Storia di Jeremy

La storia di 148 di JeremyJeremy era nato con un corpo sfigurato, una mente lenta e una malattia cronica e incurabile che aveva lentamente ucciso tutta la sua giovane vita. Tuttavia, i suoi genitori avevano cercato di dargli una vita normale il più possibile e quindi lo hanno mandato in una scuola privata.

All'età di 12, Jeremy era solo in seconda elementare. La sua insegnante, Doris Miller, era spesso disperata con lui. Si spostò sulla sedia, sbavando e facendo grugniti. A volte parlava di nuovo chiaramente, come se una luce brillante fosse penetrata nell'oscurità del suo cervello. La maggior parte del tempo, tuttavia, Jeremy ha suscitato il suo insegnante. Un giorno, chiamò i suoi genitori e chiese loro di andare a scuola per un consiglio.

Quando i Forresters si sedettero tranquillamente nell'aula vuota, Doris disse loro: "Jeremy appartiene davvero a una scuola speciale. Non è giusto per lui stare con altri bambini che non hanno problemi di apprendimento ".

La signora Forrester piangeva sommessamente a se stessa quando suo marito ha detto, "la signora Miller," ha detto, "sarebbe uno shock terribile per Jeremy se abbiamo dovuto portarlo fuori dalla scuola. Sappiamo che gli piace essere qui. "

Doris rimase lì a lungo, quando i genitori se ne furono andati, fissò la finestra dalla neve. Non era giusto tenere Jeremy nella sua classe. Doveva insegnare ai bambini di 18 e Jeremy era un fallimento. All'improvviso si sentirono in colpa. "Oh Dio," esclamò ad alta voce, "qui mi lamento, anche se i miei problemi non sono nulla in confronto a questa povera famiglia! Per favore aiutami ad essere più paziente con Jeremy! "

Arrivò la primavera e i bambini parlarono con entusiasmo della Pasqua imminente. Doris ha raccontato la storia di Gesù e poi, per enfatizzare l'idea che una nuova vita germoglia, ha dato ad ogni bambino un grande uovo di plastica. "Bene," disse loro, "voglio che tu porti questa casa e la porti indietro domani con qualcosa che mostra una nuova vita. Capisci?

"Sì, signora Miller!" I bambini risposero con entusiasmo, tutto tranne Jeremy. Semplicemente ascoltava attentamente, i suoi occhi sempre fissi sul suo viso. Si chiese se avesse capito il compito. Forse potrebbe chiamare i suoi genitori e spiegare loro il progetto.

La mattina dopo, i bambini di 19 sono venuti a scuola, ridendo e raccontando mentre posavano le uova nel grande cesto di vimini sul tavolo della signora Miller. Dopo aver fatto lezione di matematica, era ora di aprire le uova.

Nel primo uovo Doris ha trovato un fiore. "Oh sì, un fiore è certamente un segno di nuova vita", ha detto. "Quando le piante spuntano da terra, sappiamo che la primavera è qui." Una bambina in prima fila alzò le mani. "Questo è il mio uovo, la signora Miller", ha esclamato.

L'uovo successivo conteneva una farfalla di plastica che sembrava molto reale. Doris sostenne: "Sappiamo tutti che un bruco si trasforma e si trasforma in una bellissima farfalla. Sì, anche questa è una nuova vita ". La piccola Judy sorrise con orgoglio e disse: "Signora Miller, questo è il mio uovo".

Doris poi ha trovato una pietra con muschio su di esso. Ha spiegato che il muschio rappresentava anche la vita. Billy rispose dall'ultima fila. "Mio padre mi ha aiutato", sorrise. Quindi Doris aprì il quarto uovo. Era vuoto! Deve essere di Jeremy, pensò. Non doveva capire le istruzioni. Se solo non avesse dimenticato di chiamare i suoi genitori. Non volendo metterlo in imbarazzo, mise in silenzio l'uovo e ne prese un altro.

All'improvviso Jeremy intervenne. "Signora Miller, non vuoi parlare del mio uovo?"

Eccitata, Doris rispose: "Ma Jeremy - il tuo uovo è vuoto!" La guardò negli occhi e disse sottovoce: "Ma anche la tomba di Gesù era vuota!"

Il tempo si è fermato. Quando fu catturata di nuovo, Doris gli chiese: "Sai perché la tomba era vuota?"

"Oh si! Gesù è stato ucciso e messo lì. Poi suo padre lo ha allevato! "Il campanello suonò. Mentre i bambini correvano verso il cortile della scuola, Doris piangeva. Tre mesi dopo, Jeremy è morto. Coloro che lo onorarono al cimitero furono sorpresi di vedere le uova 19 sulla sua bara, tutte vuote.

La buona notizia è così semplice - Gesù è risorto! Possa il suo amore riempirti di gioia durante questo periodo di celebrazione spirituale.

di Joseph Tkach


pdfStoria di Jeremy