Il Dio trino

101 il dio trino

Secondo la testimonianza delle Scritture, Dio è un essere divino in tre persone eterne, identiche ma diverse, Padre, Figlio e Spirito Santo. È l'unico vero Dio, eterno, immutabile, onnipotente, onnisciente, onnipresente. È il creatore del cielo e della terra, mantenitore dell'universo e fonte di salvezza per l'uomo. Sebbene trascendente, Dio agisce direttamente e personalmente sulle persone. Dio è amore e infinita bontà. (Marco 12,29:1; 1,17 Timoteo 4,6:28,19; Efesini 1: 4,8; Matteo 5,20:2,11; 16,27 Giovanni 2: 13,13; 1:8,4; Tito 6; Giovanni; Corinzi ; Corinzi)

Semplicemente non funziona

Il padre è Dio e il figlio è Dio, ma c'è un solo Dio. Questa non è una famiglia o un comitato di esseri divini - un gruppo non può dire: "Non c'è nessuno come me" (Isaia 43,10; 44,6; 45,5). Dio è solo un essere divino - più di una persona, ma solo un Dio. I primi cristiani non hanno avuto questa idea dal paganesimo o dalla filosofia - sono stati praticamente costretti a farlo dalla Scrittura.

Proprio come la Scrittura insegna che Cristo è divino, così insegna che lo Spirito Santo è divino e personale. Qualunque cosa lo Spirito Santo faccia, Dio lo fa. Lo Spirito Santo è Dio, come lo sono il Figlio e il Padre - tre persone che sono perfettamente unite in un solo Dio: la Trinità.

Perché studiare teologia?

Non parlarmi di teologia. Insegnami solo la Bibbia. » Per il cristiano medio, la teologia può sembrare qualcosa di irrimediabilmente complicato, frustrantemente confuso e del tutto irrilevante. Tutti possono leggere la Bibbia. Allora perché abbiamo bisogno di esultare i teologi con le loro lunghe frasi e strane espressioni?

Fede che cerca comprensione

La teologia è stata chiamata "fede che cerca la comprensione". In altre parole, come cristiani, abbiamo fiducia in Dio, ma Dio ci ha creati con il desiderio di capire di chi ci fidiamo e perché ci fidiamo di lui. È qui che entra in gioco la teologia. La parola "teologia" deriva da una combinazione di due parole greche, theos, che significa Dio, e logia, che significa conoscenza o studio - lo studio di Dio.

Se usata correttamente, la teologia può servire la chiesa combattendo l'eresia o le false dottrine. Cioè, perché la maggior parte delle eresie è dovuta a un fraintendimento di chi è Dio, a comprensioni che non sono coerenti con il modo in cui Dio si è rivelato nella Bibbia. Naturalmente, la proclamazione del Vangelo da parte della chiesa deve basarsi sul solido fondamento dell'autorivelazione di Dio.

rivelazione

La conoscenza o conoscenza di Dio è qualcosa che noi umani non possiamo inventare noi stessi. L'unico modo per scoprire qualcosa di vero su Dio è ascoltare ciò che Dio ci dice di Se stesso. Il modo più importante in cui Dio ha scelto di rivelarsi a noi è attraverso la Bibbia, una raccolta di scritture raccolte in molti, molti secoli, sotto la supervisione dello Spirito Santo. Ma anche uno studio diligente della Bibbia non può darci la giusta comprensione di chi sia Dio.

Abbiamo bisogno di qualcosa di più del semplice studio - abbiamo bisogno dello Spirito Santo per aiutare le nostre menti a comprendere ciò che Dio sta rivelando di se stesso nella Bibbia. Alla fine, la vera conoscenza di Dio può venire solo da Dio, non solo attraverso lo studio, il ragionamento e l'esperienza umana.

La Chiesa ha la responsabilità continua di rivedere criticamente le sue credenze e le sue pratiche alla luce della rivelazione di Dio. La teologia è la continua ricerca della comunità cristiana per la verità, mentre cerca umilmente la saggezza di Dio e segue la guida dello Spirito Santo in tutta la verità. Finché Cristo non ritorna in gloria, la Chiesa non può presumere di aver raggiunto il suo obiettivo.

Ecco perché la teologia non dovrebbe mai essere semplicemente una semplice riformulazione delle dottrine e delle dottrine della chiesa, ma piuttosto un processo senza fine di autoanalisi. Solo quando siamo nella luce divina del mistero di Dio, scopriremo la vera conoscenza di Dio.

Paolo chiamò il mistero divino "Cristo in te, speranza di gloria" (Colossesi 1,27), il segreto che Dio fece piacere a Dio "riconciliare ogni cosa con se stesso, sia in terra che in cielo, facendo pace attraverso il suo sangue sulla croce" (Colossesi 1,20).

