Il Vangelo

112 il vangelo

Il vangelo è la buona novella della salvezza mediante la grazia di Dio mediante la fede in Gesù Cristo. È il messaggio che Cristo è morto per i nostri peccati, che è stato sepolto, secondo le scritture, è risorto il terzo giorno e poi è apparso ai suoi discepoli. Il Vangelo è la buona notizia che possiamo entrare nel regno di Dio attraverso l'opera salvifica di Gesù Cristo. (1. Corinzi 15,1-5; Atti degli Apostoli 5,31; Luca 24,46-48; John 3,16; Matteo 28,19-20; marchio 1,14-15; Atti degli Apostoli 8,12; 28,30-31)

Perché sei nato?

Sono stati creati per uno scopo! Dio ha creato ognuno di noi per una ragione - e siamo più felici quando viviamo in armonia con lo scopo che ci ha dato. Devi sapere di cosa si tratta.

Molte persone non hanno idea di cosa sia la vita. Vivono e muoiono, cercano un qualche tipo di significato e si chiedono se la loro vita ha uno scopo, dove appartengono, se hanno davvero un significato nel grande schema delle cose. Potrebbero aver messo insieme la migliore collezione di bottiglie o aver vinto il premio di popolarità al liceo, ma troppo rapidamente piani e sogni giovanili volano via in preoccupazioni e frustrazioni per le occasioni mancate, relazioni fallite o innumerevoli "Se solo" o "Cosa avrebbe potuto essere".

Molte persone conducono una vita insoddisfatta vuoto senza scopo fissa e il significato che va oltre la gratificazione di breve durata di denaro, il sesso, il potere, il rispetto o la popolarità che nulla vuol dire, soprattutto se le tenebre della morte si sta avvicinando. Ma la vita potrebbe essere molto più di questo perché Dio offre molto di più a ciascuno di noi. Ci dà vero significato e un vero senso della vita - la gioia di essere ciò per cui ci ha creati.

Parte 1: l'uomo creato a immagine di Dio

Il primo capitolo della Bibbia ci dice che Dio creò l'uomo "a sua immagine" (1. Mose 1,27). Uomini e donne sono stati "fatti a immagine di Dio" (stesso versetto).

Ovviamente, non siamo creati a immagine di Dio in termini di dimensioni o peso o colore della pelle. Dio è spirito, non un essere creato, e siamo fatti di materia. Eppure Dio ha creato l'umanità a sua immagine, il che significa che essenzialmente ci ha fatto somigliare a lui. Abbiamo fiducia in se stessi, possiamo comunicare, pianificare, pensare in modo creativo, progettare e costruire, risolvere i problemi ed essere una forza per il bene nel mondo. E possiamo amare
 

Dobbiamo essere "fatti secondo Dio, in vera giustizia e santità" (Efesini 4,24). Ma spesso le persone non sono affatto come Dio in questo senso. In effetti, le persone spesso possono essere piuttosto empi. Tuttavia, nonostante la nostra empietà, ci sono alcune cose su cui possiamo fare affidamento. Per prima cosa, che Dio sarà sempre fedele nel suo amore per noi.

Un esempio perfetto

Il Nuovo Testamento ci aiuta a capire cosa significa essere fatti a immagine di Dio. L'apostolo Paolo ci dice che Dio ci sta trasformando in qualcosa di perfetto e buono: l'immagine di Gesù Cristo. "Quelli che ha scelti, li ha anche predestinati ad essere simili all'immagine di suo figlio, affinché sia ​​il primogenito tra molti fratelli" (Romani 8,29). In altre parole, Dio ha inteso fin dall'inizio che saremmo diventati come Gesù, il Figlio di Dio nella carne.

Paolo dice che Gesù stesso «è immagine di Dio» (2. Corinzi 4,4). "Egli è l'immagine del Dio invisibile" (Colossesi 1,15). È l'esempio perfetto di ciò che siamo stati fatti per fare. Siamo figli di Dio nella sua famiglia e guardiamo a Gesù, il Figlio di Dio, per vedere cosa significa.

