La saggezza di Dio

059 la saggezza di DioC'è un versetto saliente nel Nuovo Testamento in cui l'apostolo Paolo parla della croce di Cristo come una follia per i greci e una seccatura per gli ebrei (1Kor 1,23), È facile capire perché fa questa affermazione. Dopotutto, dal punto di vista dei greci, la sofisticazione, la filosofia e l'educazione erano un'aspirazione sublime. Come potrebbe una persona crocifissa trasmettere la conoscenza a tutti?

Per la mente ebraica era un grido e un desiderio di essere liberi. Nella loro storia, furono attaccati da numerosi poteri e spesso umiliati dai poteri occupanti. Sia che si trattasse di Assiri, Babilonesi o Romani, Gerusalemme è stata più volte saccheggiata e i suoi abitanti sono rimasti senza casa. Cosa vorrebbe un ebreo per qualcosa di più di qualcuno che si sarebbe preso cura di lui e colpire di nuovo il nemico? Come potrebbe un Messia che è stato crocifisso essere di qualche aiuto?

Per i greci, la croce era follia. Per l'ebreo era una seccatura, un ostacolo. Cosa c'è in relazione alla croce di Cristo, perché ha risolutamente sfidato ciò che il potere ha goduto? La crocifissione era umiliante, vergognosa. Era così umiliante che i romani, che erano così specializzati nell'arte della tortura, garantivano ai propri cittadini che un romano non sarebbe mai stato crocifisso. Ma non era solo umiliante, era anche angosciante. Infatti, la parola inglese straziante (dolorosa) deriva da due parole latine: "ex cruciatus" o "from the cross". La crocifissione era la parola significativa per l'agonia.

Questo non ci fa fermare? Ricorda: Umiliazione e Tormento: questo è stato il modo in cui Gesù ha scelto di estendere la sua mano salvifica per noi. Vedete, ciò che chiamiamo peccato, ma tragicamente banalizzante, abbatte la dignità per la quale siamo stati creati. Porta umiliazione al nostro essere e dolore alla nostra esistenza. Lei ci separa da Dio.

Il Venerdì Santo, duemila anni fa, Gesù ha assunto l'umiliazione più estrema e il dolore estremo per riportarci alla dignità di una relazione con Dio e alla guarigione della nostra anima. Ti ricorderai che questo è stato fatto per te e accetteresti il ​​suo regalo?

Allora scoprirai che è il peccato che è follia. La nostra più grande debolezza non è un nemico dall'esterno, ma il nemico dall'interno. È la nostra debole volontà che ci fa inciampare. Ma Gesù Cristo ci libera dalla follia del peccato e dalla debolezza di noi stessi.

Questa è la vera ragione per cui l'apostolo ha continuato a predicare che stava predicando Gesù Cristo crocifisso, che era il potere di Dio e la saggezza di Dio. Vieni alla croce e scopri la sua forza e saggezza.

di Ravi Zacharias


pdfLa saggezza di Dio