GOTT


Abbi fiducia in Dio

fiducia in dio

La fede significa semplicemente "fiducia". Possiamo fidarci completamente di Gesù per la nostra salvezza. Il Nuovo Testamento ci dice chiaramente che non siamo giustificati da qualsiasi cosa possiamo fare, ma semplicemente confidando in Cristo il Figlio di Dio. L'apostolo Paolo scrisse: "Quindi crediamo ora che l'uomo dovrebbe essere giusto senza le opere della legge, solo mediante la fede" (Romani 3,28).

La salvezza non dipende affatto da noi, solo da Cristo! Se confidiamo in Dio non c'è bisogno di cercare di nascondergli nessuna parte della nostra vita. Non abbiamo paura di Dio anche quando pecchiamo. Invece di temere, confidiamo in lui che non smetterà mai di amarci, starci accanto e aiutarci lungo la strada a superare i nostri peccati.

Se confidiamo in Dio, possiamo concederci nella totale fiducia che ci trasformerà nella persona che vogliamo che sia. Quando crediamo in Dio, scopriamo che Lui è la nostra priorità più alta, il fondamento e la sostanza delle nostre vite. Come disse Paolo ai filosofi di Atene, viviamo, tessiamo e siamo in Dio. Per noi è più importante di qualsiasi altra cosa - più prezioso di beni, denaro, tempo, reputazione e persino questa vita finita. Crediamo che Dio sappia cosa è meglio per noi e vogliamo piacere a lui. Lui è il nostro punto di riferimento, la nostra base per una vita significativa.

Vogliamo servirlo, non per paura, ma per amore, non per dispiacere, ma con gioia per libero arbitrio. Ci fidiamo del suo giudizio. Ci fidiamo della sua parola e dei suoi modi. Ci fidiamo di lui per darci un cuore nuovo, sempre più ...

Leggi di più ➜

La conoscenza di Gesù Cristo

040 la conoscenza di jesu christi

Molte persone conoscono il nome di Gesù e sanno qualcosa della sua vita. Celebrano la sua nascita e commemorano la sua morte. La conoscenza del Figlio di Dio, tuttavia, va molto più in profondità. Poco prima della sua morte, Gesù pregò per i suoi seguaci a questa realizzazione: "Ma questa è la vita eterna, che conoscono l'unico vero Dio, e che tu hai mandato, per conoscere Gesù Cristo" (Jn 17,3).

Paolo scrisse quanto segue sulla conoscenza di Cristo: "Ma quello che era un guadagno per me, contavo come un danno per amore di Cristo; sì, ora considero anche tutto come un danno contro la conoscenza del tutto superiore di Cristo Gesù, mio ​​Signore, per amore del quale ho rinunciato a tutto e io la considero come una sporcizia, per poter vincere Cristo "(Fil 3,7: 8).

Per Paolo, conoscere Cristo è l'essenziale, tutto il resto non aveva importanza, tutto il resto lo considerava spazzatura, spazzatura da buttare via. La conoscenza di Cristo è così radicalmente importante per noi quanto lo è per Paolo? Come possiamo ottenerlo? Come si esprime?

Questa conoscenza non è qualcosa che esiste solo nei nostri pensieri, include una partecipazione diretta alla vita di Cristo, una crescente comunione di vita con Dio e suo Figlio Gesù Cristo attraverso lo Spirito Santo. È diventare uno con Dio e suo Figlio. Dio non ci dà questa conoscenza tutta in una volta, ma ce la dà pezzo per pezzo. Vuole che cresciamo in grazia e conoscenza. (2. Petr. 3,18).

Ci sono tre aree di esperienza che consentono la nostra crescita: il volto di Gesù, la Parola di Dio, il servizio e la sofferenza. 

1. Cresciuto in faccia a Gesù

Se vogliamo conoscere qualcosa in dettaglio, lo esaminiamo da vicino. Osserviamo e ...

Leggi di più ➜