La proclamazione e la pratica della Chiesa cristiana hanno sempre richiesto l'esame e la messa a punto, a volte persino una riforma più grande, mentre cresceva nella grazia e nella conoscenza del Signore Gesù Cristo.

Teologia dinamica

La parola dinamica è una buona parola per descrivere questo continuo sforzo della chiesa cristiana di considerare se stessi e il mondo alla luce dell'autorivelazione di Dio, e quindi permettere allo Spirito Santo di conformarsi di conseguenza, di essere di nuovo un popolo riflette e proclama ciò che Dio è veramente. Vediamo questa qualità dinamica nella teologia in tutta la storia della chiesa. Gli apostoli reinterpretarono le Scritture quando predicarono Gesù come il Messia.

Il nuovo atto di auto-rivelazione di Dio in Gesù Cristo ha presentato la Bibbia sotto una nuova luce, una luce che gli apostoli potevano vedere perché lo Spirito Santo ha aperto i loro occhi. Nel IV secolo, Atanasio, vescovo di Alessandria, usò parole esplicative nei credi che non erano nella Bibbia per aiutare i Gentili a comprendere il significato della rivelazione biblica di Dio. In 16. Nel XII secolo, Giovanni Calvino e Martin Lutero combatterono per il rinnovamento della Chiesa alla luce del requisito della verità biblica che la salvezza arriva solo per grazia attraverso la fede in Gesù Cristo.

In 18. Nel diciannovesimo secolo, John McLeod Campbell tentò la visione ristretta della Chiesa di Scozia
per espandere la natura dell'espiazione di Gesù per l'umanità e poi fu espulso a causa dei suoi sforzi.

Nei tempi moderni, nessuno era così efficace nel chiamare la Chiesa a una teologia dinamica basata sulla credenza attiva come Karl Barth, che "ridiede alla Bibbia l'Europa" dopo che la teologia liberale protestante quasi inghiottì la Chiesa dall'umanesimo accettò l'Illuminismo e di conseguenza modellò la teologia della Chiesa in Germania.

Ascolta Dio

Ogni volta che la chiesa non riesce a sentire la voce di Dio e invece cede alle sue congetture e supposizioni, diventa debole e inefficace. Perde rilevanza agli occhi di coloro che cercano di raggiungere il Vangelo. Lo stesso vale per ogni parte del corpo di Cristo che si impegna nelle proprie idee e tradizioni pre-concepite. Ostacola, è bloccato o statico, l'opposto della dinamica, e perde la sua efficacia nel proclamare il Vangelo.

Quando ciò accade, la chiesa inizia a frammentarsi oa spezzarsi, i cristiani si alienano l'un l'altro e il comando di Gesù di amarsi si dissolve sullo sfondo. Quindi la proclamazione del Vangelo diventa semplicemente un insieme di parole, un'offerta e una dichiarazione che concorda solo con le persone. Il potere sottostante di offrire la guarigione per la mente peccatrice perde il suo effetto. Le relazioni diventano esterne e superficiali e perdono la profonda connessione e unità con Gesù e tra di loro, dove la vera guarigione, la pace e la gioia diventano reali possibilità. La religione statica è una barriera che può impedire ai credenti di diventare le persone reali che dovrebbero essere nell'intenzione di Dio in Gesù Cristo.

"Doppia predeterminazione"

La dottrina della scelta o della doppia predestinazione è stata a lungo una caratteristica o identificazione della dottrina nella tradizione teologica riformata (la tradizione è messa in ombra da Johannes Calvin). Questa dottrina è stata spesso fraintesa, distorta e ha causato infinite controversie e sofferenze. Lo stesso Calvino lottò con questa domanda e il suo insegnamento al riguardo fu interpretato da molti con le parole: "Dall'eternità Dio ha predeterminato alcuni per la salvezza e altri per la dannazione".

Quest'ultima interpretazione della dottrina dell'elezione è di solito descritta come "iper-calvinista". Promuove una visione fatalistica di Dio come tiranno arbitrario e nemico della libertà umana. Una tale visione di questa dottrina rende tutt'altro che una buona notizia proclamata dall'auto-rivelazione di Dio in Gesù Cristo. La testimonianza biblica descrive la grazia scelta da Dio come sorprendente, ma non crudele! Dio che ama in libertà offre la sua grazia liberamente a tutti coloro che vogliono riceverla.

