Ascensione e seconda venuta di Cristo

In Atti 1,9, ci viene detto, "E quando lo disse, fu rapidamente sollevato e una nuvola lo portò via dai loro occhi". Allo stesso tempo, sorge una semplice domanda: perché?

Perché Gesù ascese al cielo in questo modo?

Ma prima di arrivare di nuovo a questa domanda, diamo un'occhiata ai seguenti tre versi: E mentre ancora nachschauten il Salvatore di fuga è apparso accanto a loro due uomini vestiti di bianco: "Uomini di Galilea", hanno detto, "perché state e guarda il cielo? Questo Gesù, che è stato portato via in cielo da te, tornerà come lo hai visto andare in paradiso. Poi tornarono a Gerusalemme dal monte detto degli Ulivi, che è vicino a Gerusalemme, un giorno di sabato "(v 10-12).

Questo passaggio riguarda due punti fondamentali: Gesù andrà in paradiso e tornerà di nuovo. Entrambi sono importanti nella fede cristiana, ed entrambi fanno parte del Credo degli Apostoli. Prima di tutto, Gesù è salito al cielo. Questo è comunemente chiamato il cielo di Cristo, una festa che si celebra ogni anno il giovedì 40 giorni dopo Pasqua.

Inoltre, questa scrittura indica che Gesù ritornerà - ritornerà nello stesso modo in cui è asceso al cielo. Secondo me, quest'ultimo punto indica la ragione per cui Gesù visibilmente è andato in paradiso per tutti - in questo modo è stato sottolineato che tornerà a tutti in modo altrettanto visibile.

Sarebbe stato facile per lui lasciare solo conoscere i suoi discepoli che sarebbe tornato al padre e un giorno tornare sulla terra - sarebbe facile, come è stato in altri tempi, scomparso, ma questa volta senza essere visto di nuovo , Un'altra ragione teologica per cui è visibilmente fluttuante in cielo è sconosciuta a me. Voleva dare un segnale ai suoi discepoli e attraverso di loro, per trasmettere un messaggio specifico.

Svanendo visibilmente per tutti, Gesù chiarì che non sarebbe stato solo dalla terra, ma si sarebbe seduto alla destra del Padre suo in cielo per sostenerci come l'eterno Sommo Sacerdote. Come diceva un autore, Gesù è "il nostro uomo nei cieli". Nel regno dei cieli abbiamo qualcuno che capisce chi siamo, che conosce le nostre debolezze e bisogni, perché è lui stesso un essere umano. Anche in paradiso è ancora umano e dio.

Anche dopo la sua ascensione, le Sacre Scritture lo chiamano un essere umano. Quando Paolo predicò agli Ateniesi sull'Areopago, disse che Dio avrebbe giudicato il mondo da una persona nominata da lui, e che lui era Gesù Cristo. E quando scrisse Timoteo, gli parlò dell'uomo di Cristo Gesù. È ancora un essere umano e in quanto tale ancora corporeo. Dal suo corpo è risorto dalla morte ed è salito fisicamente al cielo. Il che ci porta alla domanda, dove è esattamente quel corpo ora? Come può un Dio onnipresente, né spazialmente né materialmente allo stesso tempo esistere fisicamente in un certo luogo?

Il corpo di Gesù sta sospeso da qualche parte nello spazio? Non lo so Inoltre non so come Gesù possa camminare attraverso porte chiuse o elevarsi alla legge di gravità nell'aria. Ovviamente, le leggi fisiche non si applicano a Gesù Cristo. È ancora fisicamente esistente, ma non riposa non quei limiti, che sono comuni alla corporeità. Questo ancora non risponde alla domanda sull'esistenza locale del Corpo di Cristo, ma potrebbe non essere la nostra più grande preoccupazione, vero?

Dobbiamo sapere che Gesù è nei cieli, ma non esattamente dove. Per noi è più importante conoscere il corpo spirituale di Cristo, come Gesù sta attualmente lavorando sulla terra all'interno della comunità ecclesiale. E lo fa attraverso lo Spirito Santo.

