contrizione

166 rimpiange

Il pentimento (tradotto anche come "pentimento") verso il Dio misericordioso è un cambiamento di atteggiamento, operato dallo Spirito Santo e radicato nella Parola di Dio. Il pentimento include la presa di coscienza della propria peccaminosità e l'accompagnamento a una vita nuova, santificata mediante la fede in Gesù Cristo. (Atti degli Apostoli 2,38; romani 2,4; 10,17; Romani 12,2)

Capire il rimorso

Una paura terribile ”, fu la descrizione di un giovane per la sua grande paura che Dio lo avesse lasciato a causa dei suoi peccati ripetuti. "Pensavo di essermene pentito, ma ho continuato a farlo", ha detto. «Non so nemmeno se ci credo davvero, perché sono preoccupato che Dio non mi perdonerà di nuovo. Non importa quanto sia onesto il mio pentimento, non sembra mai essere abbastanza ».

Diamo un'occhiata a ciò che il Vangelo intende veramente quando parla di pentimento di Dio.

Facciamo il primo errore quando cerchiamo di capire questo termine usando un dizionario generale e ci rivolgiamo alla parola pentirsi (o pentirsi). Potremmo persino avere un suggerimento lì che le singole parole devono essere comprese in base al momento in cui è stato pubblicato il lessico. Ma un dizionario del 2nd1. Secolo difficilmente può spiegarci cosa un autore che z. B. ha scritto cose in greco che in precedenza erano state pronunciate in aramaico, comprese da loro 2000 anni fa.

Webster's Ninth New Collegiate Dictionary si rammarica di quanto segue: 1) allontanarsi dal peccato e impegnarsi per il miglioramento della vita; 2a) provare rimpianto o contrizione; 2b) Cambio di atteggiamento. L'enciclopedia di Brockhaus definisce il rimorso come segue: "Un grande atto di pentimento ... contiene la rinuncia ai peccati commessi e l'intenzione di non peccare più".

La prima definizione di Webster riflette esattamente ciò che la maggior parte delle persone religiose pensava che Gesù intendesse quando disse "pentiti e credi". Pensano che Gesù intendesse dire che solo quelle persone che smettono di peccare e cambiano strada sono nel Regno di Dio. In realtà, è esattamente ciò che Gesù non ha detto.

Errore generale

Quando si tratta di pentimento, generalmente si fa l'errore di pensare che significhi fermare il peccato. "Se te ne fossi davvero pentito, non l'avresti fatto di nuovo", è il ritornello costante che le anime in difficoltà hanno ascoltato da parte di consiglieri spirituali ben intenzionati e legalmente obbligati. Ci viene detto che il pentimento è "voltarsi e andare dall'altra parte". E così si spiega con lo stesso respiro di allontanarsi dal peccato e volgersi verso una vita di obbedienza alla legge di Dio.

Imprimendo fermamente su questo, i cristiani con le migliori intenzioni si sono proposti di cambiare i loro modi. E così, nel loro pellegrinaggio, alcuni aspetti sembrano cambiare, mentre altri sembrano incollarsi con la super colla. E anche i modi mutevoli hanno l'orribile qualità di riapparire di nuovo.

Dio è soddisfatto della mediocrità di tale obbedienza sciatta? "No, non lo è" avverte il predicatore. E il raccapricciante e paralizzante ciclo di devozione, fallimento e disperazione si sposta al turno successivo, come la ruota di una gabbia per criceti.

Ed è proprio quando siamo frustrati e depressi a causa della nostra incapacità di rispettare gli elevati standard di Dio che ascoltiamo un altro sermone o leggiamo un nuovo articolo su "pentimento reale" e "pentimento profondo" e che tale pentimento è un completo elusione del peccato.

E così ci tuffiamo di nuovo con dedizione per cercare di fare tutto e finire con gli stessi risultati miserabili e prevedibili. Quindi la frustrazione e la disperazione continuano ad aumentare perché riconosciamo che la nostra partenza dal peccato è tutt'altro che "completa".

E giungiamo alla conclusione che non ci siamo "veramente pentiti" che il nostro rimorso non sia stato "profondo", non "serio" o "abbastanza onesto". E se non ci siamo veramente pentiti, allora non possiamo nemmeno avere la vera fede, il che a sua volta significa che non abbiamo davvero lo Spirito Santo dentro di noi, il che significa che non siamo nemmeno veramente salvati.

