Il cristiano

109 il Cristo

Cristo è qualcuno che ripone la sua fiducia in Cristo. Con il rinnovamento nello Spirito Santo, il cristiano sperimenta una nuova nascita ed è compensato dalla grazia di Dio per adozione in un giusto rapporto con Dio e gli altri. La vita del cristiano è caratterizzato dal frutto dello Spirito Santo. (Romans-10,9 13; Gal 2,20; John 3,5-7; Markus 8,34; John 1,12-13; 3,16-17; Romani 5,1; 8,9; John 13,35; Gal-5,22 23)

Cosa significa essere un figlio di Dio?

I discepoli di Gesù potevano essere occasionalmente molto autocratici. Una volta chiesero a Gesù: "Chi è il più grande nel regno dei cieli?" (Mt 18,1). In altre parole, quali qualità personali vuole vedere Dio tra la sua gente, quali esempi trova il migliore?

Buona domanda Gesù li prese per chiarire un punto importante: "Se non ti penti e non diventi simile ai bambini, non entrerai nel regno dei cieli" (v. 3).

I discepoli hanno sorpreso quando non sono stati confusi. Forse pensavano di qualcuno come Elia il fuoco dal cielo per consumare chiamato alcuni nemici o uccisi per un fanatico come Fineas, le persone che hanno fatto la legge di Mosè compromessi (4Mo 25,7-8). non erano parte del più grande nella storia del popolo di Dio?

Ma la sua idea di taglia era centrata su valori sbagliati. Gesù mostra loro che Dio non vuole vedere nella sua gente né spettacoli né azioni audaci, ma piuttosto caratteristiche che sono più probabili nei bambini. È chiaro che se non diventi come i bambini piccoli, non entrerai affatto nel Reich!

In quale relazione dovremmo essere come i bambini? Dovremmo essere immaturi, infantili, ignoranti? No, avremmo dovuto lasciare dietro di sé percorsi infantili (1K o 13,11). Dovremmo aver scartato alcune qualità infantili mentre altri li hanno tenuti.

Una delle caratteristiche di cui abbiamo bisogno è l'umiltà, come dice Gesù in Matteo 18, 4: "Chiunque diventerà piccolo come questo bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli." Una persona umile è secondo l'idea del più grande di Dio - Il suo esempio è agli occhi di Dio il meglio che vuole vedere nella sua gente.

Per una buona ragione; perché l'umiltà è una qualità di Dio. Dio è pronto a rinunciare ai suoi privilegi per la nostra salvezza. Ciò che Gesù fece quando divenne carne non fu un'anomalia della natura di Dio, ma una rivelazione del costante, vero essere di Dio. Dio vuole che diventiamo come Cristo, anche disposti a rinunciare ai privilegi di servire gli altri.

Alcuni bambini sono umili, altri no. Gesù ha usato un certo bambino per esprimere un punto: dovremmo comportarci in modo simile ai bambini, specialmente nel nostro rapporto con Dio.

Gesù affermò anche che da bambino, si dovrebbe anche incontrare calorosamente altri bambini (v. 5), che certamente pensò sia ai bambini letterali che ai bambini in senso figurato. Da adulti, dovremmo trattare i giovani con cortesia e rispetto. Allo stesso modo, dovremmo ricevere in modo educato e rispettoso i nuovi credenti che sono ancora immaturi nella loro relazione con Dio e nella loro comprensione della dottrina cristiana. La nostra umiltà si estende non solo alla nostra relazione con Dio, ma anche agli altri.

Abba, padre

Gesù sapeva di avere una relazione unica con Dio. Solo lui conosceva il padre abbastanza bene da rivelarlo agli altri (Mt 11,27). Gesù si rivolse a Dio con l'Aramaico Abba, una tenera espressione che i bambini e gli adulti usavano per i loro padri. Corrisponde approssimativamente alla nostra parola moderna "papà". Nella preghiera, Gesù ha parlato con suo padre, ha chiesto aiuto e lo ha ringraziato per i suoi doni. Gesù ci insegna che non dobbiamo adulare per ottenere un'udienza con il re. Lui è nostro padre. Possiamo avvicinarlo perché è nostro padre. Ci ha dato questo privilegio. Ecco perché possiamo essere sicuri che ci ascolterà.

Quando noi bambini non sono allo stesso modo Dio come Gesù è il Figlio, Gesù, ma ha insegnato ai suoi discepoli a pregare Dio come padre. Molti anni dopo, Paolo si riferì che l'oltre un migliaio di miglia di distanza dalle zone di lingua aramaica di Roma Chiesa dovrebbero invocare Dio con la parola aramaica Abbà (Rm 8,15).

Non è necessario usare la parola Abba nelle preghiere di oggi. Ma l'uso diffuso della parola nella chiesa primitiva mostra che impressionò molto i discepoli. Avevano avuto una relazione particolarmente stretta con Dio, una relazione che garantiva loro l'accesso a Dio attraverso Gesù Cristo.

La parola Abba era qualcosa di speciale. Altri ebrei non hanno pregato così. Ma i discepoli di Gesù l'hanno fatto. Conoscevano Dio come loro padre. Erano figli del re, non solo membri di una nazione scelta.

Rinascita e adozione

L'uso di varie metafore servì agli apostoli per esprimere la nuova comunione che i credenti avevano con Dio. Il termine salvezza trasmetteva l'idea che siamo diventati proprietà di Dio. Siamo stati riscattati dal mercato degli schiavi del peccato a un prezzo tremendo: la morte di Gesù Cristo. Il "prezzo" non è stato fatto per una persona in particolare, ma fa apparire l'idea che la nostra salvezza era costosa.

