Realizzare la Realtà di Dio II

Conoscere e sperimentare Dio: ecco di cosa si tratta! Dio ci ha creati per avere una relazione con lui. L'essenza, il nucleo della vita eterna è che conosciamo Dio e Gesù Cristo che ha mandato. Conoscere Dio non avviene tramite un programma o un metodo, ma attraverso una relazione con una persona. Man mano che la relazione si sviluppa, arriviamo a comprendere e sperimentare la realtà di Dio.

Come parla Dio?

Dio parla attraverso lo Spirito Santo attraverso la Bibbia, la preghiera, le circostanze e la Chiesa per rivelare se stesso, i suoi propositi e le sue vie. "Poiché la parola di Dio è viva, forte e affilata di qualsiasi spada a doppio taglio, e penetra fino a separare l'anima e lo spirito, anche il midollo e le ossa, ed è un giudice dei pensieri e dei sensi del cuore" (Ebrei 4,12).

Dio ci parla non solo attraverso la preghiera, ma anche attraverso la sua parola. Non possiamo comprendere la Sua Parola se lo Spirito Santo non ci insegna. Quando veniamo alla Parola di Dio, l'autore stesso è presente per insegnarci. La verità non viene mai scoperta La verità è rivelata. Quando la verità ci viene rivelata, non siamo portati all'incontro con Dio: il è un incontro con Dio! Quando lo Spirito Santo rivela una verità spirituale dalla Parola di Dio, entra nella nostra vita in modo personale (1 Corinzi 2,10: 15). 

Attraverso tutte le Scritture vediamo che Dio ha parlato personalmente al Suo popolo. Quando Dio parlava, di solito succedeva ad ogni persona in un modo unico. Dio ci parla quando ha in mente uno scopo per le nostre vite. Se vuole che partecipiamo alla sua opera, si rivela di rispondere con fede.

Prenderà la volontà di Dio su di noi

L'invito di Dio ad andare a lavorare con lui porta sempre a una crisi di fede che richiede fede e azione. «Ma Gesù rispose loro: Il Padre mio lavora fino ad oggi, e anche io lavoro ... Allora Gesù rispose e disse loro: In verità, in verità vi dico: Il Figlio non può fare nulla da sé, solo ciò vede il padre fare; per quello che fa, il figlio fa lo stesso. Perché il padre ama il figlio e gli mostra tutto ciò che fa e gli mostrerà opere ancora più grandi, così che tu rimarrai stupito (Giovanni 5,17:19, 20). "

L'invito di Dio a noi di lavorare con lui, tuttavia, conduce sempre a una crisi di fede, che richiede fede e azione da parte nostra. Quando Dio ci invita a unirsi a lui nella sua opera, ha un compito che ha un formato divino che non possiamo creare da soli. Questo è, per così dire, un punto di crisi della fede quando dobbiamo decidere di seguire ciò che Dio ci dice di fare.

La crisi della fede è un punto di svolta in cui devi prendere una decisione. Devi decidere cosa pensi di Dio. Il modo in cui reagisci a questo punto di svolta determinerà se tu continui a essere coinvolto con Dio in qualcosa di divino, che cosa solo lui può fare, o se continui sulla tua strada e manchi ciò che Dio ha pianificato per la tua vita. Questa non è un'esperienza unica: è un'esperienza quotidiana. Il modo in cui vivi la tua vita è la testimonianza di ciò in cui credi in Dio.

Una delle cose più difficili che noi cristiani dobbiamo fare è rinnegare noi stessi, prendere su di noi la volontà di Dio e farlo. La nostra vita deve essere centrata su Dio, non su me. Se Gesù è diventato il Signore della nostra vita, ha il diritto di essere Signore in tutte le situazioni. Dobbiamo fare grandi cambiamenti [riallineamenti] nella nostra vita per unirci a Dio nella Sua opera.

L'obbedienza richiede completa dipendenza da Dio

Sperimentiamo Dio obbedendo a lui e facendo il suo lavoro attraverso di noi. Un punto importante da ricordare è che non puoi continuare la tua vita come al solito, rimanere dove sei ora e andare con Dio allo stesso tempo. Le regolazioni sono sempre necessarie e segue l'obbedienza. L'obbedienza richiede una completa dipendenza da Dio in modo che possa lavorare attraverso di te. Se siamo disposti a subordinare ogni cosa nella nostra vita alla Signoria di Cristo, scopriremo che gli aggiustamenti che facciamo valgono veramente la ricompensa di sperimentare Dio. Se non hai speso tutta la tua vita nel regno di Cristo, ora è il momento di prendere la decisione di negare te stesso, prendere la tua croce e seguirlo.

«Se mi ami, obbedirai ai miei comandamenti. E voglio chiedere al Padre, e ti darà un altro consolatore che sarà con te per sempre: lo spirito di verità che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Lo conosci, perché sta con te e sarà in te. Non voglio lasciarti come orfani; Vengo da te È ancora un po 'di tempo, quindi il mondo non mi vedrà più. Ma dovresti vedermi, perché vivo, e anche tu dovresti vivere. Quel giorno vedrai che sono in mio padre e tu in me e io in te. Chiunque abbia i miei comandamenti e li osservi è colui che mi ama. Chiunque mi ami sarà amato da mio padre e io lo amerò e mi rivelerò a lui " (Giovanni 14,15-21).

L'obbedienza è un'espressione visibile esteriore del nostro amore per Dio. In molti modi, l'obbedienza è il nostro momento di verità. Quello che faremo sarà

  1. rivelare ciò in cui crediamo veramente di lui
  2. determinare se sperimentiamo il suo lavoro in noi
  3. determinare se possiamo conoscerlo in un modo più vicino e familiare

La grande ricompensa per l'obbedienza e l'amore è che Dio si rivelerà a noi. Questa è la chiave per sperimentare Dio nelle nostre vite. Quando ci rendiamo conto che Dio è intorno a noi è costantemente al lavoro, che sta portando avanti una relazione d'amore con noi che ci parla e ci invita a unirsi a noi nel suo lavoro, e noi siamo pronti a esercitare la fede e di agire Facendo obbedienza alle Sue istruzioni, verremo a conoscere Dio attraverso l'esperienza mentre facciamo il Suo lavoro attraverso di noi.

Libro di base: «Sperimenta Dio»

di Henry Blackaby