Dio conquisterà tutti i nemici e rimarrà per sempre. Non è necessario sconfiggere tutti i nemici due volte o costruire l'impero tre volte.

Gesù

La profezia del Monte degli Ulivi è la profezia più dettagliata che Gesù ha dato. Se il millennio è importante per lui, dovremmo trovare un indizio lì. Ma questo non è il caso. Invece, vediamo Gesù descrivere il suo ritorno, seguito immediatamente da un giudizio di ricompensa e punizione. Matthew 25 descrive non solo i giusti che si levano al tribunale - mostra anche come i malvagi stanno affrontando i loro giudici e l'angoscia e l'estrema oscurità sono passati. Non ci sono prove qui per un intervallo di migliaia di anni tra le pecore e le capre.

Gesù ha dato un altro indizio sulla sua comprensione della profezia in Matteo 19,28: «Ma Gesù disse loro: In verità vi dico: voi che mi avete seguito sarete alla nuova nascita, quando il Figlio dell'uomo siederà sul trono della sua gloria, siederà anche su dodici troni e giudicherà le dodici tribù d'Israele».

Gesù non parla qui di un arco di mille anni, in cui il peccato esiste ancora, e in cui Satana è solo temporaneamente legato. Quando parla della restaurazione di tutte le cose, intende il rinnovamento di tutte le cose - il nuovo cielo e la nuova terra. Lui non dice niente
tra un intervallo di tempo millenario. Questo concetto non era Gesù, per non dire altro
importante, perché non ha detto nulla al riguardo.

Petrus

La stessa cosa accadde nella chiesa primitiva. Negli Atti degli Apostoli 3,21 Pietro disse che "Cristo deve rimanere in cielo fino al tempo in cui tutto ciò di cui Dio ha parlato per bocca dei Suoi santi profeti sarà restaurato". Cristo ripristinerà tutto quando tornerà, e Pietro dice che questa è la corretta interpretazione delle profezie dell'Antico Testamento. Cristo non lascia il peccato alle spalle per creare una tremenda crisi mille anni dopo. Ripara tutto in una volta: un cielo rinnovato e una terra rinnovata, tutto in una volta, tutto al ritorno di Cristo.

Nota cosa ha detto Peter in 2. Petrus 3,10 scrisse: «Ma il giorno del Signore verrà come un ladro; allora i cieli si scioglieranno con gran fragore; ma gli elementi si scioglieranno per il calore, e la terra e le opere che sono su di essa troveranno il loro giudizio». Lo stagno di fuoco purifica tutta la terra al ritorno di Cristo. Non dice nulla del periodo millenario. Nei versetti 12-14 si dice: «...dove i cieli si scioglieranno con il fuoco e gli elementi si scioglieranno con il calore. Ma noi attendiamo un nuovo cielo e una nuova terra secondo la sua promessa, in cui abita la giustizia. Perciò, miei cari, mentre aspettate, cercate di essere trovati immacolati e irreprensibili in pace davanti a lui».

Non aspettiamo un millennio, ma un nuovo paradiso e una nuova terra. Quando parliamo della buona notizia del meraviglioso mondo di domani, è quello su cui dovremmo concentrarci, non un periodo temporaneo in cui il peccato e la morte esistono ancora. Abbiamo notizie migliori su cui concentrarci: dovremmo guardare avanti per il ripristino di tutte le cose nel nuovo cielo e sulla nuova terra. Tutto questo accadrà nel giorno del Signore quando Cristo ritornerà.

Paul

Paul presenta lo stesso punto di vista in 2. Tessalonicesi 1,6-7: «Poiché è giusto presso Dio ricompensare con angoscia quelli che ti angosciano, ma a te che soffri angoscia dare riposo con noi quando il Signore Gesù sarà rivelato dal cielo con gli angeli della sua potenza . " Dio punirà i persecutori del primo secolo quando tornerà. Ciò significa una risurrezione dei miscredenti, non solo dei credenti, al ritorno di Cristo. Ciò significa una resurrezione senza tempo in mezzo. Lo dice ancora nei versetti 8-10: «… in fiamme di fuoco, per vendicarsi di coloro che non conoscono Dio e disobbediscono al vangelo di nostro Signore Gesù. Soffriranno la punizione, la perdizione eterna, dal volto del Signore e dalla sua potenza gloriosa, quando verrà, affinché sia ​​glorificato dai suoi santi e appaia meraviglioso a tutti i credenti in quel giorno; perché hai creduto a ciò che ti abbiamo testimoniato».

