La grazia di Dio

Grazia 276

La grazia di Dio è il favore immeritato che Dio è disposto a dare a tutta la creazione. Nel senso più ampio, la grazia di Dio si esprime in ogni atto di autorivelazione divina. Grazie alla grazia l'uomo e tutto il cosmo sono redenti dal peccato e dalla morte per mezzo di Gesù Cristo, e grazie alla grazia l'uomo acquisisce il potere di conoscere e amare Dio e Gesù Cristo e di entrare nella gioia della salvezza eterna nel Regno di Dio. (Colossesi 1,20; 1. Johannes 2,1-2; romani 8,19-21; 3,24; 5,2.15-17.21; John 1,12; Efesini 2,8-9; Tito 3,7)

Gnade

"Poiché se la giustizia viene mediante la legge, Cristo è morto invano", scriveva Paolo in Galati 2,21. L'unica alternativa, dice nello stesso versetto, è "la grazia di Dio". Siamo salvati per grazia, non per osservare la legge.

Queste sono alternative che non possono essere combinate. Non siamo salvati per grazia più opere, ma solo per grazia. Paolo chiarisce che dobbiamo scegliere l'uno o l'altro. La scelta di entrambi non è un'opzione (Romani 11,6). «Se infatti l'eredità fosse acquisita per diritto, non sarebbe data per promessa; Ma Dio lo diede gratuitamente ad Abramo per promessa (Galati 3,18). La salvezza non dipende dalla legge, ma dalla grazia di Dio.

«Solo infatti, se fosse data una legge che possa dare la vita, la giustizia verrebbe realmente dalla legge» (v. 21). Se ci fosse stato un modo per ottenere la vita eterna osservando i comandamenti, allora Dio ci avrebbe salvati mediante la legge. Ma non era possibile. La legge non può salvare nessuno.

Dio vuole che abbiamo buone maniere. Vuole che amiamo gli altri e quindi adempiamo alla legge. Ma non vuole che pensiamo che le nostre opere siano mai causa della nostra salvezza. La sua provvidenza di grazia implica che ha sempre saputo che non saremmo mai stati "abbastanza bravi" nonostante i nostri migliori sforzi. Se le nostre opere contribuiscono alla salvezza, allora abbiamo qualcosa di cui vantarci. Ma Dio ha progettato il Suo piano di salvezza in modo che non potessimo rivendicare alcun merito per la nostra salvezza (Efesini 2,8-9). Non possiamo mai pretendere di meritare nulla. Non possiamo mai affermare che Dio ci deve qualcosa.

Questo tocca il nucleo della fede cristiana e rende il cristianesimo unico. Altre religioni affermano che le persone possono essere abbastanza brave se si sforzano abbastanza. Il cristianesimo dice che non possiamo essere abbastanza bravi. Abbiamo bisogno di grazia.

Da soli, non saremo mai abbastanza bravi, quindi le altre religioni non saranno mai abbastanza buone. L'unico modo per essere salvati è per grazia di Dio. Non possiamo mai meritare di vivere per sempre, quindi l'unico modo per ottenere la vita eterna è che Dio ci doni qualcosa che non meritiamo. Questo è ciò che Paolo vuole quando usa la parola grazia. La salvezza è un dono di Dio, qualcosa che non potremmo mai guadagnare - nemmeno osservando i comandamenti per millenni.

Gesù e grazia

"Poiché la legge è stata data per mezzo di Mosè" scrive Giovanni, e continua: "Grazia e verità sono venute per mezzo di Gesù Cristo" (Giovanni 1,17). Giovanni vedeva un contrasto tra legge e grazia, tra ciò che facciamo e ciò che ci è dato.

Eppure Gesù non ha usato la parola grazia. Ma tutta la sua vita è stata un esempio di grazia, e le sue parabole illustrano la grazia. A volte usava la parola misericordia per descrivere ciò che Dio ci dà. "Beati i misericordiosi", disse, "perché troveranno misericordia" (Matteo 5,7). Con questa affermazione ha indicato che tutti abbiamo bisogno di misericordia. E ha detto che dovremmo essere come Dio in questo senso. Se apprezziamo la grazia, mostreremo grazia anche agli altri.