Uno dei discepoli di Gesù gli chiese: "Mostraci il Padre" (Giovanni 14,8). Gesù rispose: «Chi vede me vede il Padre» (v. 9). In altre parole, Gesù dice: Quello che hai veramente bisogno di sapere su Dio lo puoi vedere in me.

Non parla del colore della pelle, degli stili di abbigliamento o delle abilità di un falegname: parla di mente, atteggiamento e azioni. Dio è amore, scriveva Johannes (1. Johannes 4,8), e Gesù ci mostra cos'è l'amore e come dobbiamo amare come esseri umani che si trasformano a sua immagine.

Poiché gli esseri umani sono fatti a immagine di Dio e Gesù è a immagine di Dio, non c'è da meravigliarsi se Dio ci modella a immagine di Gesù. Deve "prendere forma" in noi (Galati 4,19). Il nostro scopo è "arrivare alla misura perfetta della pienezza di Cristo" (Efesini 4,13). Quando veniamo rimodellati a immagine di Gesù, l'immagine di Dio viene restaurata in noi e diventiamo ciò per cui siamo stati creati.

Forse non sei molto simile a Gesù in questo momento. Va bene. Dio lo sa già, ed è per questo che sta lavorando con te. Se glielo permetti, ti cambierà - ti trasformerà - in modo che tu possa diventare sempre più simile a Cristo (2. Corinzi 3,18). Ci vuole pazienza, ma il processo riempie la vita di significato e scopo.

Perché Dio non realizza tutto in un attimo? Perché ciò non tiene conto della persona reale, pensante e amorevole che dovresti essere dopo la sua volontà. Un cambiamento di mente e di cuore, la decisione di rivolgersi a Dio e fidarsi di Lui può solo prendere un momento, come decidere di camminare in una certa strada. Ma il vero viaggio lungo la strada richiede tempo e può essere pieno di ostacoli e difficoltà. Allo stesso modo, ci vuole tempo per cambiare abitudini, comportamenti e attitudini radicate.

Inoltre, Dio ti ama e vuole che tu lo ami. Ma l'amore è amore solo quando è dato di sua iniziativa, non quando è richiesto. L'amore forzato non è affatto amore.

Sta migliorando sempre di più

Lo scopo di Dio per te non è solo di essere come Gesù 2000 anni fa, ma anche di essere chi è ora: risorto, immortale, pieno di gloria e potere! Egli «trasformerà il nostro corpo vano perché diventi simile al suo corpo glorificato, secondo la forza con cui può soggiogare ogni cosa» (Filippesi 3,21). Se siamo uniti a Cristo in questa vita, "saremo simili a lui anche nella risurrezione" (Romani 6,5). "Saremo come lui", ci assicura Giovanni (1. Johannes 3,2).

Se siamo figli di Dio, scrive Paolo, allora possiamo essere certi «che anche noi saremo innalzati alla gloria con lui» (Romani 8,17). Riceveremo una gloria come quella di Gesù: corpi immortali, che non si decompongono mai, corpi spirituali. Risusciteremo nella gloria, risorgeremo nella potenza (1. Corinzi 15,42-44). "E come abbiamo portato l'immagine del terreno, così porteremo anche l'immagine del celeste" - saremo come Cristo! (V.49).

Ti piacerebbe la gloria e l'immortalità? Dio ti ha creato per questo scopo! È un regalo meraviglioso che vuole darti. È un futuro eccitante e meraviglioso - e dà senso e significato alla vita.

Quando vediamo il risultato finale, il processo in cui ci troviamo ora ha più senso. Le difficoltà, le prove e i dolori della vita, così come le gioie, hanno più senso quando sappiamo di cosa tratta la vita. Quando conosceremo la gloria che riceveremo, le sofferenze in questa vita saranno più facili da sopportare (Romani 8,28). Dio ci ha fatto promesse straordinariamente grandi e preziose.

C'è un problema qui?

Ma aspetta un minuto, ti piace pensare. Non sarò mai abbastanza bravo per questo tipo di gloria e potere. Sono solo una persona normale. Se il paradiso è un posto perfetto, allora io non appartengo a questo posto; la mia vita è incasinata.