Karl Barth

Per correggere l'Hyper-Calvinismo, ha il teologo protestante di spicco della chiesa moderna, Karl Barth, ridisegnato la dottrina calvinista della elezione, chiedendo il rigetto e l'elezione in Gesù Cristo al centro. Nel secondo volume della sua dottrina della Chiesa ha esposto la dottrina biblica pieno di elezione in modo coerente con l'intero piano di auto-rivelazione di Dio in linea. Barth dimostrato con forza che la dottrina dell'elezione in un contesto trinitario ha uno scopo centrale: hanno spiegato che le opere di Dio nella creazione, la riconciliazione e redenzione nella libera grazia di Dio che si rivela in Gesù Cristo, sono pienamente realizzati. Si ribadisce che il Dio uno e trino che vive in comunità d'amore per l'eternità, per grazia fuori altri includerebbe in questa comunità. Il Creatore e Redentore anela fortemente per un rapporto con la sua creazione. E le relazioni sono dinamiche per natura, non è statico, non congelati e immutabile.

Nel suo dogmatismo, in cui Barth riconsiderò la dottrina dell'elezione in un contesto trinitario Creatore-Redentore, la definì "la somma del Vangelo". In Cristo, Dio ha scelto tutta l'umanità in una relazione di alleanza per partecipare alla sua vita di comunità scegliendo volontariamente e con grazia di essere il Dio che è per l'umanità.

Per il nostro bene, Gesù Cristo è sia il prescelto che il rifiutato, e solo in lui la scelta individuale e il rifiuto possono essere compresi come reali. In altre parole, il Figlio di Dio è il prescelto per noi. Come uomo eletto universale, la sua elezione supplente e alternata è sia per condannare la morte (la croce) al posto nostro e della vita eterna (la risurrezione) al posto nostro. Questa opera di riconciliazione di Gesù Cristo nell'Incarnazione fu completa per la redenzione dell'umanità caduta.

Pertanto, dobbiamo dire di sì al sì di Dio per noi in Cristo Gesù e iniziare a vivere nella gioia e nella luce di ciò che è già stato assicurato per noi: unità, comunione e partecipazione a una nuova creazione.

Nuova creazione

Nel suo importante contributo alla dottrina dell'elezione, Barth scrive:
«Perché nell'unità di Dio con questa unica persona, Gesù Cristo, ha mostrato il suo amore e la sua solidarietà con tutti. In questo ha preso il peccato e la colpa di tutti e quindi li ha salvati tutti dalla corte con un diritto superiore, che avevano giustamente sostenuto, in modo che fosse davvero il vero conforto di tutte le persone. »

Tutto è cambiato sulla croce. L'intera creazione, che lei lo sappia o no, diventa dritta e viene redenta [in futuro], trasformata e resa nuova in Gesù Cristo. In lui diventiamo una nuova creazione.

Thomas F. Torrance, massimo studente e interprete di Karl Barth, ha lavorato come redattore quando la dottrina della chiesa di Barth è stata tradotta in inglese. Torrrance credeva che il Volume II fosse una delle opere teologiche più belle mai scritte. Era d'accordo con Barth che tutta l'umanità in Cristo era redenta e salvata. Nel suo libro, La mediazione di Cristo, il professor Torrance espone la rivelazione biblica che Gesù, attraverso la sua vita vicaria, morte e risurrezione, non era solo il nostro conciliatore espiatorio, ma serve anche come risposta perfetta alla grazia di Dio.

Gesù ha preso la nostra frattura e il nostro giudizio su se stesso, ha assunto il peccato, la morte e il male per riscattare la creazione a tutti i livelli e trasformare tutto ciò che era contro di noi in una nuova creazione. Siamo stati liberati dalla nostra natura corrotta e ribelle verso una relazione interiore con Colui che ci giustifica e santifica.

Continua Torrance, dichiarando che "colui che non accetta colui che non è guarito". Ciò che Cristo non ha preso su se stesso non è stato salvato. Gesù ha preso la nostra mente alienata su se stesso, è diventato ciò che dobbiamo riconciliare con Dio. In tal modo, ha purificato, guarito e santificato l'umanità peccatrice nel profondo del suo essere attraverso il suo atto rappresentativo di amore per diventare uomo per noi.

Invece di peccato come tutte le altre persone, Gesù condannato il peccato nella nostra carne, mentre conduce una vita di santità perfetta all'interno della nostra carne, e attraverso la sua figliolanza obbediente si convertì nostro ostile e l'umanità disobbedienti in una vera, rapporto d'amore con il Padre.

Nel Figlio, il Dio trinitario portò la nostra natura umana nel suo essere e così trasformò la nostra natura. Egli ha riscattato e riconciliato noi. Rendendo sua natura peccaminosa e guarendola, Gesù Cristo divenne il mediatore tra Dio e un'umanità decaduta.

La nostra elezione nell'unico uomo Gesù Cristo adempie lo scopo di Dio per la creazione e definisce Dio come il Dio che ama nella libertà. Torrance spiega che "tutta la grazia" non significa "niente dell'umanità", ma che tutta la grazia significa tutta l'umanità. Ciò significa che non possiamo nemmeno trattenere l'uno percento di noi stessi.