In seguito, quando a Gesù fu chiesto perché si associava a noti peccatori, disse alla gente: "Ma andate e imparate cosa significa: mi compiaccio della misericordia e non del sacrificio" (Matteo 9,13, una citazione di Osea 6,6). A Dio interessa più che mostriamo misericordia che essere perfezionisti nell'osservare i comandamenti.

Non vogliamo che le persone peccino. Ma poiché le trasgressioni sono inevitabili, la misericordia è assolutamente necessaria. Questo vale per le nostre relazioni reciproche e la nostra relazione con Dio. Dio vuole che riconosciamo il nostro bisogno di misericordia, oltre a mostrare misericordia ad altre persone. Gesù ne ha fatto un esempio quando ha mangiato con i pubblicani e ha parlato con i peccatori - con il suo comportamento ha dimostrato che Dio vuole entrare in comunione con tutti noi. Ha assunto tutti i nostri peccati e ci ha perdonato per avere questa comunione.

Gesù raccontò una parabola di due debitori, uno doveva una somma enorme e l'altro doveva una somma molto minore. Il padrone perdonò il servo che gli doveva molto, ma quel servo non riuscì a perdonare il conservo che gli doveva di meno. Il padrone si arrabbiò e disse: "Non avresti dovuto avere pietà del tuo compagno come io ho avuto pietà di te?" (Matteo 18,33).

La lezione di questa parabola: ognuno di noi dovrebbe vedere noi stessi come il primo servitore a cui è stata perdonata un'enorme somma. Tutti noi non abbiamo rispettato i requisiti della legge da molto tempo, quindi Dio ci mostra misericordia - e vuole che anche noi mostriamo misericordia. Naturalmente, sia nel campo della misericordia che nella legge, le nostre azioni non sono all'altezza delle aspettative, quindi dobbiamo continuare a credere nella misericordia di Dio.

La parabola del buon samaritano si conclude con un appello alla misericordia (Luca 10,37). Il pubblicano che implorò misericordia era colui che fu giustificato davanti a Dio8,13-14). Il figliol prodigo, che aveva sciupato la sua fortuna e poi era tornato a casa, fu accolto senza far nulla per "guadagnarsela" (Lc 1 Cor5,20). Né la vedova di Nain né suo figlio fecero nulla per meritare una risurrezione; Gesù lo fece semplicemente per compassione (Luca 7,11-15).

La grazia di nostro Signore Gesù Cristo

I miracoli di Gesù servirono a soddisfare i bisogni temporanei. Le persone che mangiavano pagnotte di pane e pesce diventarono di nuovo affamate. Il figlio che è stato allevato alla fine è morto. Ma la grazia di Gesù Cristo sarà data a tutti noi attraverso il più alto atto di grazia divina: la sua morte sacrificale sulla croce. In questo modo, Gesù stesso ha dato se stesso per noi - con conseguenze eterne, e non solo temporanee.

Come disse Pietro: "Crediamo piuttosto che per la grazia del Signore Gesù siamo stati salvati" (At 15,11). Il Vangelo è un messaggio della grazia di Dio (Atti 14,3; 20,24. 32). Diventiamo per grazia "mediante la redenzione che è venuta per mezzo di Gesù Cristo" (Romani 3,24) giustificato. La grazia di Dio è associata al sacrificio di Gesù sulla croce. Gesù è morto per noi, per i nostri peccati, e noi siamo salvati grazie a ciò che ha fatto sulla croce (v. 25). Abbiamo la salvezza attraverso il suo sangue (Efesini 1,7).

