Cos'è la Nuova Alleanza?

025 wkg bs il nuovo gruppo

Nella sua forma base, un'alleanza regola una relazione reciproca tra Dio e l'umanità nello stesso modo in cui un'alleanza o un accordo normale implica una relazione tra due o più persone. La Nuova Alleanza è in vigore perché Gesù il testatore è morto. Comprenderlo è cruciale per il credente perché la riconciliazione che abbiamo ricevuto è possibile solo attraverso "Il suo sangue sulla croce", il sangue della Nuova Alleanza, il sangue di Gesù nostro Signore (Colossesi 1,20).

Di chi è l'idea?

È importante capire che la Nuova Alleanza è l'idea di Dio e che non è un concetto concepito dagli umani. Cristo dichiarò ai suoi discepoli quando istituì la Cena del Signore: "Questo è il mio sangue della nuova alleanza" (Marco 14,24:26,28; Matteo). Questo è il sangue dell'Eterno Patto » (Ebrei 13,20).

I profeti dell'Antica Alleanza predissero la venuta di questa alleanza. Isaia descrive le parole di Dio "a colui che è disprezzato dagli uomini e detestato dai gentili, al servo che è sotto i tiranni ... Ti ho protetto e ti ho fatto un patto per il popolo" (Isaia 49,7-8; vedere anche Isaia 42,6). Questo è un chiaro riferimento al Messia, Gesù Cristo. Tramite Isaia Dio ha anche predetto: "Darò loro la ricompensa nella fedeltà e farò un'alleanza eterna con loro" (Isaia 61,8).

Geremia ne parlò anche: "Ecco, il tempo sta arrivando, dice il Signore, farò una nuova alleanza" che "non era come l'alleanza che feci con i suoi padri quando la presi per mano per condurli fuori dall'Egitto » (Geremia 31,31-32). Questo è di nuovo indicato come "alleanza eterna" (Geremia 32,40).

Ezechiele sottolinea la riconciliazione di questa alleanza. Nota nel famoso capitolo della Bibbia sulle "ossa appassite": "E voglio stringere un'alleanza di pace con loro, dovrebbe essere un'alleanza eterna con loro" (Ezechiele 37,26).

Perché un'alleanza?

Nella sua forma di base, un'alleanza implica una relazione reciproca tra Dio e l'umanità nello stesso modo in cui una normale alleanza o accordo implica una relazione tra due o più persone.

Questo è unico nelle religioni perché nelle culture antiche gli dei di solito non hanno relazioni significative con uomini o donne. Geremia 32,38 si riferisce alla natura intima di questa relazione di alleanza: "Dovrebbero essere il mio popolo e voglio essere il loro Dio".

I tasti sono stati e sono utilizzati nelle transazioni commerciali e legali. Al tempo dell'Antico Testamento, sia le pratiche israelite che quelle pagane includevano ratificare le gabbie umane con un sacrificio di sangue o un rituale minore di qualsiasi tipo per enfatizzare il legame e il primo status dell'alleanza. Oggi vediamo un esempio durevole di questa nozione quando le persone si scambiano solennemente gli anelli per esprimere il loro impegno verso il matrimonio. Sotto l'influenza della loro società, i personaggi biblici hanno usato varie pratiche per sigillare fisicamente solennemente la loro relazione di alleanza con Dio.

"È chiaro che l'idea di una relazione di alleanza non era affatto estranea agli israeliti, quindi non sorprende che Dio abbia usato questa forma di relazione per esprimere la sua relazione con il suo popolo" (Golding 2004: 75).

L'alleanza di Dio tra se stesso e l'umanità è paragonabile a quegli accordi stipulati nella società, ma non è dello stesso rango. Il nuovo patto manca del concetto di negoziazione e scambio. Inoltre, Dio e l'uomo non sono esseri uguali. «L'alleanza divina va oltre la sua analogia terrena» (Golding, 2004: 74).

I più antichi tasti avevano una qualità reciproca. Ad esempio, il comportamento desiderato è ricompensato con benedizioni e così via. Esiste un elemento di reciprocità espresso in termini di termini concordati.

Un tipo di governo federale è una sovvenzione del governo federale. In esso, un potere superiore, come un re, concede un immeritato favore ai suoi sudditi. Questo tipo di alleanza è paragonabile al nuovo patto. Dio concede all'umanità la sua grazia senza precondizioni. In effetti, la riconciliazione resa possibile dallo spargimento di sangue di questa eterna alleanza avvenne senza che Dio contasse le trasgressioni umane (1 Corinti 5,19). Senza alcuna azione o pensiero di pentimento da parte nostra, Cristo è morto per noi (Romani 5,8). La grazia precede il comportamento cristiano.

