Gesù: il perfetto programma di salvezza

425 gesù il perfetto programma di recupero Verso la fine del suo vangelo, si possono leggere questi affascinanti commenti dell'apostolo Giovanni: «Gesù fece molti altri segni davanti ai suoi discepoli, che non sono scritti in questo libro ... Ma se uno dovesse essere scritto uno dopo l'altro, direi , il mondo non può credere ai libri che dovrebbero essere scritti » (Giovanni 20,30; 21,25). Sulla base di queste osservazioni e tenendo conto delle differenze tra i quattro Vangeli, si può concludere che i resoconti menzionati non sono stati scritti come tracce complete della vita di Gesù. Giovanni afferma che i suoi scritti sono intesi "affinché tu possa credere che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e che per fede potresti avere la vita nel suo nome" (Giovanni 20,31). L'obiettivo principale dei Vangeli è predicare la buona notizia sul Salvatore e sulla salvezza che gli è stata concessa.

Sebbene John in Salvation 31 abbia salvato (Vita) associata al nome di Gesù, i cristiani parlano di essere salvati dalla morte di Gesù. Questa affermazione concisa è corretta finora, ma solo riferire la salvezza alla morte di Gesù può oscurare la pienezza di chi è e di ciò che ha fatto per la nostra salvezza. Gli eventi della Settimana Santa ci ricordano che la morte di Gesù, per quanto cruciale, dovrebbe essere vista in un contesto più ampio, che include l'Incarnazione di nostro Signore, la sua morte, risurrezione e ascensione. Sono tutte pietre miliari essenziali, indissolubilmente legate alla sua opera di salvezza - l'opera che ci dà la vita in suo nome. Quindi, durante la Settimana Santa, così come per tutto il resto dell'anno, vogliamo vedere l'opera perfetta di salvezza in Gesù.

incarnazione

La nascita di Gesù non era la nascita ordinaria di una persona comune. Essendo unico in ogni modo, incarna l'inizio dell'incarnazione di Dio stesso. Con la nascita di Gesù, Dio venne a noi nello stesso modo in cui l'uomo è nato sin da Adamo. Anche se è rimasto quello che era, l'eterno Figlio di Dio ha assunto la vita umana in tutta la sua estensione - dall'inizio alla fine, dalla nascita alla morte. Come persona, è totalmente Dio e umano. In questa travolgente affermazione troviamo un significato eternamente valido, che merita un apprezzamento altrettanto eterno.

Con la sua incarnazione, l'eterno Figlio di Dio è uscito dall'eternità e come essere umano dalla carne e dal sangue nella sua creazione, che è stata dominata dal tempo e dallo spazio. "E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi, e noi vedemmo la sua gloria, una gloria come unico figlio generato dal Padre, pieno di grazia e verità" (Giovanni 1,14). Gesù era davvero un vero essere umano in tutta la sua umanità, ma allo stesso tempo era totalmente Dio - come il Padre e lo Spirito Santo. La sua nascita soddisfa molte profezie e incarna la promessa della nostra salvezza.

L'incarnazione non si è conclusa con la nascita di Gesù - è proseguita oltre la sua intera vita terrena e ora viene ulteriormente realizzata con la sua glorificata vita umana. L'incarnato (cioè incarnato) Il Figlio di Dio rimane essenzialmente lo stesso con il Padre e lo Spirito Santo - la sua natura divina è pienamente presente e onnipotente, il che conferisce alla sua vita come essere umano un significato unico. Così dice in Romani 8,3: 4: "Per ciò che era impossibile per la legge perché era indebolito dalla carne, Dio fece: mandò suo figlio nella forma della carne peccaminosa e per amore del peccato e condannò il peccato nella carne, in modo che la giustizia richiesta dalla legge si adempisse in noi, che ora viviamo non secondo la carne, ma secondo lo spirito "- Paolo spiega inoltre che" saremo salvati dalla sua vita " (Romani 5,10).

La vita e il ministero di Gesù sono inestricabilmente intrecciati - entrambi fanno parte dell'incarnazione. L'Uomo-Dio Gesù è il perfetto Sommo Sacerdote e mediatore tra Dio e gli uomini. Ha preso parte alla natura umana e reso giustizia all'umanità conducendo una vita senza peccato. Questa circostanza ci permette di capire come può coltivare una relazione, sia con Dio che con gli uomini. Mentre di solito festeggiamo la sua nascita a Natale, gli eventi di tutta la sua vita fanno sempre parte della nostra lode totale - anche nella Settimana Santa. La sua vita rivela il carattere di relazione della nostra salvezza. Gesù, nella forma di Se stesso, ha riunito Dio e l'umanità in una relazione perfetta.