Questo descrive una risurrezione, tutto nello stesso momento, il giorno in cui Cristo ritorna. Quando il libro di Rivelazione parla di due risurrezioni, contraddice ciò che Paolo ha scritto. Paolo dice che il bene e il male vengono sollevati lo stesso giorno.

Paolo ripete solo ciò che Gesù ha detto in Giovanni 5,28-29 disse: «Non ti stupire di questo. Poiché verrà l'ora in cui tutti quelli che sono nei sepolcri udranno la sua voce e ne verranno fuori, quelli che hanno operato il bene per la risurrezione della vita, ma quelli che hanno operato il male, per la risurrezione del giudizio». Gesù parla della risurrezione dei buoni e dei cattivi allo stesso tempo - e se qualcuno poteva descrivere meglio il futuro, era Gesù. Se leggiamo il libro dell'Apocalisse contraddicendo ciò che ha detto Gesù, lo stiamo interpretando male.

Diamo un'occhiata a Romani, lo schema più lungo di Paolo sulle questioni dottrinali. Descrive la nostra futura gloria in Romani 8,18-23: «Perché sono convinto che questa volta la sofferenza non pesa sulla gloria che deve essere rivelata a noi. Perché l'attesa ansiosa della creatura attende che i figli di Dio si manifestino. La creazione è soggetta all'impermanenza - senza la sua volontà, ma per mezzo di colui che l'ha assoggettata - ma alla speranza; poiché anche la creazione sarà liberata dalla schiavitù dell'impermanenza alla gloriosa libertà dei figli di Dio» (v. 18-21).

Perché la creazione attende i figli di Dio quando ricevono la loro gloria? Perché anche la creazione sarà liberata dalla sua schiavitù - probabilmente allo stesso tempo. Quando i figli di Dio saranno rivelati nella gloria, la creazione non aspetterà più. La creazione sarà rinnovata - ci sarà un nuovo cielo e una nuova terra quando Cristo ritornerà.

Paul ci offre la stessa visione in 1. Corinzi 15. Dice nel versetto 23 che coloro che appartengono a Cristo risorgeranno quando Cristo ritornerà. Il versetto 24 poi ci dice: "Dopo ciò, la fine..." cioè, quando verrà la fine. Quando Cristo verrà a sollevare il suo popolo, distruggerà tutti i suoi nemici, ripristinerà tutto e consegnerà il regno al Padre.

Non è necessario richiedere un intervallo di tempo millenario tra il verso 23 e il verso 24. Almeno potremmo dire che se il tempo è coinvolto, allora non era molto importante per Paul. In effetti, sembra che un tale periodo contraddirebbe ciò che ha scritto altrove, e sarebbe in contraddizione con ciò che Gesù stesso ha detto.

Roman 11 non dice nulla di un regno dopo il ritorno di Cristo. Ciò che dice potrebbe adattarsi a un simile lasso di tempo, ma nello stesso 11 di Romans non c'è nulla che possa farci immaginare un periodo così temporale.

rivelazione

Ora dobbiamo guardare la visione strana ed emblematica di John, che scatena tutta la polemica. John, con i suoi animali a volte bizzarri e simboli celesti, rivela cose che altri apostoli non hanno rivelato, o presenta ancora in modo diverso la stessa struttura profetica?

Cominciamo da Apocalisse 20,1. Un messaggero [angelo] viene dal cielo per legare Satana. Qualcuno che conosceva gli insegnamenti di Cristo probabilmente penserebbe: questo è già successo. In Matteo 12, Gesù fu accusato di scacciare gli spiriti maligni tramite il loro principe. Gesù rispose:

«Ma se io scaccio gli spiriti maligni mediante lo Spirito di Dio, a voi è giunto il regno di Dio» (v. 28). Crediamo che Gesù abbia scacciato i demoni mediante lo Spirito di Dio; così siamo anche convinti che il regno di Dio sia già giunto a questa età.

