Le miniere di re Salomone (parte 14)

Non ho potuto fare a meno di pensare a Basil quando leggo Proverbi 19,3. Le persone rovinano le loro vite per la loro stessa stupidità. Perché Dio è sempre incolpato di ciò e messo alla prova? Basil? Chi è Basil? Basil Fawlty è il personaggio principale della commedia britannica di grande successo Fawlty Towers ed è interpretato da John Cleese. Basil è un uomo cinico, rude, paranoico che gestisce un hotel nella città balneare di Todquay, in Inghilterra. Dissipa la sua rabbia verso gli altri incolpandola per le sue stesse stupidaggini. La vittima è principalmente il cameriere spagnolo Manuel. Con la frase Siamo spiacenti. Lui è di Barcellona. Basilico lo incolpa di tutto e tutti. In una scena Basil completamente perde i suoi nervi. Brucia e Basil cerca di trovare la chiave per attivare manualmente l'allarme antincendio, ma ha sbagliato la chiave. Invece di incolpare persone o oggetti (come la sua macchina) per la situazione come al solito, stringe il pugno in cielo e grida cinicamente forte Grazie a Dio! Grazie! Sei come Basilio? Sei sempre colpevole degli altri e persino di Dio se ti succede qualcosa di brutto?

  • Se superi un esame, dici che in realtà sono passato, ma il mio insegnante non mi piace proprio.
  • Se perdi la pazienza, è perché sei stato provocato?
  • Se la tua squadra perde, è stato perché l'arbitro era parziale?
  • Se hai problemi di salute mentale, è sempre colpa dei tuoi genitori, fratelli e nonni?

Puoi continuare questa lista come preferisci. Ma hanno tutti una cosa in comune: l'idea che tu stesso sia sempre la vittima innocente. Non è solo il problema di Basil che incolpare gli altri di una cosa cattiva - è anche profondamente radicato nella nostra natura e fa parte del nostro albero genealogico. Quando incolpiamo gli altri, facciamo esattamente ciò che facevano i nostri antenati. Quando disobbedirono a Dio, Adamo incolpò Eva e Dio ed Eva incolparono il serpente (1, Mosè 3, 12-13).

Ma perché hanno reagito in quel modo? La risposta ci aiuta a capire cosa ci ha reso le persone che siamo oggi. Anche oggi, questo scenario è ancora in atto. Immagina questa scena: Satana viene ad Adamo ed Eva e li attira a mangiare dall'albero. Il suo scopo è sconfiggere il piano di Dio per loro e per le persone che sono venute dopo di loro. Il metodo di Satana? Ha detto loro una bugia. Puoi diventare proprio come Dio. Come reagiresti se fossi Adamo ed Eva e sentissi queste parole? Si guardano intorno e vedono che tutto è perfetto. Dio è perfetto, ha creato un mondo perfetto e ha il controllo totale su questo mondo perfetto e su tutto ciò che è in esso. Questo mondo perfetto è la cosa giusta per un Dio perfetto.

Non è difficile immaginare cosa pensassero Adamo ed Eva:
Se posso diventare come Dio, allora sono perfetto. Sarò il migliore e avrò il controllo totale sulla mia vita e su tutto il resto intorno a me! Adamo ed Eva cadono nel cappio di Satana. Disobbediscono ai comandamenti di Dio e mangiano il frutto proibito nel giardino. Scambiano la verità di Dio con una bugia (Rom 1,25). Con il loro orrore, si rendono conto che sono tutt'altro che divini. Peggio ancora, sono meno di pochi minuti fa. Anche se sono circondati dall'amore infinito di Dio, perdono ogni senso di essere amati. Sono imbarazzati, vergognosi e tormentati dal senso di colpa. Non solo non hanno ubbidito a Dio, ma si rendono conto che non sono perfetti e non hanno il controllo di nulla - sono completamente inadeguati. La coppia, che non è più a proprio agio con la pelle e gli spiriti sono avvolti nell'oscurità, usa le foglie di fico come emergenza, usa le foglie di fico come abbigliamento di emergenza e cerca di nascondere la propria vergogna l'una dall'altra. Non ti farò sapere che non sono perfetto - non scoprirai come sono veramente perché me ne vergogno. Le loro vite sono basate sul presupposto che possono essere amate solo se sono perfette.

È davvero sorprendente, quindi, se lottiamo ancora con pensieri come "Io non valgo niente e non è importante comunque"? Quindi eccoci qui. La comprensione di Adamo ed Eva di chi è Dio e di chi sono è stata confusa. Sebbene sapessero di Dio, non volevano adorarlo o ringraziarlo come Dio. Invece, iniziarono a fare idee assurde su Dio, e le loro menti si oscurarono e si confusero (Rom 1,21 New Life Bible). Come la spazzatura velenosa gettata in un fiume, questa bugia e ciò che ha portato ha diffuso e contaminato l'umanità. Le foglie di fico vengono coltivate fino ad oggi.

Rendere gli altri responsabili di qualcosa e cercare scuse è un'enorme maschera che abbiamo creato perché non possiamo confessare a noi stessi e agli altri che siamo tutt'altro che perfetti. Ecco perché mentiamo, esageriamo e cerchiamo il colpevole negli altri. Se qualcosa va storto al lavoro oa casa, non è colpa mia. Indossiamo queste maschere per nascondere i nostri sentimenti di vergogna e inutilità. Guarda! Sono perfetto Tutto funziona nella mia vita. Ma dietro questa maschera arriva il seguente: Se tu mi conoscessi come sono veramente, non mi ameresti più. Ma se posso provarti che ho tutto sotto controllo, allora accetti e mi piaci. L'atto è diventato parte della nostra identità.

Cosa possiamo fare? Recentemente ho perso le chiavi della macchina. Mi guardai nelle tasche, in tutte le stanze della nostra casa, nei cassetti, sul pavimento, in ogni angolo. Purtroppo devo dire, vergognoso, che ho incolpato mia moglie e i miei figli per l'assenza delle chiavi. Dopotutto, tutto scorre liscio per me, ho tutto sotto controllo e non perdo nulla! Finalmente, ho trovato le mie chiavi - nell'accensione della mia auto. Non importa quanto meticoloso e lungo ho cercato, non avrei mai trovato le mie chiavi della macchina in casa mia o nei beni della mia famiglia perché semplicemente non c'erano. Quando cerchiamo altrove le cause dei nostri problemi, raramente li troveremo. Perché non si trovano lì. Di solito sono semplici in noi stessi: la follia dell'uomo lo porta fuori strada, eppure il suo cuore infuria contro il Signore (Spr 19, 3). Ammettilo se hai commesso un errore e ti prendi la responsabilità! Ma soprattutto, cerca di smettere di essere la persona perfetta di cui hai bisogno per essere mia. Smetti di credere che sarai accettato e amato solo se sei una persona perfetta. In autunno, abbiamo perso la nostra vera identità, ma quando Gesù morì sulla croce, la menzogna dell'amore condizionato morì per sempre. Non credere a questa bugia, ma credi che Dio sia soddisfatto di te, che tu li accetti e li ami incondizionatamente, a prescindere dai tuoi sentimenti, dalle tue debolezze e persino dalla tua stupidità. Sostieni questa verità fondamentale. Non devi dimostrare te stesso e gli altri. Non incolpare gli altri delle loro scarpe. Non essere un basilico.

di Gordon Green


pdfLe miniere di re Salomone (parte 14)