Tod

Alcuni fuorviano il breve messaggio che siamo stati salvati dalla morte di Gesù, dall'errata percezione sbagliata che la sua morte è stata un sacrificio di espiazione che ha portato Dio alla grazia. Prego che riconosciamo tutti l'errore di questo pensiero.

TF Torrance scrive che nella morte di Gesù, data la giusta comprensione del sacrificio dell'Antico Testamento, non riconosciamo un'offerta pagana per il perdono, ma la potente testimonianza della volontà di un Dio gentile (Espiazione: la persona e l'opera di Cristo, p. 38-39). I riti sacrificali pagani erano basati sul principio della punizione, mentre il sistema sacrificale di Israele era basato sul principio del perdono e della riconciliazione. Invece di guadagnare il perdono attraverso offerte sacrificali, gli israeliti si sono visti potenziati da Dio per essere assolti dai loro peccati e per riconciliarsi con lui.

Le offerte di Israele furono progettate per testimoniare e rivelare l'amore e la grazia di Dio indicando il destino della morte di Gesù, che è dato nella riconciliazione con il Padre. Con la sua morte, nostro Signore sconfisse anche Satana e prese lui stesso il potere della morte: "Poiché i bambini ora sono in carne e ossa, anche lui lo accettò allo stesso modo, così che con la sua morte avrebbe tolto il potere che aveva autorità sulla morte vale a dire il diavolo, e redento colui che, per paura della morte, doveva essere servi in ​​tutta la vita » (Ebrei 2,14: 15). Paolo aggiunse che Gesù "deve governare finché Dio non mette tutti i nemici sotto i suoi piedi". L'ultimo nemico da distruggere è la morte » (1 Corinzi 15,25: 26). La morte di Gesù manifesta l'aspetto espiatorio della nostra salvezza.

Auferstehung

La domenica di Pasqua celebriamo la risurrezione di Gesù, che adempie molte profezie dell'Antico Testamento. L'autore della lettera agli ebrei sottolinea che la salvezza di Isacco dalla morte riflette la risurrezione (Ebrei 11,18: 19). Dal libro di Giona apprendiamo che erano "tre giorni e tre notti" nel corpo del grosso pesce (Jon 2, 1). Gesù si riferì a quell'evento riguardo alla sua morte, sepoltura e risurrezione (Matteo 12,39-40); Matteo 16,4: 21 e 2,18; Giovanni 22).

Celebriamo la risurrezione di Gesù con grande gioia perché ci ricorda che la morte non è definitiva. Piuttosto, rappresenta un passo intermedio nel nostro cammino verso il futuro: la vita eterna in comunione con Dio. A Pasqua celebriamo la vittoria di Gesù sulla morte e la nuova vita che avremo in lui. Attendiamo con gioia il tempo in cui parla Apocalisse 21,4: «[...] e Dio asciugherà tutte le lacrime dai loro occhi, e la morte non sarà più, né sofferenza, grida o dolore sarà di più; perché il primo è passato. » La risurrezione rappresenta la speranza della nostra salvezza.

ascensione

La nascita di Gesù ha portato alla sua vita e alla sua vita fino alla sua morte. Tuttavia, non possiamo separare la sua morte dalla sua risurrezione, né la sua risurrezione dalla sua ascensione. Non è emerso dalla tomba per condurre una vita in forma umana. Nella gloriosa natura umana ascese al Padre in cielo, e solo con quel grande evento l'opera iniziata da lui finì.

Nell'introduzione al libro Espiazione di Torrances, Robert Walker scrisse: "Con la risurrezione, Gesù assorbe la nostra essenza di esseri umani e li conduce alla presenza di Dio nell'unità e nella comunità dell'amore trinitario". CS Lewis ha detto così: "Nella storia cristiana, Dio scende e poi ricomincia". La meravigliosa buona notizia è che Gesù ci ha sollevato con se stesso. «... e ci ha sollevati e ci ha messi in cielo in Cristo Gesù, così che nei prossimi tempi mostrerà l'esuberante ricchezza della sua grazia attraverso la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù» (Efesini 2,6-7).

Incarnazione, morte, risurrezione e ascensione - fanno tutti parte della nostra salvezza e quindi la nostra lode nella Settimana Santa. Queste pietre miliari indicano tutto ciò che Gesù ha compiuto per noi con tutta la sua vita e il suo ministero. Vediamo sempre di più, chi è e cosa ha fatto per noi, per tutto l'anno. Rappresenta l'opera perfetta di salvezza.

di Josep Tkack