Gesù aggiunge poi nel versetto 29: «O come può qualcuno entrare nella casa di un uomo forte e derubare i suoi beni di famiglia se non lega prima l'uomo forte? Solo allora può rapinare la sua casa. » Gesù è stato in grado di ordinare i demoni in giro perché è già entrato e ha legato il mondo di Satana. È la stessa parola di Apocalisse 20. Satana fu sconfitto e legato. Ecco altre prove di questo:

  • In Giovanni 12,31 disse Gesù: “Ora questo mondo sarà giudicato; ora il principe di questo mondo sarà scacciato». Satana fu scacciato durante il ministero di Gesù.
  • Colossesi 2,15 ci dice che Gesù ha già spogliato i suoi nemici del loro potere e "ha trionfato su di loro con la croce".
  • Ebrei 2,14-15 ci dice che Gesù ha distrutto il diavolo [preso il potere] con la sua morte in croce - questa è una parola forte. "Poiché i figli ora sono di carne e di sangue, anche lui l'accettò in egual misura, affinché con la sua morte prendesse potere da colui che aveva potere sulla morte, cioè il diavolo".
  • In 1. Johannes 3,8 dice: "Il Figlio di Dio è apparso per distruggere le opere del diavolo".

Come l'ultimo passaggio di Giuda 6: "Persino gli angeli, che non mantennero il loro rango celeste ma lasciarono la loro dimora, sostenne il giudizio del grande giorno con legami eterni nell'oscurità".

Satana era già legato. Il suo potere è già stato ridotto. Quindi, quando la Rivelazione 20 dice che Giovanni ha visto Satana legato, possiamo concludere che questa è una visione del passato, qualcosa che è già accaduto. Siamo arretrati in tempo per vedere una parte dell'immagine che altre visioni non ci hanno mostrato. Vediamo che Satana, nonostante la sua continua influenza, è già un nemico sconfitto. Non riesce più a mantenere la gente nella completa seduzione. La coperta viene portata via e persone di tutte le nazioni già ascoltano il Vangelo e vengono a Cristo.

Poi siamo portati dietro le quinte per vedere che i martiri sono già con [at] Cristo. Sebbene siano stati decapitati o altrimenti uccisi, sono venuti alla vita e hanno vissuto con Cristo. Ora sono in paradiso, dice la visione amillenaria, e questa è la prima risurrezione in cui vengono alla luce per la prima volta. La seconda risurrezione sarà una risurrezione del corpo; il primo è semplicemente che, nel frattempo, viviamo per vivere con Cristo. Tutti quelli che partecipano a questa risurrezione sono benedetti e santi.

La prima morte è diversa dalla seconda. Pertanto, non è realistico supporre che la prima risurrezione sarà come la seconda. Differiscono in sostanza. Proprio come i nemici di Dio muoiono due volte, così i redenti vivranno due volte. In questa visione, i martiri sono già con Cristo, governano con lui e questo richiede molto tempo, nella frase "mille anni".

Quando questo lungo periodo sarà finito, Satana sarà rilasciato, ci sarà una grande tribolazione, e Satana ei suoi poteri saranno sconfitti per sempre. Ci sarà un giudizio, una piscina infuocata e poi un nuovo paradiso e una nuova terra.

Un punto interessante si trova nel testo greco originale del versetto 8: Satana raduna i popoli non solo per la battaglia, ma per la battaglia - in Apocalisse 16,14 e 19,19. Tutti e tre i versi descrivono la stessa grande battaglia culminante al ritorno di Cristo.

Se non avessimo altro che il Libro dell'Apocalisse, probabilmente accetteremmo la visione letterale - che Satana è legato per mille anni, che c'è più di una risurrezione, che ci sono almeno tre fasi nel regno di Dio, che ci sono almeno due battaglie culminanti e ci sono più di una frase degli "ultimi giorni".

Ma il libro dell'Apocalisse non è tutto ciò che abbiamo. Abbiamo molte altre scritture,
che insegnano chiaramente una risurrezione e insegnano che la fine verrà quando Gesù ritorna. Pertanto, quando ci incontriamo in questo libro apocalittico su qualcosa che sembra contraddire il resto del Nuovo Testamento, non dobbiamo accettare la strana, proprio perché si tratta come ultima [libro della Bibbia]. Piuttosto, guardiamo al suo contesto in un libro di visioni e simboli, e possiamo vedere come i suoi simboli possono essere interpretati in un modo che essi non contraddicono il resto della Bibbia.

Non possiamo basare un complicato sistema di teologia sul libro più oscuro della Bibbia. Ciò inviterà problemi e distogliere l'attenzione da ciò che è realmente il Nuovo Testamento. Il messaggio biblico non è focalizzato su un regno transitorio dopo il ritorno di Cristo. Si concentra su ciò che Cristo fece quando venne per la prima volta a ciò che stava facendo in chiesa, e come un grande culmine, come tutto finisce dopo il suo ritorno per sempre.

