Fede in Dio

116 crede in dio

La fede in Dio è un dono di Dio, radicato nel suo Figlio incarnato e illuminati dalla sua Parola eterna attraverso la testimonianza dello Spirito Santo nella Scrittura. La fede in Dio rende i cuori e le menti delle persone ricettive al dono di Dio della grazia, la salvezza. Per mezzo di Gesù Cristo e per mezzo della fede Spirito Santo per la comunione spirituale e la fedeltà attiva a Dio nostro Padre ci autorizza. Gesù Cristo è l'autore e perfezionatore della nostra fede, e per fede, non per opere, otteniamo la grazia della salvezza. (Ef 2,8; Atti 15,9; 14,27; Romani 12,3; John 1,1.4; Atti 3,16; Romani 10,17; ebraico 11,1; Romani 5,1-2; 1,17; 3,21-28; 11,6; Ef 3,12; 1 Cor 2,5 ;. ebraico 12,2)

Reagisci in fede a Dio

Dio è grande e buono. Dio usa il suo potente potere per promuovere la sua promessa di amore e di grazia nei confronti del suo popolo. È mite, amorevole, lento all'ira e ricco di grazia.

È carino, ma come è rilevante per noi? Che differenza fa nella nostra vita? Come rispondiamo a un Dio che è al tempo stesso potente e mansueto? Rispondiamo in almeno due modi.

Fiducia

Quando ci rendiamo conto che Dio ha tutto il potere di fare ciò che vuole, e che usa sempre quel potere come una benedizione per l'umanità, allora possiamo avere la certezza assoluta che siamo in buone mani. Ha l'abilità e lo scopo dichiarato di fare tutte le cose, inclusa la nostra ribellione, il nostro odio e il nostro tradimento verso di lui e l'uno contro l'altro, per la nostra salvezza. È completamente affidabile - degno della nostra fiducia.

Quando siamo nel bel mezzo delle prove, della malattia, della sofferenza e persino della morte, possiamo essere certi che Dio è ancora con noi, che si prende cura di noi e che ha tutto sotto controllo. Potrebbe non sembrare così, e certamente ci sentiamo in controllo, ma possiamo essere certi che Dio non sarà sorpreso. Può trasformare ogni situazione, ogni disgrazia al meglio.

Non abbiamo mai bisogno di dubitare dell'amore di Dio per noi. "Ma Dio mostra il suo amore per noi nel fatto che Cristo è morto per noi quando eravamo ancora peccatori" (Rom 5,8). "Attraverso questo abbiamo riconosciuto l'amore che Gesù Cristo ha lasciato la sua vita per noi" (1Joh 3,16). Possiamo basarci sul fatto che il Dio che non ha risparmiato neppure il suo Figlio, ci donerà attraverso suo Figlio tutto ciò di cui abbiamo bisogno per la felicità eterna.

Dio non ha mandato nessun altro: il Figlio di Dio, essenziale per la divinità, è diventato uomo perché potesse morire per noi e risorgere dai morti (Ebr. 2,14). Non siamo stati riscattati dal sangue degli animali, non dal sangue di un uomo buono, ma dal sangue del Dio che si è fatto uomo. Ogni volta che prendiamo il sacramento, ci viene ricordato questo grado del suo amore per noi. Possiamo essere sicuri che ci ama. lui
ha guadagnato la nostra fiducia.

"Dio è fedele", dice Paolo, "il non è possibile provare oltre le vostre forze, ma rende anche la tentazione così si conclude, che possiate sopportare" (1Kor 10,13). "Ma il Signore è fedele; rafforzerà e proteggerà dal male "(2Th 3,3). Anche se "siamo infedeli, rimane fedele" (2T in 2,13). Non cambierà idea di volere noi, chiamandoci ad essere misericordiosi. "Manteniamo la confessione della speranza e non vacilliamo; perché è fedele, chi li ha promessi "(Ebr. 10,23).

È un impegno per noi, ha stretto un'alleanza per riscattarci, per darci la vita eterna, per amarci per sempre. Lui non vuole essere senza di noi. È degno di fiducia, ma come dovremmo rispondergli? Siamo preoccupati? Stiamo lottando per essere degni del suo amore? O ci fidiamo di lui?