Va bene - Dio lo sa, ma non lascerà che questo lo fermi. Ha dei piani per te e si è già preparato per questi problemi in modo che possano essere risolti. Perché tutte le persone hanno incasinato le cose; Le vite di tutte le persone sono pasticciate e nessuno merita di ricevere gloria e potere.

Ma Dio sa come salvare le persone che sono peccatrici - e non importa quante volte rovinano tutto, lui sa come salvarle.

Il piano di Dio è per Gesù Cristo, che era al nostro posto senza peccato e ha sofferto per i nostri peccati al posto nostro. Egli ci rappresenta davanti a Dio e ci offre il dono della vita eterna se vogliamo accettarlo da lui.

Parte 2: Il dono di Dio

Tutti falliamo, dice Paolo, ma siamo stati giustificati dalla grazia di Dio. È un regalo! Non possiamo guadagnarlo - Dio ci dona dalla Sua grazia e misericordia.

Le persone che possono affrontare la vita da sole non devono essere salvate - sono le persone in difficoltà che devono essere salvate. I bagnini non "salvano" le persone che sanno nuotare da sole, ma salvano le persone che stanno annegando. Spiritualmente stiamo annegando tutti. Nessuno di noi si avvicina alla perfezione di Cristo e senza di essa siamo praticamente morti.

Molte persone sembrano pensare che dobbiamo essere "abbastanza bravi" per Dio. Diciamo che chiediamo ad alcuni: "Cosa ti fa pensare che stai andando in paradiso o che avrai la vita eterna nel regno di Dio?" Molti risponderebbero: «Perché sono stato bravo. Ho fatto questo o quello. »

La verità è che non importa quanto bene abbiamo fatto per guadagnare un posto in un mondo perfetto, non saremo mai "abbastanza bravi" perché siamo imperfetti. Abbiamo fallito, ma siamo giustificati dal dono di Dio, da ciò che Gesù Cristo ha fatto per noi.

Non con buone opere

Dio ci ha salvati, dice la Bibbia, "non secondo le nostre opere, ma secondo il suo consiglio e la sua grazia" (2. Timoteo 1,9). Ci ha salvati non per le opere di giustizia che avevamo fatto, ma per la sua misericordia» (Tito 3,5).

Anche se i nostri lavori sono molto buoni, non sono la ragione per cui Dio ci salva. Dobbiamo essere salvati perché le nostre buone opere non sono sufficienti per salvarci. Abbiamo bisogno della misericordia e della grazia, e Dio ci dona ciò per mezzo di Gesù Cristo.

Se fosse possibile per noi guadagnare la vita eterna attraverso un buon comportamento, allora Dio ci avrebbe detto come. Se obbedire ai comandamenti potesse darci la vita eterna, Dio l'avrebbe fatto in quel modo, dice Paolo.

"Poiché solo se fosse data una legge che potrebbe dare la vita, la giustizia verrebbe realmente dalla legge" (Galati 3,21). Ma la legge non può darci la vita eterna, anche se potessimo osservarla.

"Poiché se la giustizia viene dalla legge, Cristo è morto invano" (Galati 2,21). Se le persone potessero lavorare per la loro salvezza, allora non avremmo bisogno di un Salvatore per salvarci. Non era necessario che Gesù venisse sulla terra o morisse e risorgesse.

Ma Gesù è venuto sulla terra proprio per questo scopo: morire per noi. Gesù ha detto che è venuto «per dare la sua vita in redenzione per molti» (Mt 20,28). La sua vita è stata il pagamento di un riscatto dato per liberarci e redenti. La Bibbia mostra ripetutamente che "Cristo è morto per noi" e che è morto "per i nostri peccati" (Romani 5,6-8; 2. Corinzi 5,14; 15,3; Gal
1,4; 2. Tessalonicesi 5,10).

"Il salario del peccato è la morte", dice Paolo in Romani 6,23"Ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù nostro Signore". Meritiamo la morte, ma siamo salvati dalla grazia di Gesù Cristo. Non meritiamo di vivere con Dio perché non siamo perfetti, ma Dio ci salva attraverso Suo Figlio, Gesù Cristo.