Infine, arriviamo al punto in cui ci abituiamo a vivere in questo modo, o gettiamo la spugna, come molti hanno fatto, e ci allontaniamo completamente dall'inefficace spettacolo medico che la gente chiama "cristianesimo".

Per non parlare del disastro in cui le persone credono veramente di aver purificato le loro vite e le hanno rese accettabili da Dio - la loro condizione è molto peggiore. Il pentimento di Dio semplicemente non ha nulla a che fare con un sé nuovo e migliorato.

Pentiti e credi

"Pentitevi [pentitevi] e credete nel Vangelo!" Spiega Gesù in Marco 1,15. Il pentimento e la fede segnano l'inizio della nostra nuova vita nel regno di Dio; non lo fanno perché abbiamo fatto la cosa giusta. Lo segnano perché a quel punto della nostra vita le squame cadono dai nostri occhi oscurati e finalmente vediamo in Gesù la luce gloriosa della libertà dei Figli di Dio.

Tutto ciò che doveva essere fatto affinché le persone ricevessero il perdono e la salvezza è già stato fatto attraverso la morte e la risurrezione del Figlio di Dio. C'è stato un tempo in cui questa verità ci è stata nascosta. Perché eravamo ciechi con lei, non potevamo goderla e riposare in lei.

Sentivamo di dover trovare da soli la nostra strada in questo mondo, e abbiamo usato tutta la nostra forza e il nostro tempo per scavare una carreggiata nel nostro piccolo angolo di vita proprio come potevamo.

Tutta la nostra attenzione è stata focalizzata sulla vita e sulla sicurezza del nostro futuro. Abbiamo lavorato duramente per essere rispettati e rispettati. Abbiamo combattuto per i nostri diritti, cercando di non essere ingiustamente svantaggiati da nessuno o altro. Abbiamo combattuto per proteggere la nostra buona reputazione e per preservare la nostra famiglia, i nostri habakkuk e le nostre proprietà. Abbiamo fatto tutto il possibile per rendere la nostra vita utile, che eravamo i vincitori, non i perdenti.

Ma come chiunque abbia mai vissuto, questa è stata una battaglia persa. Nonostante i nostri migliori sforzi, i nostri piani e il duro lavoro, non possiamo controllare le nostre vite. Non possiamo impedire catastrofi e tragedie, né insuccessi e dolori che ci invadono dal cielo blu e distruggono i nostri resti di rancore e speranza in qualche modo.

Un giorno, per nessun'altra ragione, che voleva che fosse così, Dio ci ha permesso di vedere come funzionano davvero le cose. Il mondo appartiene a lui e noi apparteniamo a lui.

Siamo morti nel peccato, non c'è via d'uscita. Siamo perduti, perdenti ciechi in un mondo di perdenti persi e ciechi perché ci manca il senso di tenere la mano dell'unico solo che ha la via d'uscita. Ma va bene così, perché attraverso la sua crocifissione e resurrezione è diventato il perdente per noi; e possiamo diventare vincitori con lui unendoci con lui nella sua morte, in modo che possiamo essere partner nella sua risurrezione.

In altre parole, Dio ci ha dato buone notizie! La buona notizia è che personalmente ha pagato il grosso prezzo per la nostra pazzia egoista, indisciplinata, distruttiva e malvagia. Ci ha redenti in cambio, ci ha lavati e ci ha rivestiti di giustizia e ci ha resi un posto al tavolo della sua festa eterna. E con questa Parola evangelica, ci invita a credere che sia così.

Se riesci a riconoscerlo e crederci attraverso la grazia di Dio, allora ti sei pentito. Rammaricarsi, vedi, significa dire: «Sì! Sì! Sì! Io ci credo! Mi fido della tua parola! Lascio questa vita di un criceto che corre dietro di me, questa lotta senza scopo, questa morte, che ho erroneamente pensato di essere vita. Sono pronto per il tuo riposo, aiuta la mia incredulità! »

Il pentimento è il cambiamento nel tuo modo di pensare. Cambia la tua prospettiva di vedere te stesso come il centro dell'universo in modo che tu ora veda Dio come il centro dell'universo, affidando la tua vita alla Sua misericordia. Significa sottomettersi a lui. Significa che deponi la tua corona ai piedi del legittimo sovrano del cosmo. È la decisione più importante che tu abbia mai preso.

Non si tratta di moralità

Il rammarico non riguarda la morale; non si tratta di un buon comportamento; non si tratta di "farlo meglio".