Risposte all'amillenalismo

La visione amillenaria non manca di supporto biblico. Non può essere licenziata senza studiare. Ecco alcuni libri che potrebbero essere utili per lo studio del millennio.

  • The Meaning of the Millennium: Four Views, a cura di Robert Clouse, InterVarsity, 1977.
  • Rivelazione: Four Views: A Parallel Commentary [The Revelation: Four Views, One
    Parallel Commentary], di Steve Gregg, Nelson Publishers, 1997.
  • The Millennial Maze: Sorting Out Evangelical Options [Maze Millennium: gli evangelici
    Opzioni di ordinamento], di Stanley Grenz, InterVarsity, 1992.
  • Three Views on the Millennium and Beyond, di Darrell Bock, Zondervan, 1999.
  • Millard Erickson ha scritto un libro sul millennio e un buon capitolo a riguardo nella sua teologia cristiana. Dà una panoramica delle opzioni prima di decidere su uno.

Tutti questi libri tentano di delineare i punti di forza e di debolezza di ogni concetto nel corso del millennio. In alcuni, gli autori criticano le opinioni reciproche. Tutti questi libri mostrano che le domande sono complesse e che l'analisi dei versetti specifici può essere abbastanza dettagliata. Questa è una delle ragioni per cui il dibattito continua.

Risposta del premillista

Come reagirebbe un sostenitore del premillenarismo alla visione amillenaria? La risposta potrebbe includere i seguenti quattro punti:

  1. Il Libro dell'Apocalisse è parte della Bibbia e non possiamo ignorare i suoi insegnamenti semplicemente perché è difficile da interpretare o perché è una letteratura apocalittica. Dobbiamo accettarlo come Scrittura, anche se cambia il modo in cui vediamo gli altri passaggi. Dobbiamo permetterle di rivelare qualcosa di nuovo, non semplicemente di ripetere le cose che ci sono già state dette. Non possiamo assumere in anticipo che non rivelerà nulla di nuovo o di altro.
  2. L'ulteriore divulgazione non è in contraddizione con la divulgazione precedente. È vero che Gesù ha parlato di una risurrezione, ma non è una contraddizione rendersi conto che potrebbe essere innalzato sopra tutti gli altri. Quindi abbiamo già due risurrezioni senza contraddire Cristo, e quindi non è incoerente assumere che l'una risurrezione sia divisa in due o più periodi. Il punto è che ogni persona viene sollevata solo una volta.
  3. La questione delle fasi extra del regno di Dio. Gli ebrei aspettavano il Messia che avrebbe immediatamente inaugurato l'età dell'oro, ma non lo fece. C'era un'enorme differenza di tempo nell'adempimento delle profezie. Ciò è spiegato da rivelazioni successive. In altre parole, l'inclusione di periodi di tempo mai rivelati non è una contraddizione: è un chiarimento. L'adempimento può ed è già avvenuto in fasi con lacune non annunciate. 1. Corinzi 15 mostra tali fasi, e così anche il libro dell'Apocalisse nel suo senso più naturale. Dobbiamo permettere che le cose si sviluppino dopo il ritorno di Cristo.
  4. La visione amilleniale non sembra trattare sufficientemente il linguaggio di Revelation 20,1-3. Satana non è solo legato, è anche imprigionato e sigillato. L'immagine è quella in cui non ha più alcuna influenza, nemmeno parzialmente. È vero che Gesù ha parlato del legame di Satana, e giustamente, che ha sconfitto Satana sulla croce. Ma la vittoria di Gesù Cristo su Satana non è stata ancora pienamente realizzata. Satana è ancora attivo, continua a sedurre un enorme numero di persone. I lettori originali, che furono perseguitati dal regno della bestia, non presumevano facilmente che Satana fosse già legato, il che non poteva più sedurre i popoli. I lettori sapevano bene che la stragrande maggioranza dell'Impero Romano era in uno stato di seduzione.