Non abbiamo mai bisogno di dubitare del potere di Dio. Questo si manifesta nella risurrezione di Gesù dalla morte. Questo è il Dio che ha il potere sulla morte stessa, il potere su tutti gli esseri che ha creato, il potere su tutti gli altri poteri (Kol 2,15). Ha trionfato attraverso la croce su tutte le cose, e questo è attestato dalla sua risurrezione. La morte non potrebbe trattenerlo, perché è il principe della vita (atto 3,15).

Lo stesso potere che ha resuscitato Gesù dai morti ci darà anche la vita immortale (Rom 8,11). Possiamo fidarci di avere il potere e il desiderio di adempiere a tutte le sue promesse. Possiamo fidarci di lui in tutte le cose - e questo è positivo, perché è folle credere in qualsiasi altra cosa.

Da soli falliremo. Da solo, anche il sole fallirà. L'unica speranza risiede in un Dio che ha una maggiore potenza rispetto al sole, una maggiore potenza rispetto dell'universo che è più fedele di tempo e spazio, pieno di amore e di fedeltà a noi. Abbiamo questa sicura speranza in Gesù, nostro Redentore.

Fede e fiducia

Tutti quelli che credono in Gesù Cristo saranno salvati (Atti 16,31). Ma cosa significa credere in Gesù Cristo? Anche Satana crede che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio. Non gli piace, ma sa che è vero. Inoltre, Satana sa che Dio esiste e che ricompensa coloro che lo cercano (Hebr 11,6).

Quindi qual è la differenza tra la nostra fede e la fede di Satana? Molti di noi conoscono una risposta di James: la vera fede viene mostrata attraverso l'azione (Jak 2,18-19). Ciò che facciamo mostra ciò in cui crediamo veramente. Il comportamento può essere una prova di fede, anche se alcune persone obbediscono per ragioni sbagliate. Anche Satana opera sotto le restrizioni imposte da Dio.

Quindi, qual è la credenza e in che cosa differisce dalla "attesa vera"? Penso che la spiegazione più semplice sia che salvare la fede è fiducia. Confidiamo che Dio si prenda cura di noi, ci faccia del bene invece del male, ci dia la vita eterna. La fiducia è sapere che Dio esiste, che è buono, che ha il potere di fare ciò che vuole e la fiducia che userà quel potere per fare ciò che è meglio per noi. La fiducia è la volontà di sottometterci e di obbedire - non per paura ma per amore. Se crediamo in Dio, lo amiamo.

La fiducia mostra in quello che facciamo. Ma l'atto non è fiducia e non crea fiducia - è semplicemente il risultato della fiducia. La vera fede è essenzialmente la fiducia in Gesù Cristo.

Un dono di Dio

Da dove viene questo tipo di fiducia? Non è qualcosa che possiamo produrre da noi stessi. Non possiamo persuaderci o usare la logica umana per costruire un caso lassista e solido. Non avremo mai il tempo di affrontare tutte le possibili obiezioni, tutti gli argomenti filosofici su Dio. Ma siamo costretti a prendere una decisione ogni giorno: ci fidiamo di Dio o no? Cercare di ritardare la decisione è una decisione in sé - non ci fidiamo ancora.

Ogni cristiano ha preso la decisione di fidarsi di Cristo in un modo o nell'altro. Per alcuni è stata una decisione ben ponderata. Per gli altri è stata una decisione illogica presa per ragioni sbagliate - ma è stata sicuramente la decisione giusta. Non potevamo fidarci di nessun altro, nemmeno di noi stessi. Da soli, rovineremmo le nostre vite. Inoltre non potremmo fidarci di altre autorità umane. Per alcuni di noi, la fede è stata una scelta che abbiamo fatto nella disperazione: non potevamo andare da nessuna parte se non a Cristo (Joh 6,68).

È normale che la nostra fede iniziale sia una fede immatura - un buon inizio, ma non un buon posto dove fermarsi. Dobbiamo crescere nella nostra fede. Come un uomo disse a Gesù:
"Io credo; aiuta la mia incredulità! "(Mk 9,24). I discepoli stessi avevano dei dubbi, anche dopo aver adorato Gesù risorto (Mt 28,17).

Da dove viene la fede? È un dono di Dio. Efesini 2,8 ci dice che la salvezza è un dono di Dio, nel senso che anche la fede che porta alla salvezza deve essere un dono.
Gli atti 15,9 ci dicono che Dio ha purificato i cuori dei credenti mediante la fede. Dio ha lavorato nel suo cuore. È Colui che ha aperto "la porta della fede" (Atti 14,27). Dio l'ha fatto perché è Lui che ci permette di credere.

