Fede: vedi l'invisibile

Sono solo da cinque a sei settimane prima di celebrare la morte e la risurrezione di Gesù. Due cose sono capitate a noi quando Gesù è morto e cresciuto. Il primo è che siamo morti con lui. E la seconda cosa è che siamo cresciuti con lui.

L'apostolo Paolo esprime così: Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio. Pensate alle cose di lassù, non a quelle della terra. Voi infatti siete morti e la vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio. Quando Cristo che è la nostra vita apparirà, allora anche voi apparirete con lui nella gloria (Col. 3,1-4).

Quando Cristo è morto sulla croce per i nostri peccati, tutta l'umanità è morta lì, incluso te e me, in senso spirituale. Cristo è morto come nostro rappresentante, al posto nostro. Ma non semplicemente come nostro sostituto, è morto e si è alzato in piedi come rappresentante [rappresentante] dai morti. Ciò significa che quando è morto e cresciuto, siamo morti con lui e siamo cresciuti con lui. Significa che il Padre ci accetta sulla base di ciò che siamo in Cristo, il suo amato Figlio. Gesù ci rappresenta davanti al Padre in tutto ciò che facciamo in modo che non siamo più noi a farlo, ma Cristo in noi. In Gesù siamo stati liberati dal potere del peccato e dalla sua punizione. E in Gesù, abbiamo una nuova vita in lui e il Padre attraverso lo Spirito Santo. La Bibbia la chiama rinascere o dall'alto. Siamo nati dall'alto per mezzo del potere dello Spirito Santo per vivere una vita piena in una nuova dimensione spirituale.

Secondo il versetto che abbiamo letto in precedenza, così come molti altri versetti, viviamo con Cristo in un regno celeste. Il vecchio sé morì e un nuovo sé prese vita. Ora sono una nuova creazione in Cristo. L'eccitante verità di essere una nuova creazione in Cristo è che ora siamo identificati con lui e lui con noi. Non dovremmo mai considerarci separati, lontani da Cristo. La nostra vita è nascosta con Cristo in Dio. Siamo completamente identificati con Cristo. La nostra vita è in lui. Lui è la nostra vita. Siamo tutt'uno con lui. Viviamo in esso. Non siamo solo abitanti terreni; siamo anche abitanti del cielo. Mi piace descriverlo come vivente in due fusi orari: i fusi orari temporanei, fisici ed eterni, celesti. È facile dire quelle cose. È più difficile vederli. Ma sono vere, anche se lottiamo con tutti i problemi quotidiani che affrontiamo.

Paul lo ha descritto in 2. Corinzi 4,18 come segue: Noi, che non vediamo sul visibile, ma sull'invisibile. Per ciò che è visibile, ciò è temporale; ma ciò che è invisibile è eterno. Questo è esattamente il punto di tutto questo. Questa è l'essenza della fede. Vedere questa nuova realtà di chi siamo in Cristo cambia tutto il nostro modo di pensare, incluso ciò che stiamo vivendo in questo momento. Quando ci vediamo come viventi in Cristo, fa un'enorme differenza nel modo in cui siamo in grado di affrontare gli affari di questa vita presente.

di Joseph Tkach


pdfFede: vedi l'invisibile