Pentimento significa mettere la vostra fiducia in Dio, invece di se stessi, né il motivo né i vostri amici, il vostro paese, il vostro governo, le vostre armi, i vostri soldi, la vostra autorità, il vostro prestigio, la tua reputazione, la vostra auto, la vostra casa, la vostra professione, il vostro patrimonio di famiglia, il colore della pelle, il sesso, il vostro successo, il tuo aspetto, i vestiti, il tuo titolo, i tuoi titoli accademici, la vostra chiesa, il coniuge, i muscoli, la tua guida, il tuo QI, il tuo accento, le vostre realizzazioni, la tua opere di carità, le vostre donazioni, i tuoi favori, la tua compassione, la vostra disciplina, la tua castità, la tua onestà, la tua obbedienza, la vostra fedeltà, le vostre discipline spirituali o qualsiasi altra cosa Vorzuweisendes ciò che è con voi in connessione e ho omesso in questo lungo periodo avere.

Il pentimento significa "mettere tutto su una carta" - sulla "carta" di Dio. Significa andare dalla sua parte; quello che dice di credere; fare squadra con lui, essere leale con lui.

Il pentimento non riguarda la promessa di essere buono. Non si tratta di "rimuovere il peccato dalla sua vita". Ma significa credere che Dio ha misericordia di noi. Significa confidare in Dio per riparare il nostro cuore cattivo. Significa credere che Dio è ciò che afferma di essere - creatore, salvatore, redentore, insegnante, signore e santo. E significa morire - morire lontano dal nostro pensiero compulsivo di essere giusti e buoni.

Parliamo di una relazione d'amore - non che abbiamo amato Dio, ma che lui ha amato noi (1. Johannes 4,10). Lui è la fonte di tutto, incluso te, e ti è venuto in mente che ti ama per quello che sei - il suo amato figlio in Cristo - certamente non per quello che hai o per quello che hai fatto o per la tua reputazione o per sembri o qualunque qualità tu abbia, ma semplicemente perché sei in Cristo.

All'improvviso niente è più come prima. Il mondo intero divenne improvvisamente luce. Tutti i tuoi fallimenti non sono più importanti. Tutto è stato reso giusto nella morte e risurrezione di Cristo. Il tuo futuro eterno è assicurato e nulla in cielo o in terra può toglierti la gioia, perché appartieni a Dio per amore di Cristo (Romani 8,1.38-39). Gli credi, ti fidi di lui, metti la tua vita nelle sue mani; qualunque cosa accada, non importa quello che qualcuno dice o fa.

Puoi essere generoso nel perdonare, nell'esercitare la pazienza e nell'essere gentile, anche in caso di perdita o fallimento: non hai nulla da perdere; poiché hai vinto assolutamente tutto in Cristo (Efesini 4,32-5,1-2). L'unica cosa che conta per te è la sua nuova creazione (Galati 6,15).

Il pentimento non è solo un'altra promessa logora e vuota di essere un bravo ragazzo o una brava ragazza. Significa morire da solo in tutti i tuoi grandi ritratti e mettere la tua debole mano perdente nella mano dell'uomo che levigava le onde del mare (Galati 6,3). Significa venire a Cristo per riposare (Matteo 11,28-30). Significa confidare nella sua parola di grazia.

L'iniziativa di Dio, non la nostra

Pentirsi è fidarsi di Dio, essere chi è e fare ciò che fa. Il pentimento non riguarda le tue buone opere contro le tue opere malvagie. Dio, che è completamente libero di essere quello che vuole essere, ha deciso nel suo amore per noi di perdonare i nostri peccati.

Ne siamo pienamente consapevoli: Dio ci perdona i nostri peccati - tutti - passati, presenti e futuri; non li prenota (Johannes 3,17). Gesù è morto per noi quando eravamo ancora peccatori (Romani 5,8). Egli è l'agnello sacrificale, ed è stato immolato per noi - per ognuno di noi (1. Johannes 2,2).

Il pentimento, capisci, non è il modo di indurre Dio a fare qualcosa che ha già fatto. Piuttosto, significa credere di aver fatto - che ha salvato la tua vita per sempre e ti ha dato un'eredità eterna inestimabile - e credere in tale modo fa fiorire in te l'amore per lui.