In breve, i seguaci della vista amillennialen potrebbero rispondere: E 'vero, siamo in grado di permettere a Dio di rivelare cose nuove, ma non possiamo assumere fin dall'inizio che qualsiasi cosa insolita nel libro dell'Apocalisse è una cosa nuova davvero da. Piuttosto, potrebbe essere una vecchia idea in un vestito nuovo. L'idea che una risurrezione possa essere separata da una lacuna temporale non significa che sia effettivamente. E la nostra idea di ciò che i lettori originali sentivano riguardo a Satana dovrebbe essere la nostra interpretazione di ciò che il
Il simbolismo apocalittico significa davvero controllo. Possiamo fare un'impressione soggettiva
di un libro scritto in linguaggio simbolico, non costruire uno schema sofisticato.

conclusione

Cosa dovremmo dire dopo aver visto le due opinioni più comuni sul millennio? Possiamo affermare con certezza che "alcune tradizioni cristiane interpretano il millennio come letteralmente 1000 anni che precedono o seguono il ritorno di Cristo, mentre altri credono che l'evidenza della Scrittura indichi un'interpretazione simbolica: un periodo indefinito che coincide con La risurrezione di Cristo inizia e termina quando torna. »

Il millennio non è una dottrina che definisce chi è un vero cristiano e chi no. Non vogliamo dividere i cristiani in base alla loro scelta su come interpretare questo argomento. Riconosciamo che cristiani ugualmente sinceri, ugualmente istruiti e ugualmente fedeli possono arrivare a conclusioni diverse su questa dottrina.

Alcuni membri della nostra chiesa condividono le prospettive premillennali, alcune amillennali o altre. Ma ci sono molte cose in cui possiamo essere d'accordo:

  • Tutti noi crediamo che Dio abbia tutto il potere e adempierà tutte le sue profezie.
  • Crediamo che Gesù ci abbia già portato nel suo regno in questa epoca.
  • Noi crediamo che Cristo ci ha dato la vita, che saremo con lui quando moriremo e che risorgeremo dai morti.
  • Siamo d'accordo che Gesù ha sconfitto il diavolo, ma Satana esercita ancora influenza in questo mondo.
  • Siamo d'accordo che l'influenza di Satana nel futuro sarà completamente fermata.
  • Noi crediamo che tutti saranno risuscitati e giudicati da un Dio misericordioso.
  • Noi crediamo che Cristo ritornerà e trionferà su tutti i nemici e ci condurrà nell'eternità con Dio.
  • Crediamo in un nuovo paradiso e in una nuova terra dove la giustizia vive, e questo meraviglioso mondo di domani durerà per sempre.
  • Crediamo che l'eternità sarà migliore del millennio.

Abbiamo molto dove possiamo essere d'accordo; non abbiamo bisogno di dividere sulla base di diverse comprensioni dell'ordine in cui Dio farà la sua volontà.

La cronologia degli ultimi giorni non fa parte della missione dell'Annunciazione della Chiesa. Il vangelo parla di come possiamo entrare nel regno di Dio, non della cronologia di quando le cose accadono. Gesù non ha sottolineato la cronologia; inoltre non ha sottolineato un impero che durerebbe per un tempo limitato. Dei capitoli 260 nel Nuovo Testamento, solo uno si occupa del millennio.

Non rendiamo l'interpretazione di Revelation 20 un articolo di fede. Abbiamo cose più importanti da predicare e abbiamo cose migliori da predicare. Lo predichiamo attraverso Gesù Cristo, non solo in questa epoca, non solo per gli anni 1000, ma per sempre possiamo vivere nella gioia, nella pace e nella prosperità che non finisce mai.

Un approccio equilibrato al millennio

  • Quasi tutti i cristiani sono d'accordo che Cristo ritornerà e che ci sarà un giudizio.
  • Non importa cosa farà Cristo dopo il suo ritorno, nessuno che crede sarà deluso.
  • L'età eterna è molto più gloriosa del millenario. Nel migliore dei casi, il millennio è il secondo migliore.
  • L'esatta sequenza cronologica non è parte integrante del Vangelo. Il vangelo riguarda come entrare nel regno di Dio, non i dettagli cronologici e fisici di certe fasi di questo regno.
  • Poiché il Nuovo Testamento non enfatizza la natura o i tempi del millennio, concludiamo che non è un punto centrale nella missione della Chiesa.
  • Le persone possono essere salvate attraverso il millennio senza una credenza. questo
    Il punkt non è centrale per il vangelo. I membri possono rappresentare opinioni diverse.
  • Indipendentemente dal punto di vista di un membro, lui o lei dovrebbe riconoscere che altri cristiani credono sinceramente che la Bibbia insegna diversamente. I membri non dovrebbero condannare o prendere in giro coloro che hanno altre opinioni.
  • I membri possono istruirsi su altri punti di vista leggendo uno o più libri sopra elencati.
  • di Michael Morrison

pdfIl millennio