Non ci fideremmo di Dio se non ci desse la possibilità di fidarsi di lui. Le persone sono state corrotte dal peccato per credere o fidarsi di Dio con il loro potere o saggezza. Ecco perché la fede non è un "lavoro" che ci qualifica per la salvezza. Non guadagniamo fama perché siamo qualificati - la fede significa semplicemente accettare il dono, essere grati per il dono. Dio ci dà la possibilità di ricevere il dono, di godere del dono.

fidato

Dio ha una buona ragione per crederci, perché c'è uno che è completamente degno di fiducia in cui credere e di cui essere salvato. La fede che ci dà è fondata nel suo Figlio, che si è fatto carne per la nostra salvezza. Abbiamo buone ragioni per credere perché abbiamo un salvatore che ha comprato la salvezza per noi. Ha fatto tutto il necessario, una volta per tutte, firmato, sigillato e consegnato. La nostra fede ha una base solida: Gesù Cristo.

Gesù è il principiante e il finitore della fede (Hebr 12,2), ma non fa il lavoro da solo. Gesù fa solo ciò che il Padre vuole e lavora nei nostri cuori attraverso lo Spirito Santo. Lo Spirito Santo ci insegna, ci condanna e ci dà fede (Joh 14,26; 15,26; 16,10).

Per la parola

In che modo Dio (il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo) ci dà la fede? Di solito succede attraverso il sermone. "La fede viene quindi dalla predicazione, ma dalla predicazione della parola di Cristo" (Romani 10,17). Il sermone è nella Parola di Dio scritta, nella Bibbia, ed è nella parola di Dio pronunciata, sia in un sermone in chiesa o in una semplice testimonianza di una persona a un'altra.

La parola del Vangelo ci parla di Gesù, della Parola di Dio, e lo Spirito Santo usa questa parola per illuminarci, e in qualche modo ci permette di affidarci a quella Parola. A volte ci si riferisce a questo come alla "testimonianza dello Spirito Santo", ma non è come un testimone in tribunale al quale possiamo fare domande.

È più come un interruttore interno che viene riorganizzato e ci consente di accettare le buone notizie che vengono predicate. Lei si sente bene; Anche se possiamo ancora avere domande, crediamo di poter vivere con questo messaggio. Possiamo costruire le nostre vite su di esso, possiamo prendere decisioni basate su questo. Ha senso. È la migliore scelta possibile Dio ci dà la possibilità di fidarsi di lui. Ci dà anche la possibilità di crescere nella fede. Il deposito di fede è un seme che sta crescendo. Rafforza e potenzia le nostre menti e le nostre emozioni per comprendere sempre più il Vangelo. Ci aiuta a capire sempre di più su Dio rivelando se stesso attraverso Gesù Cristo. Per usare un'immagine del Vecchio Testamento, iniziamo a camminare con Dio. Viviamo in lui, pensiamo in lui, crediamo in lui.

Doubt

Ma la maggior parte dei cristiani lotta a volte con la loro fede. La nostra crescita non è sempre fluida e coerente, avviene attraverso esami e domande. Per alcuni, i dubbi sorgono a causa di una tragedia o a causa di gravi sofferenze. Per altri è prosperità o bei tempi che cercano subliminalmente di fidarsi di più cose materiali di Dio. Molti di noi incontreranno due tipi di sfide per la nostra fede.

I poveri spesso hanno una fede più forte dei ricchi. Le persone che sono perseguitate da costanti processi sanno che non hanno altra speranza che Dio, che non hanno altra scelta che fidarsi di lui. Le statistiche mostrano che i poveri danno una percentuale più alta del loro reddito alla chiesa rispetto ai ricchi. Sembra che la loro fede (sebbene non perfetta) sia più coerente.

Il più grande nemico della fede, sembra, è quando tutto va liscio. Le persone sono tentate di credere che la forza della loro intelligenza li abbia fatti compiere così tanto. Perdono il loro atteggiamento infantile di dipendenza da Dio. Si basano su ciò che hanno invece di Dio.

I poveri sono in una situazione migliore per imparare che la vita su questo pianeta è piena di domande e che Dio è il meno in questione. Si fidano di lui perché tutto il resto si è dimostrato inaffidabile. Soldi, salute e amici - sono tutti instabili. Non possiamo fare affidamento su di lei.