Descrizioni di salvezza

La Bibbia spiega la nostra salvezza in molti modi - a volte usando termini finanziari, a volte parole che si riferiscono a vittime, familiari o amici.

Il termine finanziario esprime che ha pagato il prezzo per liberarci. Ha preso la punizione (la morte) che meritavamo e ha pagato il debito che avevamo. Prende il nostro peccato e la nostra morte e in cambio ci dà la sua giustizia e la sua vita.

Dio accetta il sacrificio di Gesù per noi (dopo tutto, è lui che ha mandato Gesù a darlo), e accetta la giustizia di Gesù per noi. Quindi, noi che una volta ci opponevamo a Dio, ora siamo suoi amici (Romani 5,10).

"Anche voi, che un tempo eravate estranei e ostili nelle opere malvagie, ora ha riconciliato mediante la morte del suo corpo mortale, per rendervi santi, irreprensibili e senza macchia davanti al suo volto" (Colossesi 1,21-22).

A causa della morte di Cristo, siamo santi dal punto di vista di Dio. Nel libro di Dio, siamo passati da un debito enorme a un enorme credito - non a causa di ciò che abbiamo fatto, ma a causa di ciò che Dio ha fatto.

Dio ora ci chiama suoi figli - ci ha adottati (Efesini 1,5). "Siamo figli di Dio" (Romani 8,16). E poi Paolo descrive i meravigliosi risultati della nostra adozione: «Se siamo figli, siamo anche eredi, cioè eredi di Dio e coeredi di Cristo» (v. 17). La salvezza è descritta come un'eredità. "Ti ha reso idoneo all'eredità dei santi nella luce" (Colossesi 1,12).

A causa della generosità di Dio, grazie alla sua grazia, erediteremo una fortuna: condivideremo l'universo con Cristo. O meglio, lo condividerà con noi, non perché abbiamo fatto qualcosa, ma perché ci ama e vuole darlo a noi.

Ricevere per fede

Gesù ci ha qualificato; ha pagato la pena non solo per il nostro peccato, ma per i peccati di tutte le persone (1. Johannes 2,2). Ma molte persone non lo capiscono ancora. Forse queste persone non hanno ancora ascoltato il messaggio di salvezza, o potrebbero aver sentito una versione distorta che non aveva senso per loro. Per qualche ragione non credettero al messaggio.

È come se Gesù ha pagato il loro debito, ha dato loro un conto in banca enorme, ma non hanno sentito parlare o non credere che tutto, o non credo che abbia mai avuto debiti. Oppure è come se Gesù avesse organizzato una grande festa, e lui dava loro un biglietto, eppure alcune persone hanno scelto di non venire.

Oppure sono schiavi che lavorano nella terra, e Gesù viene e dice: "Ho comprato la tua libertà". Alcune persone non ascoltano questo messaggio, altre non ci credono e alcune preferiscono rimanere nella terra piuttosto che scoprire cos'è la libertà. Ma altri ascoltano il messaggio, credono, e escono dalla terra per vedere come potrebbe essere una nuova vita con Cristo.

Il messaggio di salvezza si riceve mediante la fede - confidando in Gesù, prendendolo in parola, credendo alla buona novella. "Credi nel Signore Gesù e sarai salvato tu e la tua casa" (At 16,31). Il Vangelo opera per "tutti coloro che credono in esso" (Romani 1,16). Se non crediamo nel messaggio, non ci sarà molto utile.

Certamente, la fede implica molto più che credere certi fatti su Gesù. I fatti hanno un impatto drammatico su di noi - dobbiamo allontanarci dalla vita che abbiamo creato nella nostra stessa immagine, e invece rivolgerci a Dio, che ci ha fatto a sua immagine.