"Perdonaci i nostri peccati mentre perdoniamo quelli che hanno peccato contro di noi", Gesù ci ha insegnato a pregare. Se ci rendessimo conto che Dio, per le sue ragioni più intime, aveva semplicemente deciso di cancellare le nostre vite piene di arroganza egoistica, tutte le nostre bugie, tutte le nostre atrocità, tutte le nostre arroganze, i nostri desideri, i nostri tradimenti e la nostra meschinità - tutti i nostri cattivi pensieri, azioni e piani - quindi dobbiamo prendere una decisione. Possiamo lodarlo e ringraziarlo per la sua indescrivibile offerta d'amore per sempre, oppure possiamo continuare a vivere secondo il motto: «Sono una brava persona; nessuno pensa che non sono io »- e continua la vita di un criceto che corre al volante, a cui siamo così attaccati.

Possiamo credere a Dio o ignorarlo o fuggire da lui per paura. Se gli crediamo, possiamo andare con lui in un'amicizia piena di gioia (è l'amico peccatore - tutti i peccatori, compresi tutti, anche i cattivi e anche i nostri amici). Se non ci fidiamo di lui, se pensiamo che non ci perdonerà o non potrà perdonarci, allora non possiamo vivere con lui con gioia (e quindi con nessun altro, se non persone che si comportano come vorremmo). Invece, lo temeremo e alla fine lo disprezzeremo (così come tutti gli altri che non ci stanno lontano).

Due lati della stessa moneta

Fede e rimpianto vanno di pari passo. Quando hai fiducia in Dio, due cose accadono simultaneamente: ti rendi conto che sei un peccatore che ha bisogno della misericordia di Dio, e scegli di fidarti di Dio per salvarti e salvarti la vita. In altre parole, se riponi la tua fiducia in Dio, allora ti sei anche pentito.

Negli Atti degli Apostoli 2,38, per esempio. B. Pietro disse alla folla radunata: "Pietro disse loro: Pentitevi e siate battezzati ciascuno di voi nel nome di Gesù Cristo per la remissione dei vostri peccati, e riceverete il dono dello Spirito Santo". Quindi fede e pentimento fanno parte di un unico pacchetto. Quando ha detto "pentiti", si riferiva anche a "credenza" o "fiducia".

Nell'ulteriore corso della storia, Pietro dice: "Pentiti e volgiti a Dio ..." Questo rivolgersi a Dio sta allo stesso tempo allontanarsi da se stessi. Non significa che tu ora

sono moralmente perfetti Significa allontanarsi dalle proprie ambizioni personali per essere degni di Cristo e invece mettere la propria fede e speranza nella Sua Parola, nella Sua buona novella, nella Sua dichiarazione che il Suo sangue è per la tua salvezza, il perdono, la risurrezione e la benedizione il patrimonio eterno scorreva.

Se ti fidi di Dio per il perdono e la salvezza, allora ti sei pentito. Il pentimento a Dio è un cambiamento nel tuo modo di pensare e influenza tutta la tua vita. Il nuovo modo di pensare è il modo in cui credere che Dio farà ciò che non potresti fare in un milione di vite. Il pentimento non è un cambiamento dall'imperfezione morale alla perfezione morale - non sei capace di farlo.

I cadaveri non progrediscono

A causa del fatto che sei morto, non sei in grado di diventare moralmente perfetto. Il peccato ti ha ucciso come fece Paolo in Efesini 2,4-5 dichiarato. Ma anche se eri morto nei tuoi peccati (essere morto è ciò che hai contribuito al processo del perdono e della salvezza), Cristo ti ha reso vivo (è ciò che Cristo ha contribuito: tutto).

L'unica cosa che i morti possono fare è che non possono fare nulla. Non possono essere vivi per la giustizia o qualsiasi altra cosa perché sono morti, morti nel peccato. Ma sono i morti - e solo i morti - che sono risuscitati dai morti.

Sollevare i morti è ciò che fa Cristo. Non versa il profumo sui cadaveri. Non li supporta per indossare i loro abiti da festa e aspettare per vedere se faranno qualcosa solo. Sono morti, non possono fare nulla Gesù non è minimamente interessato a corpi nuovi e migliorati. Quello che fa Gesù è svegliarla. Di nuovo, i cadaveri sono l'unico tipo di persone che solleva. In altre parole, l'unico modo per entrare nella risurrezione di Gesù, nella sua vita, è essere morti. Non ci vuole molto sforzo per essere morto. In realtà, non è necessario alcuno sforzo. E morto è esattamente quello che siamo.

La pecora smarrita non trovò se stessa finché il pastore non se ne occupò e la trovò5,1-7). La moneta perduta non trovò se stessa finché la donna non la cercò e la trovò (vv. 8-10). L'unica cosa che hanno aggiunto al processo di essere voluti e trovati e la grande festa della gioia è stata perdersi. La loro perdita assolutamente senza speranza era l'unica cosa che avevano che permetteva loro di essere ritrovati.