Solo Dio può essere fidato, ma anche se è così, non abbiamo sempre le prove che vorremmo avere. Quindi dobbiamo fidarci di lui. Come ha detto Job, anche se mi uccide, voglio fidarmi di lui (Ciao 13,15). Solo lui offre la speranza della vita eterna. Solo lui offre una speranza che la vita abbia un senso o uno scopo.

Parte della crescita

Tuttavia, a volte abbiamo difficoltà con i dubbi. Questo è semplicemente parte del processo di crescita nella fede imparando a fidarsi di Dio più con la vita. Vediamo le scelte che ci attendono e ancora scegliamo Dio come la soluzione migliore.

Come diceva Blaise Pascal secoli fa, anche se non crediamo per nessun altro motivo, dovremmo almeno crederci perché Dio è la migliore scommessa. Se lo seguiamo e lui non esiste, allora non abbiamo perso nulla. Ma se non lo seguiamo e lui esiste, allora abbiamo perso tutto. Quindi non abbiamo nulla da perdere, ma guadagnare tutto credendo in Dio vivendo e pensando che lui è la realtà più sicura dell'universo.

Ciò non significa che capiremo tutto. No, non capiremo mai tutto. Credere significa avere fiducia in Dio, anche se non sempre capiamo. Possiamo adorarlo, anche se abbiamo dei dubbi (Mt 28,17). La salvezza non è un concorso di intelligenza. La fede che ci salva non deriva da argomenti filosofici che hanno una risposta ad ogni dubbio. La fede viene da Dio Se contiamo di conoscere una risposta ad ogni domanda, non ci affidiamo a Dio.

L'unica ragione per cui possiamo essere nel regno di Dio è attraverso la grazia, attraverso la fede nel nostro Salvatore Gesù Cristo. Quando facciamo affidamento sulla nostra obbedienza, facciamo affidamento su qualcosa di sbagliato, qualcosa di inaffidabile. Dobbiamo riformare la nostra fede in Cristo (permettere a Dio di riformare la nostra fede) e solo a Lui. Le leggi, anche le buone leggi, non possono essere la base della nostra salvezza. L'obbedienza persino ai comandamenti della Nuova Alleanza non può essere la fonte della nostra sicurezza. Solo Cristo è degno di fiducia.

Man mano che cresciamo nella maturità spirituale, spesso diventiamo più consapevoli dei nostri peccati e peccaminosità. Ci rendiamo conto di quanto siamo lontani da Dio, e anche questo può farci dubitare che Dio manderebbe veramente il suo Figlio a morire per le persone corrotte come noi.

Il dubbio, per quanto grande, dovrebbe portarci a una maggiore fede in Cristo, poiché solo in Lui abbiamo qualche possibilità. Non c'è altro posto dove potremmo girare. Nelle sue parole e azioni, vediamo che sapeva esattamente quanto fossimo corrotti prima di morire per i nostri peccati. Meglio ci vediamo, più vediamo il bisogno di arrenderci alla grazia di Dio. Solo lui è bravo a salvarci da noi stessi, e solo lui ci libererà dai nostri dubbi.

Gemeinschaft

Succede credendo che abbiamo una proficua relazione con Dio. È attraverso la fede che preghiamo, attraverso la fede che adoriamo, attraverso la convinzione che ascoltiamo le sue parole nei sermoni e nella comunità. La fede ci consente di condividere la fratellanza con il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Attraverso la fede, siamo in grado di manifestare la nostra fedeltà a Dio attraverso il nostro Salvatore Gesù Cristo attraverso lo Spirito Santo che opera nei nostri cuori.

Succede credendo che possiamo amare le altre persone. La fede ci libera dalla paura del ridicolo e del rifiuto. Possiamo amare gli altri senza preoccuparci di quello che ci faranno, perché confidiamo in Cristo, che ci ricompensa generosamente. Per fede in Dio, possiamo essere generosi con gli altri.

Credendo in Dio, possiamo metterlo al primo posto nella nostra vita. Se crediamo che Dio è buono come lui dice, allora lo apprezzeremo oltre ogni altra cosa e saremo disponibili a portare i sacrifici che ci chiede. Ci fideremo di lui, ed è credendo che sperimenteremo le gioie della salvezza. La vita cristiana è una questione di fiducia in Dio dall'inizio alla fine.

Joseph Tkach


pdfFede in Dio