Con la sua risurrezione corporale, Gesù diede un segno visibile che avrebbe continuato a esistere sia come essere umano che come un dio. Siamo quindi certi che, come sommo sacerdote, ha una comprensione delle nostre debolezze, come è chiamato in Ebrei. Con l'ascensione visibile a tutti, una cosa diventa chiara: Gesù non è semplicemente svanito - piuttosto, come nostro sommo sacerdote, avvocato e mediatore, continua il suo ministero solo in un modo diverso.

Un'altra ragione

Vedo ancora un altro motivo per cui Gesù è asceso al cielo fisicamente e per tutti. Secondo Giovanni 16,7, Gesù disse ai suoi discepoli: "È bello per te che me ne vada. Perché se non me ne vado, il consolatore non verrà da te. Ma se me ne vado, lo manderò da te. "

Non sono sicuro del perché, ma ovviamente, l'Ascensione di Gesù doveva essere prima di Pentecoste. E quando i discepoli videro Gesù salire al cielo, furono subito certi della venuta dello Spirito Santo promesso.

Quindi, non c'era tristezza, almeno nulla è menzionato negli Atti. Uno non era preoccupato del fatto che i bei vecchi tempi trascorsi con Gesù, presente fisicamente, appartenevano al passato. Anche il passato comune non era idealizzato. Piuttosto, uno guardava con gioia verso il futuro, il che prometteva di portare molto più significativo, come Gesù aveva promesso.

Se seguiamo il libro degli Atti, leggiamo di un'enorme attività tra i fratelli 120. Si erano uniti per pregare e pianificare il lavoro davanti a loro. Sapevano che avevano un incarico da compiere, e

quindi, hanno scelto un apostolo per stare al posto di Giuda. Erano noti per essere stati apostoli di Xnumx a nome del nuovo Israele, la cui ragione Dio aveva posto. Si erano incontrati per un incontro congiunto; perché c'era molto da decidere.

Gesù aveva già ordinato loro di andare come suoi testimoni in tutto il mondo. Dovevano semplicemente aspettare a Gerusalemme, come Gesù aveva comandato loro, fino alla concessione del potere spirituale, finché non fosse stato ricevuto il Consolatore Promesso.

Così l'Ascensione di Gesù divenne come un tamburo drammatico, un momento di tensione in previsione della scintilla iniziale che avrebbe catapultato gli apostoli in sfere sempre più ampie del loro ministero. Come Gesù aveva promesso loro, avrebbero dovuto compiere cose ancora più grandi in virtù dello Spirito Santo rispetto al Signore stesso e l'ascensione visibile di Gesù a Gesù promise che sarebbero accadute cose più significative.

Gesù chiamò lo Spirito Santo "un altro Consolatore" (Jn 14,16); in greco ci sono ora due termini diversi per "altri". Uno indica qualcosa di simile, l'altro qualcosa di diverso; Gesù evidentemente significava qualcosa di simile. Lo Spirito Santo è simile a Gesù. Rappresenta una presenza personale di Dio, non solo una
potere soprannaturale. Lo Spirito Santo vive, insegna e parla; lui prende le decisioni. È una persona, una persona divina, e come tale parte dell'unico Dio.

Lo Spirito Santo è così simile a Gesù che possiamo dire che Gesù vive in noi, vive nella comunità ecclesiale. Gesù disse che sarebbe venuto e stare con i credenti - in loro dimora - e lo farà nella forma dello Spirito Santo. Così Gesù se ne andò, ma non ci lasciò a noi stessi: ci ritorna attraverso lo Spirito Santo interiore.

Ma sarà anche fisico e visibile a tutti, e credo che questa sia stata la ragione principale per la sua ascensione nella stessa forma. Non dovremmo supporre che Gesù fosse già qui sulla terra nella forma dello Spirito Santo e quindi sia già tornato, così che non ci sia più nulla da aspettarsi di ciò che abbiamo già.

No, Gesù chiarisce che il suo ritorno non è niente di segreto, invisibile. Sarà chiaro come la luce del giorno, chiaro come il sorgere del sole. Sarà visibile a tutti e la sua Ascensione è stata visibile a tutti sul Monte degli Ulivi quasi 2000 anni fa.

Questo ci fa sperare che possiamo aspettarci qualcosa di più di ciò che ci circonda ora. Al momento vediamo molta debolezza. Riconosciamo le nostre debolezze, quelle della nostra chiesa e quelle della cristianità nel suo complesso. Siamo certamente uniti dalla speranza che le cose andranno per il meglio e Cristo ci assicura che interverrà in modo drammatico per dare al regno di Dio un impeto di dimensioni inimmaginabili.