Dobbiamo ammettere che siamo peccatori, che non meritiamo il diritto alla vita eterna e che non meritiamo di essere eredi di Cristo. Dobbiamo ammettere che non saremo mai "abbastanza buoni" per il Paradiso - e dobbiamo fidarci che il biglietto che Gesù ci dà è davvero abbastanza buono per noi per essere alla festa. Dobbiamo fidarci che nella sua morte e risurrezione ha fatto abbastanza per pagare i nostri debiti spirituali. Dobbiamo fidarci della sua misericordia e grazia e ammettere che non c'è altro modo per entrare.

Un preventivo gratuito

Torniamo al significato della vita nella nostra discussione. Dio dice che ci ha creati per uno scopo, e che lo scopo è diventare come lui. Dobbiamo essere uniti alla famiglia di Dio, i fratelli di Gesù e riceveremo parte alla fortuna di famiglia! È uno scopo meraviglioso e una meravigliosa promessa.

Ma non abbiamo fatto la nostra parte. Non siamo stati bravi come Gesù, cioè non siamo stati perfetti. Cosa ci porta allora a credere che otterremo anche l'altra parte del "business" - la gloria eterna? La risposta è che dobbiamo confidare che Dio sia misericordioso e misericordioso come afferma di essere. Ci ha creati per questo scopo e lo realizzerà! Possiamo essere certi, dice Paolo, che «chi ha cominciato in voi l'opera buona, la porterà a termine anche fino al giorno di Cristo Gesù» (Filippesi 1,6).

Gesù ha pagato il prezzo e ha fatto il lavoro, e il suo messaggio - il messaggio della Bibbia - è che la nostra salvezza passa attraverso ciò che ha fatto per noi. L'esperienza (come la Scrittura) dice che non possiamo fare affidamento su noi stessi. La nostra unica speranza per la salvezza, per la vita, per diventare ciò che Dio ci ha fatto essere, è confidare in Cristo. Possiamo diventare come Cristo perché, conoscendo tutti i nostri errori e fallimenti, Lui dice che lo farà!

Senza Cristo la vita non ha senso: siamo nella sporcizia. Ma Gesù ci dice che ha comprato la nostra libertà, può purificarci, ci offre un biglietto gratuito per la festa e pieno diritto alla fortuna di famiglia. Possiamo accettare questa offerta, oppure possiamo spegnerla e rimanere nel fango.

Parte 3: sei invitato al banchetto!

Gesù sembrava un insignificante falegname in un villaggio insignificante in una parte insignificante dell'Impero Romano. Ma ora è ampiamente considerato come la persona più significativa che abbia mai vissuto. Anche i non credenti riconoscono che ha dato la sua vita per servire gli altri, e in questo ideale di amore oblativo raggiunge nelle profondità dell'animo umano e tocca l'immagine di Dio in noi.

Ha insegnato che le persone possono trovare una vita vera e piena se sono pronte a rinunciare al loro sbalorditivo attaccamento all'esistenza e a seguirla nella vita del Regno di Dio.
"Chi perderà la sua vita per causa mia, la troverà" (Matteo 10,39).

Non abbiamo nulla da perdere se non una vita inutile, una vita frustrante, e Gesù ci offre vite appaganti, gioiose, eccitanti e traboccanti - per l'eternità. Ci invita a rinunciare all'orgoglio e alla preoccupazione, e otteniamo pace interiore e gioia nel cuore.

La via di Gesù

Gesù ci invita a unirsi a Lui nella sua gloria - ma il viaggio verso la gloria richiede umiltà dando preferenza ad altre persone. Abbiamo bisogno di allentare la presa sulle cose di questa vita e consolidare la presa su Gesù. Se vogliamo avere una nuova vita, dobbiamo essere pronti a lasciar andare il vecchio.

Siamo stati fatti per essere come Gesù. Ma non copiamo solo un eroe rispettato. Il cristianesimo non riguarda rituali religiosi o persino ideali religiosi. Riguarda l'amore di Dio per l'umanità, la sua fedeltà all'umanità, il suo amore e la sua fedeltà, che sono diventati visibili in Gesù Cristo in forma umana.