Il termine riconciliazione sottolineava il fatto che una volta eravamo nemici di Dio e che ora l'amicizia attraverso Gesù Cristo veniva ripristinata. La sua morte ha permesso il rimborso dei peccati di Dio che ci ha separati dai nostri peccati. Dio ha fatto questo per noi perché non potevamo farlo per noi stessi.

Allora la Bibbia ci dà molte analogie. Ma il fatto di usare diverse analogie ci porta alla conclusione che nessuno di loro da solo può darci il quadro completo. Ciò è particolarmente vero per due analogie che altrimenti si contraddirebbero l'una con l'altra: la prima mostra che siamo nati [dall'alto] come figli di Dio e l'altro che siamo stati adottati.

Queste due analogie ci mostrano qualcosa di importante in relazione alla nostra salvezza. Nascere di nuovo significa che c'è un cambiamento radicale nel nostro essere umano, un cambiamento che inizia piccolo e cresce per tutta la vita. Siamo una nuova creazione, nuove persone che vivono in una nuova era.

Adozione significa che una volta eravamo stranieri del regno, ma ora siamo stati dichiarati figli di Dio mediante la decisione di Dio e con l'aiuto dello Spirito Santo, e abbiamo pieno diritto all'eredità e all'identità. Noi, i lontani, siamo stati avvicinati dall'opera salvifica di Gesù Cristo. In lui moriamo, ma a causa sua non dobbiamo morire. Viviamo in lui, ma non siamo noi che viviamo, ma siamo persone nuove create dallo Spirito di Dio.

Ogni metafora ha il suo significato, ma anche i suoi punti deboli. Nulla nel mondo fisico può trasmettere pienamente ciò che Dio sta facendo nella nostra vita. Con le analogie che ci ha dato, il quadro biblico della filiazione divina è concordato in modo particolare.

Come diventano i bambini

Dio è creatore, fornitore e re. Ma quello che è ancora più importante per noi è suo padre. È un volume intimo che si esprime nella relazione più significativa della cultura del primo secolo.

Le persone della società allora erano conosciute dal loro padre. Ad esempio, il tuo nome potrebbe essere Joseph, figlio di Eli. Il tuo posto nella società sarebbe stato determinato da tuo padre. Tuo padre avrebbe determinato il tuo status economico, la tua professione, il tuo futuro coniuge. Qualsiasi cosa tu abbia ereditato sarebbe venuta da tuo padre.

Nella società odierna, le madri hanno maggiori probabilità di svolgere il ruolo più importante. Molte persone oggi hanno un rapporto migliore con la madre che con il padre. Se la Bibbia fosse scritta oggi, si considererebbero anche le parabole materne. Ma nei tempi biblici, le parabole paterne erano più importanti.

Dio, che a volte rivela le proprie qualità materne, si definisce sempre padre. Se il nostro rapporto con il nostro padre terreno è buono, allora l'analogia funziona bene. Ma avere una cattiva relazione con il padre rende più difficile per noi sapere cosa Dio sta cercando di dirci sulla nostra relazione con Lui.

Il giudizio che Dio non è migliore del nostro padre terreno non è il nostro. Ma forse siamo abbastanza creativi da immaginarlo in una relazione genitoriale idealizzata che un essere umano non può mai raggiungere. Dio è migliore del miglior padre.

In che modo noi, come figli di Dio, guardiamo a Dio come nostro Padre?

  • L'amore di Dio per noi è profondo. Fa sacrifici per farcela. Ci ha creati a sua immagine e vuole vederci perfetti. Spesso, come genitori, realizziamo innanzitutto quanto dovremmo valutare i nostri genitori per tutto ciò che hanno fatto per noi. Nella nostra relazione con Dio, possiamo solo sentire sottomesso ciò che sta attraversando a nostro beneficio.
  • Essendo totalmente dipendenti da Lui, guardiamo con fiducia in Dio. I nostri beni non sono abbastanza. Ci affidiamo a lui per prenderci cura dei nostri bisogni e guidarci per le nostre vite.
  • Ci godiamo ogni giorno la sua sicurezza perché sappiamo che un Dio onnipotente ci sta proteggendo. Conosce i nostri bisogni, sia esso pane quotidiano o aiuto di emergenza. Non dobbiamo
    preoccupato ansiosamente, perché papà ci fornirà.
  • Da bambini ci viene garantito un futuro nel regno di Dio. Per usare un'altra analogia: come eredi, avremo una ricchezza favolosa e vivremo in una città dove l'oro sarà tanto abbondante quanto la polvere. Lì avremo un'abbondanza spirituale di valore molto più grande di qualsiasi cosa conosciamo oggi.
  • Abbiamo fiducia e coraggio. Possiamo predicare con sincerità senza timore di persecuzioni. Anche se siamo uccisi, non abbiamo paura; perché abbiamo un papà che nessuno può portarci via.
  • Possiamo affrontare i nostri esami con ottimismo. Sappiamo che nostro padre ha problemi a crescere in modo da poter stare meglio a lungo termine (Hebr 12,5-11). Siamo fiduciosi che lavorerà nelle nostre vite, che non ci spezzerà.

Questi sono enormi benedizioni. Forse pensi di più. Ma sono sicuro che non c'è niente nell'universo che essere un figlio di Dio. Questa è la più grande benedizione del regno di Dio. Se diventerete come i bambini, siamo eredi di tutta la gioia e tutte le benedizioni della
regno eterno di Dio che non può essere scosso.

Joseph Tkach


pdfIl cristiano