Anche il figliol prodigo nella prossima parabola (vv. 11-24) afferma di essere già stato perdonato, redento e pienamente accolto, semplicemente per il fatto della grazia generosa del padre, non in base al proprio progetto, come per esempio: "Lavorerò ancora per la sua grazia". Suo padre si sentì dispiaciuto per lui prima di udire la prima parola del suo discorso "Mi dispiace tanto" (v. 20).

Quando il figlio ha finalmente accettato il suo stato di morte e di essere perso nel puzzo di un porcile, era il suo modo di scoprire qualcosa di incredibile, che già era vero lungo tutto: il padre ha rifiutato e lui era caduto in disgrazia, non aveva mai cessato di amarlo appassionatamente e senza condizioni.

Suo padre ha semplicemente ignorato il suo piccolo piano di redenzione (vv. 19-24). E anche senza aspettare un periodo di prova, lo reintegra in tutti i suoi diritti di figlio. Quindi il nostro stato di morte totalmente senza speranza è l'unica cosa che ci permette di risorgere. L'iniziativa, l'opera e la riuscita di tutta l'operazione sono interamente dovute al Pastore, alla donna, al Padre - Dio.

L'unica cosa che contribuiamo al processo della nostra risurrezione è di essere morti. Questo vale per noi sia spiritualmente che fisicamente. Se non possiamo accettare il fatto che siamo morti, non possiamo accettare il fatto che siamo stati risuscitati dai morti per la grazia di Dio in Cristo. Il pentimento sta accettando il fatto che uno è morto e riceve da Dio la sua risurrezione in Cristo.

Il pentimento, vedi, non significa produrre opere buone e nobili, o provare a motivare Dio a perdonarci attraverso alcuni discorsi emotivi. Siamo morti, significa che non c'è assolutamente nulla che possiamo fare per contribuire in alcun modo alla nostra rinascita. È semplicemente una questione di credere alla buona novella di Dio che egli perdona e redime in Cristo e risuscita i morti attraverso di lui.

Paolo descrive questo mistero - o paradosso, se volete - della nostra morte e risurrezione in Cristo, in Colossesi 3,3: "Poiché sei morto e la tua vita è nascosta con Cristo in Dio".

Il segreto, o paradosso, è che siamo morti. Tuttavia, siamo vivi allo stesso tempo. Ma la vita, che è gloriosa, non è ancora lì: è nascosta con Cristo in Dio, e non apparirà così com'è fino a quando Cristo stesso appare, come dice il versetto 4: «Se Cristo, la tua vita , si rivelerà, poi sarai rivelato anche con lui nella gloria. »

Cristo è la nostra vita. Quando apparirà, appariremo con lui, perché dopo tutto è la nostra vita. Quindi di nuovo: i cadaveri non possono fare nulla per se stessi. Non puoi cambiare. Non puoi "fare di meglio". Non puoi migliorare. L'unica cosa che possono fare è essere morti.

Tuttavia, per Dio, che è lui stesso la sorgente della vita, è una grande gioia risuscitare i morti, e in Cristo fa anche questo (Romani 6,4). I cadaveri non contribuiscono assolutamente a questo processo, tranne il loro stato di morte.

Dio fa tutto. E 'il suo lavoro, e solo il suo, dall'inizio alla fine. Questo significa che ci sono due tipi di corpi risorti: quelli che ricevono la loro salvezza con gioia, e quelli che preferiscono il loro solito stato di morte alla vita, per così dire, chiudere gli occhi e le orecchie e rimangono morti con tutte le forze desiderare.

Ancora una volta, il pentimento è dire di sì al dono del perdono e della salvezza che Dio dice che abbiamo in Cristo. Non ha nulla a che fare con il pentimento o fare promesse o sprofondare nella colpa. Sì lo è. Il pentimento non è un continuo ripetersi "Mi dispiace" o "Prometto che non lo farò mai più". Vogliamo essere brutalmente onesti. È probabile che lo farai di nuovo, se non come un atto reale, almeno nei tuoi pensieri, desideri e sentimenti. Sì, ti dispiace, forse a volte, e non vuoi davvero essere il tipo di persona che continua a farlo, ma non è proprio il cuore del rimpianto.