Non lascerà le cose come sono. Tornerà proprio mentre i suoi discepoli lo vedevano svanire nel cielo: fisico e visibile a tutti. Questo include anche un dettaglio a cui non attribuirei tanta importanza: le nuvole. La Bibbia promette che Gesù, come fu rapito da una nuvola in cielo, tornerà di nuovo, trasportato dalle nuvole. Non so quale significato profondo sia insito in loro - probabilmente simboleggiano gli angeli che appaiono insieme a Cristo, ma saranno anche visti nella loro forma originale. Questo punto è certamente meno importante.

Al centro di tutto ciò, tuttavia, c'è il drammatico ritorno di Cristo stesso, che sarà accompagnato da lampi di luce, suoni assordanti e apparizioni fenomenali del Sole e della Luna, e chiunque sarà in grado di testimoniarlo. Sarà indubitabile. Nessuno sarà in grado di dire che è avvenuto nel luogo. Quando Cristo ritorna, questo evento sarà percepito ovunque, e non verrà messo in discussione da nessuno.

E quando si tratta di questo, noi, come Paul, nell'1. Eseguendo i Tessalonicesi, il mondo raggiunse Cristo nell'aria. In questo contesto parliamo del Rapimento, che non avverrà in segreto, ma sarà visibile a tutti in pubblico; tutti seguiranno il ritorno di Cristo sulla terra. E così condividiamo l'Ascensione di Gesù così come nella sua crocifissione, sepoltura e risurrezione. Anche noi saliremo in cielo per incontrare il Signore che ritorna, e anche noi ritorneremo sulla terra.

Fa la differenza?

Tuttavia, non sappiamo quando accadrà tutto questo. Cambia qualcosa per quanto riguarda il nostro modo di vivere? Ecco come dovrebbe essere. In 1. Lettera Corinthians e in 1. La Lettera di Giovanni trova spiegazioni pratiche. Questo è il nome di 1. Epistola di Giovanni 3,2-3: "Miei cari, siamo già figli di Dio; ma non è ancora chiaro cosa saremo. Ma sappiamo che quando sarà rivelato, saremo come lui; perché lo vedremo così com'è. E chiunque ha una tale speranza in lui si purifica, proprio come è puro. "

Quindi Giovanni afferma che i credenti obbediscono a Dio; non vogliamo vivere una vita peccaminosa. La nostra convinzione che Gesù tornerà e saremo come lui ha implicazioni pratiche. Ci fa provare a lasciare i peccati dietro. Questo, a sua volta, non significa che salveremo i nostri sforzi o che il nostro comportamento scorretto ci rovinerà; piuttosto, significa che cerchiamo di non peccare.

La seconda esecuzione biblica può essere trovata in 1. Corinzi 15 alla fine del capitolo della risurrezione. Secondo le sue dichiarazioni riguardanti il ​​ritorno di Cristo e la nostra risurrezione nell'immortalità, viene chiamato in Paul in versi 58: "Perciò, fratelli miei carissimi, state saldi, incrollabili, sempre abbondanti nell'opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana è nel Signore. "

Quindi davanti a noi giace il lavoro come prima dei primi discepoli. La missione data loro da Gesù in quel momento è valida anche per noi. Abbiamo un vangelo, un messaggio da annunciare; e abbiamo il potere dello Spirito Santo di compiere questa missione. Quindi c'è un lavoro davanti a noi. Non abbiamo bisogno di aspettare pigramente nell'aria per aspettare il ritorno di Gesù. Per inciso, anche noi non abbiamo bisogno di cercare nelle Scritture gli indizi per capire esattamente quando ciò accadrà perché la Bibbia ci indica chiaramente che non sta a noi sapere. Invece, abbiamo la promessa che tornerà, e questo dovrebbe essere sufficiente per noi. C'è un lavoro davanti a noi e dovremmo dedicarci all'opera del Signore con tutte le nostre forze perché sappiamo che questo lavoro non è inutile.

di Michael Morrison


pdfAscensione e seconda venuta di Cristo