E gli altri tasti biblici?

La maggior parte degli studiosi della Bibbia identifica almeno altri quattro tasti oltre alla Nuova Alleanza. Queste sono le alleanze di Dio con Noè, Abrahamo, Mosè e Davide.
Nella sua lettera ai cristiani gentili di Efeso, Paolo spiegò loro che erano "estranei al patto della promessa", ma in Cristo erano ora "che una volta erano distanti, vicino al sangue di Cristo" (Efesini 2,12: 13), cioè attraverso il sangue della Nuova Alleanza, che consente la riconciliazione per tutte le persone.

Le alleanze con Noè, Abrahamo e David contengono tutte le promesse incondizionate che trovano il loro diretto adempimento in Gesù Cristo.

«Penso che sia come ai tempi di Noè quando ho giurato che l'acqua di Noè non doveva più andare oltre la terra. Quindi ho giurato che non mi sarei più arrabbiato con te e non ti avrei più sgridato. Perché le montagne cederanno e le colline cadranno, ma la mia grazia non si allontanerà da te, e l'alleanza della mia pace non cadrà, dice l'Eterno, tua pietà » (Isaia 54,9: 10).

Paolo dichiara che Cristo è il seme promesso di Abramo, e quindi tutti i credenti sono eredi della grazia salvifica (Galati 3,15-18). "Ma se appartenete a Cristo, siete i figli e gli eredi di Abramo secondo la promessa" (Galati 3,29). Impegni federali sulla linea di David (Geremia 23,5: 33,20; 21) sono realizzati in Gesù, "la radice e la discendente di David", il re della giustizia (Apocalisse 22,16).

Il Patto dei mosaici, chiamato anche Vecchio Patto, era subordinato. La condizione era che le benedizioni sarebbero seguite se gli israeliti avessero seguito la legge codificata di Mosè, in particolare l'eredità della Terra Promessa, la visione che Cristo ha adempiuto spiritualmente: «Ed è per questo che è anche il mediatore della nuova alleanza, attraverso la sua morte che è stato fatto per redimere le trasgressioni secondo la prima alleanza che ricevono l'eredità eterna promessa » (Ebrei 9,15).

Storicamente, i tasti includevano anche segni che indicavano il continuo coinvolgimento di ciascuna delle due parti. Questi segni si riferiscono anche alla Nuova Alleanza. Il segno dell'alleanza con Noè e la creazione era, ad esempio, l'arcobaleno, una distribuzione colorata della luce. È Cristo che è la luce del mondo (Giovanni 8,12:1,4; 9).

Il segno di Abramo era la circoncisione (Genesi 1: 17,10-11). Ciò è collegato al consenso tra gli studiosi sul significato di base della parola ebraica berith, che si traduce in patto, un termine legato al taglio. Il termine "tagliare un fascio" è ancora talvolta usato. Gesù, il seme di Abramo, fu circonciso secondo questa pratica (Luca 2,21). Paolo spiegò che la circoncisione non è più fisica per il credente, ma spirituale. Secondo la nuova alleanza, "si applica la circoncisione del cuore che si verifica nello spirito e non nella lettera" (Romani 2,29:3,3; vedere anche Filippesi).

Il Sabbath era anche il segno dato per il Patto del Mosaico (Genesi 2: 31,12-18). Cristo è la calma di tutte le nostre opere (Matteo 11,28-30; Ebrei 4,10). Questa calma è sia presente che presente: «Se Giosuè l'avesse fatto cessare, Dio non avrebbe parlato di un altro giorno dopo. Quindi c'è ancora un periodo di riposo per il popolo di Dio » (Ebrei 4,8: 9).

Anche la Nuova Alleanza ha un segno, e non è un arcobaleno o una circoncisione o il Sabbath. "Perciò il Signore stesso ti darà un segno: ecco, una vergine è incinta e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele" (Isaia 7,14). Il primo suggerimento che siamo il popolo di Dio della Nuova Alleanza è che Dio è venuto ad abitare in mezzo a noi nella forma di Suo Figlio, Gesù Cristo (Matteo 1,21:1,14; Giovanni).