Ricordi, sei morto e i morti si comportano come i morti. Ma se sei morto nel peccato, vivi anche in Cristo (Romani 6,11). Ma la tua vita in Cristo è nascosta con lui in Dio, e non si mostra sempre, o molto spesso, non ancora. Non rivela com'è realmente finché non appare Cristo stesso.

Nel frattempo, se siete ora vivi in ​​Cristo, sei, ma per ora ancora nel peccato morto. E lo stato della tua morte sembra buono come sempre. Per essere rivelato quando viene rivelato - e che questo mi morta, questo ego che non riesco a smettere di comportarsi come un uomo morto, è il Cristo risorto e si è fatto con lui in Dio è vivo.

A questo punto entra in gioco la fede. Ravvedetevi e credete nel Vangelo. I due aspetti appartengono insieme. Non puoi averne uno senza l'altro. Credere alla buona notizia che Dio ti ha lavato con il sangue di Cristo, che ha guarito la tua morte e ti ha reso eterno nel suo Figlio, è pentirsi.

E rivolgendosi a Dio nella sua totale impotenza, disperazione e morte, ricevere la Sua salvezza e salvezza gratuite, significa avere fede - credere nel vangelo. Rappresentano due lati della stessa moneta; ed è una moneta che Dio ti dà per nessun'altra ragione - per nessun'altra ragione - di quella che è giusto e misericordioso con noi.

Un comportamento, non una misura

Certo, alcuni diranno che il pentimento verso Dio mostrerà buoni costumi e buon comportamento. Non voglio discuterne. Il problema è piuttosto, vogliamo misurare il rimorso per l'assenza o la presenza di un buon comportamento; e qui sta un tragico equivoco di rimorso.

La verità onesta è che ci mancano valori morali perfetti o un comportamento perfetto; e tutto ciò che manca nella perfezione non è comunque abbastanza buono per il regno di Dio.

Vogliamo fare a meno delle sciocchezze, come: "Se il tuo pentimento è onesto, non commetterai più peccato". Questo è precisamente ciò che non è il fattore decisivo nel pentimento.

Il fattore decisivo per il pentimento è un cuore cambiato, lontano da sé, dal loro angolo, non volendo essere proprio lobbista, i propri rappresentanti della stampa, il proprio rappresentante sindacale e avvocato della difesa attraverso ad avere fiducia in Dio, di stare dalla sua parte, di essere nel suo angolo a morire a se stessi e di essere un figlio prediletto di Dio, che ha completamente perdonato e ha redento.

Il pentimento significa due cose che naturalmente non ci piacciono. Innanzitutto, significa affrontare il fatto che la linea della canzone, "Baby, non sei buona", ci descrive perfettamente. Secondo, significa affrontare il fatto che non siamo migliori di nessun altro. Siamo tutti in fila con tutti gli altri perdenti per la pietà che non meritiamo.

In altre parole, il rimpianto appare in uno spirito umiliato. Lo spirito umiliato è colui che non ha fiducia in ciò che può fare; non ha più speranza, ha, per così dire, abbandonato il suo spirito, è morto se stesso e si è messo in una cesta davanti alla porta di Dio.

Dì "sì!" al "Sì!" di Dio

Dobbiamo rinunciare all'erronea convinzione che il pentimento sia una promessa di non peccare più. Prima di tutto, una simile promessa non è altro che aria calda. Secondo, è spiritualmente privo di significato.

Dio ti ha dato un onnipotente, tuono, eterno "sì!" proclamato dalla morte e risurrezione di Gesù Cristo. Il pentimento è la tua risposta "sì!" Al "sì!" Di Dio. È il rivolgersi a Dio per ricevere la sua benedizione, il suo giusto annuncio della tua innocenza e salvezza in Cristo.

Accettare il proprio dono significa ammettere il proprio stato di morte e il proprio bisogno di vita eterna. Significa fidarsi, credere e tenere nelle tue mani tutto il tuo ego, essere, esistere, tutto ciò che sei. Significa riposare in lui e dargli i tuoi fardelli. Perché non godere e riposare nella grazia ricca e sgorgante del nostro Signore e Redentore? Egli riscatta il perduto. Salva il peccatore. Solleva i morti.

Sta al nostro fianco e, poiché esiste, nulla può stare tra lui e noi - no, nemmeno il tuo miserabile peccato o quello del tuo prossimo. Fidati di lui. Questa è una buona notizia per tutti noi. Lui è la Parola e sa di cosa sta parlando!

di J. Michael Feazell


pdfcontrizione