Per grazia attraverso la fede, in un modo in cui condividiamo l'amore di Dio per il creato, cosa che prima non era possibile. Ciò significa che amiamo gli altri come Dio ci ama perché Cristo è in noi attraverso la grazia e noi siamo in lui. Questo può accadere solo nel miracolo di una nuova creazione. La rivelazione di Dio all'umanità viene dal Padre attraverso il Figlio nello Spirito Santo, e un'umanità redenta ora risponde mediante la fede nello Spirito attraverso il Figlio al Padre. Siamo stati chiamati alla santità in Cristo. In lui ci rallegriamo della libertà del peccato, della morte, del male, del bisogno e del giudizio che ci sta contro. Ricambiamo l'amore di Dio per noi con gratitudine, adorazione e servizio nella comunione di fede. In tutta la sua relazione di guarigione e di salvezza con noi, Gesù Cristo è coinvolto nel trasformarci individualmente e renderci umani - cioè, rendendoci persone vere in lui. In tutte le nostre relazioni con lui, ci rende veramente e totalmente umani nella nostra risposta personale alla fede. Questo avviene in noi attraverso il potere creativo dello Spirito Santo, pur unendoci con la perfetta umanità del Signore Gesù Cristo.

Tutta la grazia significa veramente [che] tutta l'umanità [partecipa] in essa. La grazia di Gesù Cristo, che fu crocifisso e risorto, non diminuisce l'umanità che è venuto per salvare. La grazia inimmaginabile di Dio porta alla luce tutto ciò che siamo e facciamo. Anche nel nostro pentimento e nella nostra fede, non possiamo contare sulla nostra risposta, ma affidarci alla risposta che Cristo ha offerto in nostra vece e per noi al Padre! Nella sua umanità, Gesù è diventato la nostra risposta vicaria a Dio in tutte le cose, inclusa la fede, la conversione, l'adorazione, la celebrazione dei sacramenti e l'evangelizzazione.

ignorato

Purtroppo, Karl Barth è stato ignorato o in generale dagli evangelici americani male interpretato, e Thomas Torrance viene spesso presentata come troppo difficile da capire. Ma il fallimento di apprezzare la natura dinamica della teologia, che viene distribuito in rielaborazione di Barth della dottrina dell'elezione provoca molti evangelici e cristiani riformati restano nel comportamento del caso da parte schwertun per capire dove Dio il confine tra comportamento umano e salvezza.

Il grande principio riformatorio dell'attuale riforma dovrebbe liberarci da tutte le vecchie visioni del mondo e teologie basate sul comportamento che ostacolano la crescita, promuovono la stagnazione e impediscono la cooperazione ecumenica con il corpo di Cristo. Ma oggi la chiesa non è spesso privata della gioia stessa della salvezza, mentre tiene in mano un "shadow boxing" con tutte le sue diverse forme di legalismo? È per questo motivo che la Chiesa è spesso caratterizzata come un bastione di spirito ed esclusività, piuttosto che un testamento alla grazia.

Abbiamo tutti una teologia - un modo di pensare e capire Dio - che lo sappiamo o no. La nostra teologia ha un impatto su come pensiamo e comprendiamo la grazia e la salvezza di Dio.

Se la nostra teologia è dinamica e orientata alla relazione, saremo aperti alla sempre presente parola di salvezza di Dio, che egli ci dà abbondantemente nella sua grazia solo per mezzo di Gesù Cristo.

D'altra parte, se la nostra teologia è statica, diventeremo una religione del legalismo, di
Spirito dello Spirito e atrofia della stagnazione spirituale.

Piuttosto che conoscere Gesù in modo attivo e reale, vivendo tutte le nostre relazioni con compassione, pazienza, gentilezza e pace, sperimenteremo spirito, esclusività e condanna da parte di coloro che non riescono a raggiungere i nostri standard di pietà attentamente definiti ,

Una nuova creazione in libertà

La teologia fa la differenza. Come comprendiamo Dio ha un impatto sul modo in cui comprendiamo la salvezza e su come guidiamo la vita cristiana. Dio non è prigioniero di un'idea statica e umanamente concepita di come dovrebbe o dovrebbe essere.

Le persone non riescono a pensare logicamente chi è Dio e come dovrebbe essere. Dio ci dice chi è e chi è simile, e lui è libero di essere esattamente chi vuole essere, e lui ha si è rivelato a noi in Gesù Cristo come Dio che ci ama, è per noi, e chi ha deciso di rendere la causa dell'umanità - compresa la tua e la mia causa - la sua.

In Gesù Cristo, siamo liberi dalla nostra mente peccatrice, dalla nostra gloria e dalla nostra disperazione, e siamo stati rinnovati dalla grazia per sperimentare la pace di Dio nella pace della Sua amorevole comunione.

Terry Akers e Michael Feazell


pdfIl Dio trino