La nuova alleanza contiene anche una promessa. "Ed ecco", dice Cristo, "ti invierò ciò che mio padre ha promesso" (Luca 24,49), e questa promessa era il dono dello Spirito Santo (Atti 2,33:3,14; Galati). I credenti sono suggellati nella Nuova Alleanza "con lo Spirito Santo che è promesso, che è il pegno della nostra eredità" (Efesini 1,13-14). Un vero cristiano non è caratterizzato dalla circoncisione rituale o da una serie di obblighi, ma dalla presenza dello Spirito Santo (Romani 8,9). L'idea del patto offre un'ampia e profonda esperienza in cui la grazia di Dio può essere compresa alla lettera, in senso figurato, simbolico e attraverso analogie.

Quali tasti sono ancora in vigore?

Tutti i suddetti tasti sono riassunti nella gloria dell'eterna Nuova Alleanza. Paolo lo illustra quando confronta l'Alleanza mosaica, conosciuta anche come l'Antica Alleanza, con la Nuova Alleanza.
Paul descrive l'Alleanza mosaica come "l'ufficio che porta la morte e che è stato scolpito con lettere in pietra" (2 Corinti 3,7: 2; vedere anche Esodo 34,27: 28), e afferma che sebbene una volta fosse glorioso, "la gloria non deve essere trascurata rispetto a questa gloria esuberante", un riferimento all'ufficio di Spirito, in altre parole, la Nuova Alleanza (2 Corinti 3,10). Cristo è "più grande onore di Mosè" (Ebrei 3,3).

La parola greca per patto, diatheke, dà un nuovo significato a questa discussione. Aggiunge la dimensione di un accordo, che è un'ultima volontà o testamento. Nell'Antico Testamento, la parola berit non era usata in questo senso.

L'autore della lettera agli ebrei usa questa distinzione greca. Sia il Mosaico che la Nuova Alleanza sono come testamenti. Il Mosaic Covenant è la prima volontà, che viene cancellata quando viene scritta la seconda. "Prende il primo in modo da poter usare il secondo" (Ebrei 10,9). "Perché se il primo patto fosse stato irreprensibile, lo spazio non sarebbe stato cercato per un altro" (Ebrei 8,7). La nuova alleanza "non era come l'alleanza che ho fatto con i tuoi padri" (Ebrei 8,9).

Quindi Cristo è il mediatore di una "migliore alleanza basata su migliori promesse" (Ebrei 8,6). Quando qualcuno scrive una nuova volontà, tutte le precedenti volontà e le loro condizioni, per quanto gloriose fossero, perdono il loro effetto, non sono più vincolanti e inutili per i loro eredi. «Dicendo:« un nuovo patto », dichiara che il primo non è aggiornato. Ma ciò che è obsoleto e sopravvissuto si avvicina alla fine » (Ebrei 8,13). Pertanto, le forme del vecchio non possono essere richieste come condizione per la partecipazione alla nuova alleanza (Anderson 2007: 33).

Certo: «Perché dove c'è una volontà deve esserci stata la morte della persona che ha fatto la volontà. Perché una volontà entra in vigore solo con la morte; non è ancora in vigore mentre chi l'ha creato è ancora vivo » (Ebrei 9,16: 17). A tal fine, Cristo è morto e noi riceviamo la santificazione attraverso lo Spirito. «Secondo questa volontà siamo santificati una volta per tutte dal sacrificio del corpo di Gesù Cristo» (Ebrei 10,10).

La regolazione del sistema sacrificale nell'Alleanza mosaica non ha alcun effetto, «perché è impossibile togliere i peccati attraverso il sangue di tori e capre» (Ebrei 10,4), e comunque la prima volontà fu cancellata in modo che potesse usare la seconda (Ebrei 10,9).

Chiunque abbia scritto la lettera agli ebrei era molto preoccupato che i suoi lettori comprendessero il significato serio dell'insegnamento del Nuovo Testamento. Ricordi com'era nell'Antica Alleanza quando si trattava di coloro che respingevano Mosè? «Se qualcuno infrange la legge di Mosè, deve morire senza pietà per due o tre testimoni» (Ebrei 10,28).

"Quanto più dura una punizione, secondo te, meriterà se calpesta il Figlio di Dio e considera il sangue dell'alleanza come impuro, con il quale è stato santificato e insidia lo spirito di grazia" (Ebrei 10,29)?

chiusura

La Nuova Alleanza è in vigore perché Gesù il testatore è morto. Comprenderlo è cruciale per il credente perché la riconciliazione che abbiamo ricevuto è possibile solo attraverso "Il suo sangue sulla croce", il sangue della Nuova Alleanza, il sangue di Gesù nostro Signore (Colossesi 1,20).

di James Henderson