In Gesù, Dio dimostra la sua grazia; Sa che non saremo mai abbastanza bravi da soli, non importa quanto ci proviamo. In Gesù, Dio ci dà aiuto; Invia lo Spirito Santo nel nome di Gesù per vivere in noi, per cambiarci dall'interno verso l'esterno. Dio ci modella, noi siamo come Lui; non proviamo a diventare come Dio da soli.

Gesù ci offre un'eternità di gioia. Ogni persona, come un bambino nella famiglia di Dio, ha uno scopo e un significato: una vita per sempre. Siamo stati fatti per la gloria eterna e la via della gloria è Gesù, che è lui stesso la via, la verità e la vita (Giovanni 14,6).

Per Gesù significava una croce. Ci chiama anche a unirci a questa parte del viaggio. "Poi disse a tutti loro: Chi vuol seguirmi rinneghi se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua" (Lc 9,23). Ma sulla croce c'è stata una risurrezione alla gloria.

Un banchetto festivo

In alcune storie, Gesù ha paragonato la salvezza a un banchetto. Nella parabola del figliol prodigo, il padre diede una festa per il figlio apostata che alla fine tornò a casa. “Portate il vitello grasso e ammazzatelo; mangiamo e siamo felici! Perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita; era perduto ed è stato ritrovato» (Lc 15,23-24). Gesù ha raccontato la storia per illustrare il fatto che tutto il cielo si rallegra quando ci si rivolge a Dio (v. 7).

Gesù raccontò un'altra parabola su una persona (che rappresenta Dio) che "preparò una grande cena e invitò molti ospiti" (Luca 14,16). Ma sorprendentemente, molte persone hanno ignorato questo invito. «E ad uno ad uno cominciarono a scusarsi» (v. 18). Alcuni erano preoccupati per i loro soldi o il loro lavoro; altri erano distratti dagli affari di famiglia (vv. 18-20). Così il Maestro ha invitato invece i poveri (v. 21).

Così è con la salvezza. Gesù invita tutti, ma alcune persone sono troppo impegnate con le cose di questo mondo per rispondere. Ma quelli che sono "poveri", che si rendono conto che ci sono cose più importanti del denaro, del sesso, del potere e della fama, sono desiderosi di venire a celebrare la vera vita della Cena del Signore.

Gesù ha raccontato un'altra storia in cui ha paragonato la salvezza a un uomo (che rappresenta Gesù) che va in viaggio. “Poiché è simile a un uomo che è andato all'estero: ha chiamato i suoi servi e ha affidato loro i suoi beni; A quello diede cinque talenti d'argento, agli altri due, al terzo, ciascuno secondo la sua capacità, e se ne andò» (Matteo 25,14-15). Il denaro potrebbe simboleggiare diverse cose che Cristo ci dona; consideriamolo qui come una rappresentazione del messaggio di salvezza.

Dopo molto tempo, il Maestro tornò e chiese un accordo. Due dei servi mostrarono di aver realizzato qualcosa con il denaro del padrone, e furono ricompensati: «Allora il suo padrone gli disse: Bravo, servo capace e fedele, sei stato fedele in poche cose, ti voglio molto impostato; entra nella gioia del tuo Signore!». (Luca 15,22).

Sei invitato!

Gesù ci invita a condividere la sua felicità, a condividere con Lui i piaceri eterni che Dio ha per noi. Ci chiama ad essere come lui, ad essere immortale, eterno, glorioso e senza peccato. Avremo un potere soprannaturale. Avremo una vitalità, intelligenza, creatività, potere e amore che va ben oltre ciò che ora sappiamo.

Non possiamo farlo da soli - dobbiamo permettere a Dio di farlo in noi. Dobbiamo accettare il suo invito a uscire dal fango e al suo banchetto solenne.

Hai pensato di accettare il suo invito? Se è così, potresti non vedere risultati sorprendenti, ma la tua vita avrà sicuramente un nuovo significato e uno scopo. Troverai un significato, capirai dove stai andando e perché, e riceverai nuova forza, nuovo coraggio e grande pace.

Gesù ci invita a una festa che dura per sempre. Accetterete l'invito?

Michael Morrison


pdfIl Vangelo