Ma la grazia di Dio va oltre il perdono. Luca ci dice che la grazia di Dio era con i discepoli mentre predicavano il vangelo (Atti 4,33). Dio ha mostrato loro favore dando loro l'aiuto che non meritavano. Ma i padri umani non fanno lo stesso? Non solo diamo ai nostri figli quando non hanno fatto nulla per meritarlo, ma diamo loro anche doni che non potrebbero meritare. Questo fa parte dell'amore e riflette la natura di Dio. La grazia è generosità.

Quando i parrocchiani di Antiochia inviarono Paolo e Barnaba in un viaggio missionario, ordinarono loro di essere per grazia di Dio4,26; 15,40). In altre parole, li affidavano alle cure di Dio, confidando che Dio avrebbe provveduto ai viaggiatori e avrebbe dato loro ciò di cui avevano bisogno. Fa parte della sua grazia.

Anche i doni spirituali sono un'opera di grazia. "Abbiamo doni diversi" scrive Paolo, "secondo la grazia che ci è stata data" (Romani 12,6). "Ma a ciascuno di noi è data la grazia secondo la misura del dono di Cristo" (Efesini 4,7). «E servitevi gli uni gli altri, ciascuno con il dono che ha ricevuto, come il buon amministratore delle diverse grazie di Dio» (1. Petrus 4,10).

Paolo ringraziò Dio per i doni spirituali di cui aveva abbondantemente dotato i credenti (1. Corinzi 1,4-5). Confidava che la grazia di Dio sarebbe stata abbondante in mezzo a loro, permettendo loro di crescere ancora di più in ogni opera buona (2. Corinzi 9,8).

Ogni buon regalo è un dono di Dio, un risultato di grazia invece di qualcosa che meritiamo. Perciò dovremmo essere grati per le benedizioni più semplici, per il canto degli uccelli, il profumo dei fiori e le risate dei bambini. Anche la vita è un lusso in sé, non una necessità.

Lo stesso ministero di Paolo gli fu dato per grazia (Romani 1,5; 15,15; 1. Corinzi 3,10; Galati 2,9; Efesini 3,7). Tutto quello che faceva lo voleva fare secondo la grazia di Dio (2. Corinzi 1,12). La sua forza e le sue capacità furono un dono di grazia (2. Corinzi 12,9). Se Dio potesse salvare e usare il peggiore di tutti i peccatori (così si descriveva Paolo), può certamente perdonare ognuno di noi e usarci. Niente può separarci dal suo amore, dal suo desiderio di farci regali.

La nostra risposta alla grazia

Come dobbiamo rispondere alla grazia di Dio? Con grazia, naturalmente. Dovremmo essere misericordiosi, così come Dio è pieno di misericordia (Luca 6,36). Dobbiamo perdonare gli altri così come siamo stati perdonati. Dobbiamo servire gli altri proprio come siamo stati serviti. Dovremmo essere gentili con gli altri mostrando loro benevolenza e gentilezza.

Le nostre parole siano piene di grazia (Colossesi 4,6). Dovremmo essere gentili e premurosi, perdonare e dare nel matrimonio, negli affari, al lavoro, in chiesa, con gli amici, la famiglia e gli estranei.

Paolo si riferiva anche alla generosità finanziaria come opera di grazia: “Ma noi vi facciamo conoscere, cari fratelli, la grazia di Dio che è data nelle chiese della Macedonia. Perché la loro gioia era esuberante quando erano provati e provati da molta angoscia, e sebbene fossero molto poveri, hanno dato abbondantemente in tutta semplicità. Perché al meglio delle loro capacità, io testimonio, e ancor più della loro forza hanno dato volentieri »(2. Corinzi 8,1-3). Avevano ricevuto molto ed erano pronti a dare molto dopo.

Dare è un atto di grazia (v. 6) e di generosità - sia in termini economici, di tempo, di rispetto o altro - ed è un modo appropriato per noi di rispondere alla grazia di Gesù Cristo che ha dato se stesso per sé ci ha dato che noi possa essere benedetto in abbondanza (v. 9).

di Joseph Tkach


pdfLa grazia di Dio