Dio: tre dei?

La dottrina della Trinità dice che ci sono tre dei?

Alcuni ipotizzano erroneamente che la Dottrina della Trinità [la Dottrina della Trinità] insegna che esistono tre dei quando si usa il termine "persona". Dicono quanto segue: Se Dio, il Padre, è davvero una "persona", allora è un Dio in se stesso (perché ha le proprietà della divinità). Conterrebbe come "unico" Dio. Lo stesso si potrebbe dire del Figlio e dello Spirito Santo. Quindi ci sarebbero tre divinità separate.

Questo è un malinteso comune sul pensiero trinitario. In effetti, la dottrina della Trinità non sosterrebbe certamente che né il Padre, il Figlio o lo Spirito Santo riempiono ciascuno la piena natura di Dio. Non possiamo confondere il triteismo con la Trinità. Ciò che la Trinità dice di Dio è che Dio è uno in natura, ma tre in termini di distinzioni interne di quella natura. Lo studioso cristiano Emery Bancroft ce l'ha nel suo libro Christian Theology ("Teologia cristiana"), pagg. 87-88, come segue:

" Der Vater in quanto tale non è Dio; perché Dio non è solo il Padre ma anche il Figlio e lo Spirito Santo. Il termine padre indica questa distinzione personale nella natura divina, secondo la quale Dio è in relazione con il Figlio, e attraverso il Figlio e lo Spirito Santo in relazione alla Chiesa.

Il figlio in quanto tale non è Dio; perché Dio non è solo un Figlio ma anche un Padre e Spirito Santo. Il Figlio segna questa distinzione nella natura divina, secondo la quale Dio è imparentato con il Padre e inviato dal Padre per redimere il mondo, e manda con il Padre lo Spirito Santo.

Lo Spirito Santo in quanto tale non è Dio; perché Dio non è solo Spirito Santo, ma anche Padre e Figlio. Lo Spirito Santo caratterizza questa distinzione nella natura divina, secondo la quale Dio è legato al Padre e al Figlio e inviato da loro per compiere l'opera di rinnovamento degli empi e santificare la Chiesa ".

Quando cerchiamo di comprendere la dottrina della Trinità, dobbiamo stare molto attenti a come usiamo e comprendiamo la parola "Dio". Ad esempio, qualunque cosa il Nuovo Testamento dice sull'unità di Dio, fa anche la differenza tra Gesù Cristo e Dio Padre. A questo punto, la formula di cui sopra da Bancroft è utile. Per essere precisi, dovremmo parlare di "Dio, il Padre", "Dio, il Figlio" e "Dio, lo Spirito Santo", quando ci riferiamo a qualsiasi ipostasi o "persona" della Divinità.

È certamente legittimo parlare delle "limitazioni", usare analogie o cercare di spiegare la natura di Dio in qualche altro modo. Questo problema è ben compreso dagli studiosi cristiani. Nel suo articolo The Point of Trinitarian Theology ("The Point of Trinitarian Theology", 1988, Toronto Journal of Theology), afferma Roger Haight, professore alla Toronto School of Theology, su questa limitazione. Ammette apertamente alcuni dei problemi della teologia della Trinità, ma spiega anche come la Trinità sia una potente spiegazione della natura di Dio - nella misura in cui noi limitati esseri umani possiamo comprendere questa natura.

Anche Millard Erickson, un teologo e professore di teologia molto rispettato, ammette questa limitazione. Nel suo libro Dio in tre persone ("Dio in tre persone") a pagina 258 si riferisce all'ammissione di "ignoranza" da parte di un altro studioso e alla sua:

"[Stephen] Davis spiegazioni contemporanee prevalente [della Trinità] ha studiato e affermando che essi non ottenere ciò che pretendono di raggiungere, è stato onesto nel riconoscimento che si sente a che fare con un segreto , Probabilmente era onesto come molti di noi che, quando incontrano particolari difficoltà ad ammettere che in realtà non sappiamo come Dio è uno, e in quali modi diversi che è tre. "

Capiamo veramente come Dio può essere uno e tre allo stesso tempo? Certo che no. Non abbiamo conoscenza esperienziale di Dio così com'è. Non solo la nostra esperienza è limitata, ma anche la nostra lingua. L'uso della parola "persone" invece di hypostases di Dio è un compromesso. Abbiamo bisogno di una parola che enfatizzi la natura personale del nostro Dio e in qualche modo contenga il concetto di differenza. Sfortunatamente, la parola "persona" include anche la nozione di separatività quando viene applicata alle persone umane. I seguaci della dottrina della Trinità comprendono che Dio non consiste nel tipo di persona, come nel caso di un gruppo di persone. Ma cos'è una persona della "natura divina?" Non abbiamo una risposta. Usiamo la parola "persona" per ogni hypostasis di Dio, perché è una parola personale, e soprattutto, perché Dio è un essere personale nei suoi rapporti con noi.

Se uno rifiuta la teologia della Trinità, lui o lei non ha alcuna spiegazione che preservi l'unità di Dio - che è un requisito biblico assoluto. Ecco perché i cristiani hanno formulato questa dottrina. Hanno accettato la verità che Dio è uno. Ma volevano anche spiegare che Gesù Cristo è anche descritto nella Scrittura in termini di divinità. Proprio come si applica allo Spirito Santo. La dottrina della Trinità è stata sviluppata con la precisa intenzione di spiegare, così come le parole e i pensieri umani permettono, come Dio può essere uno e tre allo stesso tempo.

Altre spiegazioni sulla natura di Dio sono state prodotte nel corso dei secoli. Un esempio è l'arianesimo. Questa teoria afferma che il Figlio era un essere creato, così che l'unità di Dio potesse essere preservata. Sfortunatamente, la conclusione di Ario era fondamentalmente errata perché il Figlio non può essere un essere creato ed essere ancora Dio. Tutte le teorie che sono state avanzate per spiegare la natura di Dio in termini di rivelazione del Figlio e dello Spirito Santo non solo hanno dimostrato di essere carenti, ma addirittura erronee. Ecco perché la dottrina della Trinità è sopravvissuta per secoli come spiegazione della natura di Dio, che preserva la verità della testimonianza biblica.

di Paul Kroll


pdfDio: tre dei?